Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione Pagina 2 di 2
Vai a Precedente  1, 2
«QUEL MALEVICH QUADRATO»
Autore Messaggio
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «QUEL MALEVICH QUADRATO» 
 
IL «QUADRATO NERO» MAI ABBANDONERA’ LA GALLERIA TRETJAKOV
«ЧЁРНЫЙ КВАДРАТ» НИКОГДА НЕ ПОКИНЕТ ТРЕТЬЯКОВКУ

Il «Quadrato Nero» di Kazimir Malevich dipinto nel 1915 non abbandonerà mai la Galleria Tretjakov. L’ultima volta il «Quadrato Nero» parti a New York da Mosca nel 2003 alla Mostra «Suprematismo di Malevich». Da allora il quadro non abbandonava la Galleria Tretjakov e non l’abbandonerà più mai. È un’importantissima opera d’arte mondiale e dovrà restare per sempre alla Patria.  

  




____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «QUEL MALEVICH QUADRATO» 
 
«Личность в квадрате»
«Personality Squared»
Kazimir Malevich è entrato nella storia principalmente come autore della «Quadrato Nero» - un manifesto, uno schiaffo di fronte al gusto pubblico, una dichiarazione al tramonto dell'arte tradizionale. Poco si sa che tali esperimenti erano solo una delle fasi del lavoro dell'artista. Un abile ingannatore scolpì la propria immagine: cambiò le date delle opere, inventò favole, presentando al mondo l'innovatore-suprematista. Altre ipotesi rimasero nell'ombra: Malevich il realista e Malevich l'impressionista.

  




____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «QUEL MALEVICH QUADRATO» 
 
«KAZIMIR MALEVICH» «КАЗИМИР МАЛЕВИЧ»
Il 21 giugno 1915 Kazemir Malevich termina il famoso dipinto «Il Quadrato nero» («Чёрный квадрат») - l'opera più famosa dell'avanguardia. Per la prima volta, Malevich ha disegnato una figura simile nell'anno della produzione dell'opera «La Vittoria sul Sole» («Победа над солнцем») del compositore russo Mikhail Matjushin nel 1913. Dopo la creazione di «Il Quadrato nero» accolta con entusiasmo alla mostra di futuristi, dove l'artista ha anche presentato i dipinti «Il Circolo nero» («Чёрный круг») e «La Croce nera» («Чёрный крест»). Nel 2015, a causa dell'esame, è stato scoperto che un quadrato nero era dipinto su due immagini a colori. Sotto la tela, i critici d'arte hanno trovato un'iscrizione fatta dalla mano di Malevich, che presumibilmente può essere letta come «la battaglia dei neri di notte». Questo nome si riferisce alla tela dello scioccante giornalista e attivista francese Alfons Alle, intitolato «La battaglia dei neri nella caverna nel profondo della notte». L'immagine con quel nome - un quadrato nero in una cornice - è stata dipinta da un eccentrico francese diversi anni prima di Kazimir Malevich nel 1893.

  




____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «QUEL MALEVICH QUADRATO» 
 
Kazimir Malevich Казимир Малевич
«IL QUADRATO NERO» «ЧЁРНЫЙ КВАДРАТ»
Casa Editrice «Arka» San Pietroburgo 2019 (Pagine 92)
Издательство «Арка» Санкт-Петербург 2019

Questa raccolta comprende le opere di Malevich dedicate alla teoria dell'arte non oggettiva, tra cui la più famosa è «Il mondo come non oggettivo» («Мир как беспредметность»), che occupa un posto centrale nel patrimonio artistico e critico creativo dell'autore. In questo lavoro molto interessante, Malevich agisce come una sorta di divulgatore della «teoria del suprematismo», che lui stesso definisce "un sistema di colori filosofico per l'attuazione di nuove conquiste delle mie idee come conoscenza".
«Ho sconfitto il rivestimento del cielo colorato, l'ho strappato e ho messo i colori nella borsa risultante e l'ho legato in un nodo. Nuotare! Bianco abisso libero, infinito davanti a te» - queste parole di Malevich sono diventate profetiche, perché solo grazie alla sua «svolta» c'è tutta la storia della pittura del secolo scorso, completa ricerca continua di nuove forme artistiche e mezzi espressivi.

