Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione Pagina 2 di 2
Vai a Precedente  1, 2
«KATJUSHA»
Autore Messaggio
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio Re: «KATJUSHA» 
 
Si, in effetti anche io ho avuto sempre una grande ammirazione per i pochi partigiani che ancora sono vivi e, nonostante la vecchiaia,
si recano ancora nelle scuole, agli incontri e ai dibattici pubblici e non perdono mai occasione per raccontare la propria storia.
Io ho conosciuto un partigiano quando ero alle medie; era venuto in classe a raccontarci quello che si ricordava del 25 aprile e sulla
fine della II guerra mondiale. Ricordo che ne sono rimasto molto affascinato, anche se allora ero molto piccolo e oggi non mi ricordo piů come
si chiamasse. La cosa che piů mi ha stupito č stata la sua scelta coraggiosa di diventare partigiano, abbandonando la famiglia, amici e
quant'altro pur di andare sulle montagne e unirsi ai ribelli.
Le persone che hanno avuto la forza morale di unirsi alla resistenza sono state una netta minoranza, almeno in un primo tempo.
La maggior parte preferiva restare, suo malgrado, compiacente e succube del regime fascista, piů che altro per ragioni di quieto vivere e
anche perchč chi possedeva la tessera del partito aveva numerose agevolazioni economiche e annonarie per sč e per la propria famiglia.
Andare sulle montagne voleva dire diventare dei "fuorilegge" ed esporsi a tutta una serie di innumerevoli rischi, tra cui la vita stessa.

Per ritornare alla canzone russa "Katyusha" vi consiglio di vedere anche questa memorabile interpretazione delle Сестры Толмачевы
cantata sulla Piazza Rossa di Mosca per il день победы di due anni fa.
http://www.youtube.com/watch?v=ivAS...8336D3&index=78 Queste due bambine sono davvero
simpatiche, e quando sono salite sul palco ricordo che hanno ricevuto un fragoroso applauso.
In questo caso posso dire con orgoglio: "io c'ero"!!  Very Happy
  




____________
Терпение и труд всё перетрут. Thumbup
Offline Profilo Invia Messaggio Privato MSN Live
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio Re: «KATJUSHA» 
 
Oneg ha scritto: [Visualizza Messaggio]



FIS]CHIA IL VENTO (Musica M.Blanter-Testo F.Cascione)

« Fischia il vento, urla la bufera scarpe rotte, eppur bisogna andar
a conquistare la rossa primavera dove sorge il sol dell'avvenir.

Ogni contrada č patria del ribelle ogni donna a lui dona un sospir
nella notte lo guidano le stelle forte il cuor e il braccio nel colpir.

Se ci coglie la crudele morte dura vendetta sarŕ del partigian
ormai sicura sarŕ la dura sorte del fascista vile traditor.

Cessa il vento, calma č la bufera torna a casa il fiero partigian
sventolando la rossa sua bandiera vittoriosi al fin liberi siam.»


Ce la facevano cantare in coro all'asilo!!!! Laughing
Grosseto aveva perlopiů maestre comuniste!!!!
  




____________
Miayyyy! Myrrr....rrr....
Offline Profilo Invia Messaggio Privato MSN Live ICQ
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «KATJUSHA» 
 
Grazie per il video Cicerin
Quelle due bambine sono davvero brave
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «KATJUSHA» 
 
Figurati, Saetta! E' un piacere...dato che avevo avuto modo di vedere dal vivo una versione un po' particolare di Katyusha,
mi sembrava giusto condividerla con voi, dato che ne avevo trovato un filmato su you tube.
Vedere di persona le gemelle nelle loro performances perň č tutta un'altra cosa.
  




