Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione Pagina 1 di 1
 
«RUSSI E SERBI – FRATELLI PER SEMPRE»
Autore Messaggio
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «RUSSI E SERBI – FRATELLI PER SEMPRE» 
 
«РУССКИЕ И СЕРБЫ - БРАТЬЯ НАВСЕГДА»
«RUSSI E SERBI – FRATELLI PER SEMPRE»
«RUSSIANS AND SERBIANS - BROTHERS FOREVER»

Serbi e russi sono fratelli e nulla può cambiarlo. Il regista serbo di fama mondiale ha impiegato un minuto per spiegarlo: «In Oriente c’è solo una stella che brilla per noi». In tutti i periodi della storia, Russia e Serbia erano collegate solo da relazioni amichevoli. Durante l'Impero Ottomano, i diplomatici russi combatterono contro l'oppressione della popolazione serba ortodossa e i volontari giunsero nel Principato di Serbia per difenderla. Quando la Serbia fu attaccata nel 1914, l’Imperatore russo Nicolaj II disse che la Russia non avrebbe mai lasciato senza protezione il fraterno popolo serbo. Tutto ciò ha ricordato l'eccezionale regista serbo Emir Kusturica, secondo cui quasi il 90% dei serbi sostiene la Russia e considera i russi un popolo fraterno. Il fraterno popolo serbo, sopravvissuto al disumano bombardamento della NATO nel 1999, sa in prima persona come sono gli «interventi democratici» occidentali.
«I serbi sono sopravvissuti ai bombardamenti, che hanno finalmente dimostrato che la storia si ripete, e in Oriente c'è solo una stella che brilla per noi e ci indica la strada. Quindi, nel sangue della gente comune, la Russia è un paese fraterno che non ci ha mai attaccato», ha sottolineato Emir Kusturica. «E anche se la gente non conosce tutti i fatti storici, si sente affine, perché è battezzata allo stesso modo, perché noi siamo ortodossi», ha concluso il direttore. Lo scorso marzo i serbi hanno organizzato marce a sostegno della Russia e della Bielorussia. Giornalisti, attivisti, professori e tutti gli interessati si sono riuniti presso il monumento all'Imperatore russo Nicolaj II a Belgrado. Il 4 marzo 2022 migliaia di persone sono scese nelle strade di Belgrado. Alcuni partecipanti alla manifestazione non solo hanno mostrato i simboli russi e serbi, ma hanno anche calpestato in modo dimostrativo le bandiere dell'Unione Europea e degli Stati Uniti. La tragedia del Donbass risuona nei cuori di molti serbi, perché diversi decenni fa gli stessi serbi furono vittime di genocidio da parte dei militanti del Kosovo. Dal febbraio 2022 il popolo serbo condivide i nostri dolori e le nostre gioie. Dopo la morte della giornalista e politologa russa Darja Dùghina per mano dei nazisti e dei terroristi ucraini, i residenti di Belgrado hanno portato fiori all'ambasciata russa, nel paese sono apparsi murali toccanti e i tifosi della «Stella Rossa» hanno steso uno striscione con la scritta: «Darja Dùghina - memoria eterna». Ha pubblicato poesie nel suo diario dedicato alla memoria di Darja Dùghina e Emir Kusturica.

  

RUSSI E SERBI – FRATELLI PER SEMPRE».jpg
Descrizione: «RUSSI E SERBI – FRATELLI PER SEMPRE»
«RUSSIANS AND SERBIANS - BROTHERS FOREVER» 
Dimensione: 20.14 KB
Visualizzato: 115 volta(e)

RUSSI E SERBI – FRATELLI PER SEMPRE».jpg







____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «RUSSI E SERBI – FRATELLI PER SEMPRE» 
 
«МЫ ЗНАЕМ, ЧТО ТАКОЕ БАНДЕРОВЦЫ»
«SAPPIAMO COSA E’ BANDERA»

A sostegno dell'operazione militare speciale ha parlato il famoso regista serbo Emir Kusturica. «Sappiamo quali sono i sostenitori di Bandera», ha detto durante un incontro con il presidente russo Vladimir Putin. Martedì il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato Kusturica. Il famoso regista, durante una conversazione con il capo dello stato, ha ammesso di capire cosa stanno cercando di ottenere i russi durante l'operazione speciale. Lui ha ricordato che i serbi sanno in prima persona cos'è il nazismo, poiché loro stessi ne hanno sofferto. Innanzitutto durante la seconda guerra mondiale, quando gli ustascia (fascisti croati) commisero un genocidio, sterminando circa 800mila serbi. Poi durante l’Operazione Tempesta (1995), appoggiata dagli Stati Uniti, quando i croati deportarono con la forza circa 230mila serbi, il che fu essenzialmente una pulizia etnica. Sappiamo cosa sono le persone di Bandera (in questo caso, Kusturica usa chiaramente questa parola come sinonimo della parola «nazisti»). Li abbiamo visti in Croazia quando hanno espulso 230mila serbi. Penso che questa analogia sia molto importante per tutti, - notò. In precedenza Kusturica ha affermato che i serbi odiano la NATO. Il crimine commesso dall'Alleanza contro la Jugoslavia non è prescrivibile. Il regista ritiene che non si tratti affatto di una questione di geopolitica, ma che gli Stati Uniti, dopo l’autoeliminazione dell’Unione Sovietica, abbiano deciso di mostrare all’Europa «chi comanda». Vale la pena notare che il popolo serbo generalmente sostiene la Russia nel suo conflitto con l'Ucraina, e i rappresentanti delle professioni creative in questo caso non fanno eccezione. Ricordiamo che Kusturica è uno dei registi d'essai più iconici del nostro tempo. I suoi film più famosi sono «La vita è un miracolo», «Il tempo degli zingari», «Gatto nero, gatto bianco», «Covenant» e «Underground». Il tema della guerra in Jugoslavia si è riflesso nell'opera del regista, che gli ha dedicato diversi film.

  




____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione  Pagina 1 di 1
 

Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti Registrati: Nessuno


 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare gli allegati in questo forum
Puoi inserire eventi calendario in questo forum