  

IL QUADRATO NERO».jpg
Descrizione: Kazimir Malevich «IL QUADRATO NERO»
Casa Editrice «Arka» San Pietroburgo 2019 (Pagine 92) 
Dimensione: 8.27 KB
Visualizzato: 4354 volta(e)

IL QUADRATO NERO».jpg







____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «QUEL MALEVICH QUADRATO» 
 
I personaggi dei suoi primi dipinti d'avanguardia erano un bagnante, un giardiniere e un lucidatore. «Mietitrice» e «Falciatrice» sono stati giustiziati nello spirito del neo-primitivismo, «Donna con secchi» - in chiave cubo-futuristica. Ha chiamato il Suprematismo «nuovo realismo» e ha sostenuto che un artista non dovrebbe copiare la natura, ma deve costruire i propri mondi artistici. Ha preso tre figure come base per i suoi progetti: una croce, un cerchio e un quadrato. Il 23 febbraio 1879 nacque l'artista, teorico d'arte e filosofo Kazimir Malevich.
  




____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «QUEL MALEVICH QUADRATO» 
 
«LA MIETITRICE» di Kazimir Malevich
«ЖНИЦА» Казимира Малевича

Canone iconografico e fauvismo in un'unica tela. Kazimir Malevich dipinse il quadro «La Mietitrice» («Жница») nello spirito del neo-primitivismo, un programma artistico apparso all'inizio degli anni '10. Gli autori di questa tendenza hanno creato le loro opere principalmente dal 1908 al 1913. I neoprimitivisti abbandonarono la pittura accademica; si può rintracciare nelle loro tele l'influenza della tradizione folcloristica russa e, allo stesso tempo, del modernismo francese. Ad esempio, i colori intensi e luminosi e l'assenza di chiaroscuro, come nella tela «La Mietitrice», sono una caratteristica del Fauvismo, il movimento modernista francese del primo Novecento. Una combinazione di colori tenui, una composizione planare e una prospettiva inversa, in cui gli oggetti rimossi dallo spettatore sono raffigurati ingranditi, sono segni del canone della pittura di icone russa. Serie contadina di Kazimir Malevich. L'artista ha creato diverse serie in cui ha raffigurato «lavoratori». La tela «La Mietitrice» è la prima serie di contadini, l'artista ci stava lavorando solo all'inizio degli anni '10. In questo momento sono apparse anche «Il Falciatore» («Косарь»), «Contadina con secchi e un bambino» («Крестьянка с ведрами и ребенком»), «Raccolto di segale» («Уборка ржи»). Tutto è in stile neoprimitivismo: le figure dei contadini sono volutamente ingrandite, dipinte nel modo più semplice e piatto possibile. Presto l'artista passò al cubo-futurismo e le sagome dei personaggi iniziarono a essere raffigurate con forme geometriche.

  

LA MIETITRICE» di Kazimir Malevich.jpg
Descrizione: «LA MIETITRICE» di Kazimir Malevich 
Dimensione: 30.17 KB
Visualizzato: 3601 volta(e)

LA MIETITRICE» di Kazimir Malevich.jpg







____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «QUEL MALEVICH QUADRATO» 
 
Il Fondo Letterario «Литфонд» metterà all'asta una delle pubblicazioni più costose dell'avanguardia russa: l'album del 1920 «Suprematismo: 34 Disegni» di Kazimir Malevich. La tiratura era di 100 copie. Dei 14 esemplari conosciuti sopravvissuti, 11 si trovano all'estero. La più grande rarità, forse una delle pubblicazioni russe più costose. Il libro «Suprematismo. 34 disegni» fu pubblicato alla fine del 1920. Il libro è stato disegnato e scritto in risposta alla richiesta degli studenti.
  