____________
Терпение и труд всё перетрут. Thumbup
Offline Profilo Invia Messaggio Privato MSN Live
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio Re: «KATJUSHA» 
 
Posso immaginare, la piazza era gremita di gente
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio KATIUSHA 
 
Ciao Zarevich, conoscerai molto bene il canto "Katiusha" (o Katiuscia, non so bene come si scrive); č talmente famoso, che in Italia č stato riadattato durante la Resistenza come "Fischia il vento"; secondo ciň che riportano in Wikipedia perň, non č un canto popolare, ma pare che sia una musica originale probabilmente composta da Stravinskij.
Sai qualcosa in piů?
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «KATJUSHA» 
 
Caro amico! Ti consiglierei di leggere tutto quello che noi avevamo scritto prima.
Gli autori della canzone «Katjusha» («Катюша») sono:
Musica di Matvej Blanter (Матвей Блантер, 1903-1990)
Testo di Mikhail Issakňvskij (Михаил Исаковский, 1900-1973)
С’č opinione che la melodia della canzone assomigli all’aria di Parŕsha dall’Opera «Mŕvra» di Igor Stravinskij scritta nel 1922.  Secondo la mia modesta opinione c’č una lontana somiglianza. Sono tutte favole e baie. Io adoro l’aria di Parasha dall’opera di Stravinskij e non ci sento nessuna Katjusha. Igor Stravinskij era un grande «stilizzatore» e usava nella sua musica diverse «cosettine» e «cosucce», applicava magistralmente il folclore russo. Cosě si puň sentire nella sua musica tutto, persino la nona sinfonia di Beethoven.
La «Mavra» č l’opera lirica in un atto e dura quasi mezzora. La canzonetta o l’arietta di Parasha va all’inizio dell’opera.
Ecco la canzone di Parasha. Che č somiglianza?  

Link


Si puň ascoltarla e guardarla nell’interpretazione del Teatro lirico di Rostov sul Don:
 
Link





Ultima modifica di Zarevich il 29 Nov 2018 10:02, modificato 1 volta in totale 





____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «KATJUSHA» 
 
Ho letto tutto; c'č un topic che parla invece di Karobushka (non so se l'ho scritto correttamente)? Si tratta di quel canto che parla dei venditori ambulanti, viene usata durante il film "Il Cacciatore" di Cimino (nella scena successiva viene usata Katiusha).
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio Re: «KATJUSHA» 
 
Caro amico, sě, c’č un topik del 2010 sul nostro forum. Puoi aprirlo.
http://www.arcarussa.it/forum/viewtopic.php?p=15178#p15178

  




____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «KATJUSHA» 
 
GRAZIE ZAREVICH.
A PRESTO
Ti farň sapere la mia opinione circa le sinfonie di Balakirev e poi aspetto il tuo parere, ciao
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «KATJUSHA» 
 
IL 28 NOVEMBRE 2018 «KATJUSHA» COMPIE 80 ANNI!
28 НОЯБРЯ 2018 «КАТЮШЕ» ИСПОЛНЯЕТСЯ 80 ЛЕТ!
Per la prima volta la canzone del compositore Matvej Blanter sulle poesie di Mikhail Issakovskij fu stata eseguita dai cantanti Vera Krassovskaja, Gheorghij Vinogradov e Vsevolod Tjutjunik il 28 novembre 1938. Tre anni dopo presso Smolensk i nuovi mortai missilistici sovietici colpirono il nemico tedesco. I soldati russi chiamarono i nuovi mortai missilistici «Katjůsha» («Катюша»). La canzone diventň «prima dell'hit parade» dopo la guerra e fu tradotta in 24 lingue.

Расцветали яблони и груши, = Meli e peri erano in fiore,
Поплыли туманы над рекой. = La foschia scivolava lungo il fiume.
Выходила на берег Катюша, = Sulla sponda camminava Katjůsha,
На высокий берег, на крутой. = Sull'alta, ripida sponda.

Выходила, песню заводила = Camminava e cantava una canzone
Про степного сизого орла, = Di un'aquila grigia della steppa,
Про того, которого любила, = Di colui che lei amava,
Про того, чьи письма берегла. = Di colui del quale teneva le lettere

Ой, ты, песня, песенка девичья,= O canzone, cara piccola canzone,
Ты лети за ясным солнцем вслед = Vola nel sole luminoso
И бойцу на дальнем пограничье = E al soldato sulla frontiera lontana
От Катюши передай привет. = Manda i saluti di Katjůsha.