____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «QUEL MALEVICH QUADRATO» 
 
Kazimir Malevich Казимир Малевич
«LO SPECCHIO SUPREMATICO»
«СУПРЕМАТИЧЕСКОЕ ЗЕРКАЛО»
Casa Editrice «Palmira» San Pietroburgo 2023
Издательство «Пальмира» Санкт-Петербург 2023

Nella figura di Kazimir Malevich si esprimeva più chiaramente lo spirito rivoluzionario che permeava l'arte europea all'inizio del XX secolo. Tenendo conto dell'esperienza del cubismo e del futurismo, l'artista ha compiuto il passo successivo, liberando la forma dal contenuto al di fuori di essa e dichiarando il primato dell'energia del colore. Così è nata una nuova direzione radicale dell'avanguardia: il suprematismo. Il famoso "Quadrato Nero" divenne il suo manifesto pittorico, ma per Malevich l'istituzione di nuovi principi estetici era una questione non solo di pratica artistica, ma anche di profonda riflessione filosofica, incarnata in molti articoli, dichiarazioni e trattati. Questa pubblicazione ha lo scopo di far conoscere al lettore l'eredità di Malevich, il teorico e pensatore. La collezione comprende opere selezionate, molte delle quali pubblicate durante la vita dell'artista nel 1916-1928, mentre altre sono state ritrovate negli archivi e hanno visto la luce solo negli anni '90 del secolo scorso. La maggior parte delle opere è stampata preservando lo stile, l'uso delle parole e l'ortografia dell'autore, consentendo di vedere l'originalità della lingua di Malevich. Negli ultimi decenni, le opere del geniale inventore del Suprematismo hanno dimostrato il loro indiscutibile valore per la storia e la filosofia dell'arte, e l'ardente energia del pensiero che le illumina ci trasmette ancora il rombo della lotta ideologica che si svolge nell'arena artistica dell'avanguardia.

  

Kazimir Malevich.jpg
Descrizione: Kazimir Malevich «LO SPECCHIO SUPREMATICO»
Casa Editrice «Palmira» San Pietroburgo 2023 
Dimensione: 35.67 KB
Visualizzato: 1584 volta(e)

Kazimir Malevich.jpg







____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «QUEL MALEVICH QUADRATO» 
 
«LA BATTAGLIA DEI NEGRI DI NOTTE»
«БИТВА НЕГРОВ НОЧЬЮ»
«BATTLE OF BLACKS AT NIGHT»
«BATAILLE DES NOIRS LA NUIT»

Perché il «Quadrato nero» («Чёрный квадрат») di Kazimir Malevich (Казимир Малевич, 1879-1935) è così famoso, qual è il segreto della sua unicità? Nella storia dell'arte sono molte le opere che suscitano accese polemiche e dibattiti. Ma solo uno di loro, ovviamente, si distingue per il suo mistero e significato simbolico: questo è il «Quadrato Nero» dell'artista russo Kazimir Malevich. La tela fu dipinta da Kazimir Malevich nel 1915 e divenne una delle opere più significative della storia dell'arte, divenne la più discussa e, di conseguenza, la più famosa, la più riconoscibile tra gli altri dipinti della cultura artistica mondiale. L'opera è diventata un vero e proprio patrimonio culturale del nostro Paese ed è stata ampiamente riconosciuta negli ambienti internazionali. Un gran numero di musei sarebbe felice di esporre questo incredibile capolavoro. Nonostante ciò, il capolavoro del Suprematismo, «Quadrato nero», non lascerà mai più le mura della Galleria Tretjakov, dove è attualmente esposto e non sarà presentato nei musei stranieri. Nel 2003 il dipinto è stato inviato alla mostra «Il Suprematismo di Malevich» al Solomon Guggenheim Museum di New York. Si sono verificate difficoltà impreviste con l'invio del dipinto a casa. Alcuni intriganti hanno cercato in tutti i modi di tenere per sé il dipinto. Questa fu la fine dei suoi viaggi; da allora il dipinto è rimasto fedele alla sua casa nella Galleria Tretjakov di Mosca e non la lascerà mai più. Il «Quadrato nero» è uno degli oggetti d'arte più importanti dell'arte mondiale e la Galleria Tretjakov ne è orgogliosa. Ecco perché è stata presa la decisione di lasciare il dipinto tra le sue mura, in segno di rispetto per la storia e il significato di quest'opera d'arte, che continua a ispirare ed emozionare le persone in tutto il mondo. Il «Quadrato nero» non è stato creato da solo. Allo stesso tempo, Kazimir Malevich scrisse un intero ciclo di dipinti suprematisti, in cui l'artista lavorò con le possibilità fondamentali del colore e della composizione. È incluso nel trittico insieme al «Cerchio Nero» («Чёрный круг») e alla «Croce Nera» («Чёрный крест»), il che sottolinea l'importanza e il significato di quest'opera. Ma perché, tra tante opere, questa è diventata così famosa, perché il «Quadrato nero» ha ottenuto il riconoscimento universale? Nonostante la sua apparente semplicità, l'immagine nasconde molti misteri e segreti. Ad esempio, il quadrato di Malevich non è un quadrilatero regolare: i suoi angoli e bordi non rispettano le consuete regole geometriche. Inoltre, il colore «nero» in realtà non è affatto nero, è composto da diverse tonalità e nel lavoro sono state utilizzate non meno di tre vernici diverse. La fluoroscopia ha anche rivelato che ci sono altre due opere sotto il «Quadrato nero», che conferiscono strati e profondità al dipinto. Lo spessore delle vernici applicate ha causato la comparsa di craquelure, caratteristiche crepe sulla superficie del dipinto. Ciò non solo conferisce ulteriore consistenza all'opera, ma diventa anche una sorta di metafora del tempo, che lascia il segno in ogni cosa, anche nell'arte.

Ma una delle caratteristiche più misteriose e interessanti del dipinto è l'iscrizione nascosta lasciata da Kazimir Malevich e successivamente cancellata. Sono leggibili solo singole lettere e parole, ma i ricercatori suggeriscono che questa potrebbe essere la firma dell'opera o anche il suo titolo: «Battaglia dei negri di notte» («Битва негров ночью»). Ciò apre un nuovo significato e aggiunge simbolismo al lavoro dell’artista. Tutto ciò è così unico da conferire all’opera un vero capolavoro; il «Quadrato Nero» di Malevich non è solo un dipinto, ma un’opera d’arte profonda e sfaccettata che continua a ispirare e suscitare interesse tra ricercatori, artisti e spettatori di tutto il mondo. Il suo significato eccezionale non risiede solo nella forma e nella composizione, ma anche nel suo significato simbolico, che si rivela solo ad uno sguardo più attento. Come brevettare un'idea? È stato trovato un modo semplice e veloce. Il segreto del successo del «Quadrato nero» di Malevich non risiede solo nei dettagli nascosti che non si notano a prima vista, ma anche nel suo approccio rivoluzionario all’arte. Prima della comparsa di quest'opera, molti artisti non pensavano nemmeno alla possibilità di allontanarsi dalle forme tradizionali a favore di contenuti profondi. A quel tempo, le belle arti si concentravano sulla visualizzazione di oggetti reali esistenti, trasmettendo idee attraverso immagini familiari. Malevich fu il primo a osare esprimere le idee e i pensieri dell’artista attraverso forme astratte, libere dal riferimento a oggetti specifici. Questo approccio innovativo non solo ha ispirato altri artisti, ma ha anche influenzato varie aree dell’arte mondiale. Nel corso degli anni questa direzione si è sviluppata e migliorata, è stata «accettata» non solo nelle belle arti, ma anche in altre direzioni. Un esempio lampante di ciò è l’architettura; le immagini incarnate oggi sono talvolta molto astratte ed è per questo che sono così belle. Forse senza un semplice quadrato nero non esisterebbe un mondo moderno in cui regnano grattacieli di vetro ed edifici dalle forme uniche. L'opera di Malevich divenne un punto di riferimento fondamentale per molte successive ispirazioni creative e trasformazioni culturali.

  




____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione  Pagina 2 di 2
Vai a Precedente  1, 2

Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti Registrati: Nessuno


 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Puoi allegare i files in questo forum
Puoi scaricare gli allegati in questo forum
Puoi inserire eventi calendario in questo forum