Пусть он вспомнит девушку простую, = Possa lui ricordare una semplice giovane ragazza,
Пусть услышит, как она поёт, = E sentire come canta,
Пусть он землю бережёт родную, = Possa lui proteggere la terra natia,
А любовь Катюша сбережёт. = Come Katjůsha protegge l'amore

Расцветали яблони и груши, = Meli e peri erano in fiore,
Поплыли туманы над рекой. = La foschia scivolava lungo il fiume.
Выходила на берег Катюша, = Sulla sponda camminava Katjůsha,
На высокий берег, на крутой. = Sull'alta, ripida sponda.



 

  

KATJUSHA.jpg
Descrizione: I mortai missilistici sovietici «Katjůsha» 
Dimensione: 20.11 KB
Visualizzato: 7314 volta(e)

KATJUSHA.jpg







____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «KATJUSHA» 
 
«ПЕСЕННАЯ ЛЕТОПИСЬ МАТВЕЯ БЛАНТЕРА»
«LA CRONICA CANTANTE DI MATVEJ BLANTER»

Danza alla moda, esercitazione provocatoria e lirica piena di sentimento... Le canzoni di Matvej Blanter sono come illustrazioni intelligibili per un libro di testo di storia sovietica. Il 10 febbraio 1903 nasce l'autore di meravigliose melodie che, probabilmente, saranno sempre ascoltate. La cronaca della canzone di Blanter č iniziata a Mosca, dove č venuto a studiare. E ora i suoi tanghi e charleston vengono ripresi dalle pop star e l'incomparabile foxtrot «John Gray» suona in prestigiosi cabaret. Un neolaureato della Societŕ Filarmonica di Mosca si č trasformato in un abile melodista. Sa come accontentare le persone stanche di guerre e rivoluzioni. L'inizio dell'era del realismo sociale trova il compositore a Magnitogorsk. L'edificio del Teatro di Prosa, di cui cura la parte musicale, č cresciuto tra i primi della nuova cittŕ. Il fervente motivo di marcia della leggendaria «Katyusha» che il compositore scrive sulla quartina di Mikhail Issakovskij su una ragazza che cammina sulla riva tra meli e peri in fiore. Inoltre, il testo del poeta non si č sviluppato in alcun modo. Non si sa di cosa avrebbe parlato la canzone, ma poi l'Armata Rossa entrň in battaglia con i giapponesi al confine con l'Estremo Oriente. Cosě a Katyusha č apparso un guerriero, al quale la sua amata invia una parola d'addio per proteggere la sua patria dai nemici. Blanter e Issakovskij compongono un altro schizzo militare durante la Grande Guerra Patriottica. Valzer «Nella foresta vicino al fronte» - sogni di una vita pacifica che riscaldano i soldati prima della battaglia. E le loro mogli in questo momento stanno aspettando i loro mariti dal fronte alla canzone «Aspettami» ai versi accorati del giornalista militare Konstantin Simonov. Coloro che hanno aspettato e sono tornati dalla terribile guerra, tenendosi per mano, camminano nel giardino della cittŕ, dove una banda di ottoni suona un valzer gentile e gentile. Le persone, stanche di piangere e litigare, ballano in attesa di un futuro piů luminoso. Anno dopo anno, la cronaca della canzone di Matvej Blanter disegna immagini vivide della nostra storia, č impossibile non amarle, sono sempre attuali.

  

Matvej Blanter compositore sovietico.jpg
Descrizione: Matvej Blanter 
Dimensione: 29.29 KB
Visualizzato: 1047 volta(e)

Matvej Blanter compositore sovietico.jpg







____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione  Pagina 2 di 2
Vai a Precedente  1, 2

Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti Registrati: Nessuno


 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare gli allegati in questo forum
Puoi inserire eventi calendario in questo forum