Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione Pagina 1 di 1
 
«ANDREA ALTESTI»
Autore Messaggio
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «ANDREA ALTESTI» 
 
Gradita qualsiasi informazione sui nomi di Andrea Francesco Altesti (Altesty o d'Altesty) e/o Maria Giuseppina de Gedda, moglie di lui, vissuti in Russia alla Corte di Caterina dal 1787.
Grazie
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «ANDREA ALTESTI» 
 
Le informazioni su questo personaggio storico sono estremamente scarse e avare. È necessario cercare in vari libri e pubblicazioni russe. Posso scrivere tutto ciò che è noto. Andrej Altesti = Андрей Альтести (in Russia si chiamava Andrej Ivànovich Altesti), sotto l'imperatrice Caterina II, originaria della città di Ragusa, entrò nel servizio russo (il Collegio degli affari esteri) e godette della fiducia del principe Platon Zùbov (Платон Зубов), all'epoca onnipotente. Quando regnò l'imperatore Pavel I, figlio di Caterina II, Andrej Altesti fu imprigionato nella fortezza e, dopo esservi stato per 3 anni, partì per l'Italia, dove morì negli anni '40. Andrej Altesti ebbe un figlio, Matvej (Матвей o Matteo) e una figlia. Il figlio è stato tenente in Russia nel reggimento ussaro Izjumskij (Изюмский). Il 30 dicembre 1796 fu congedato con lo stesso grado. La figlia di Andrej Altesti era sposata con il conte Venier (figlio dell'ultimo inviato veneziano in Russia).
Caro amico! È molto piacevole che tu sia venuto nel nostro modesto forum. Cercheremo di rispondere alle tue domande e forse ci dirai qualcosa di interessante!

Zarevich



Ultima modifica di Zarevich il 24 Giu 2020 13:16, modificato 1 volta in totale 





____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «ANDREA ALTESTI» 
 
Caro amico,
è stato un piacere leggerla e mi dispiace risponderle in ritardo e la ringrazio di cuore.
Effettivamente le sue informazioni così cortesemente trasmessemi corrispondono a quelle che ho io stesso; integro per dire che l'Altesti ebbe anche il figlio Alessandro (da sua moglie Maria de Gedda) e che l'Altesti stesso morì a San Giorgio di Nogaro, località vicina a Udine (da dove scrivo), il 3 giugno 1851 (ho il certificato di morte).
E' ovvio che qualsiasi informazione su queste persone saranno assai gradite.
Grazie e migliori saluti
Cristiano Caracci
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «ANDREA ALTESTI» 
 
Andrea Altesti, nato a Ragusa-Dubrovnik, è vissuto in Russia tra il 1787 e il 1801 per poi trasferirsi nel nord-est d'Italia (regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia).
Negli anni napoleonici la regione appartenne parte alla Francia e parte all'Austria e l'Altesti possedeva casa sia nella parte francese (San Giorgio di Nogaro) sia nella parte austriaca (Trieste).
In tali anni, ma anche successivamente dopo la caduta di Napoleone, Altesti proseguì quasi sicuramente nell'attività di informatore a favore della Russia, così come ne era convinta la polizia austriaca di allora che lo segnala in diversi dispacci.
Mi piacerebbe raccogliere maggiori informazioni su tale attività spionistica e pure sulla moglie svedese Maria de Gedda che l'Altesti sposò a San Pietroburgo.
Sono anche interessato alle operazioni navali della flotta russa in Adriatico dell'ammiraglio Siniavin.
Grazie a tutti
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «ANDREA ALTESTI» 
 
Negli anni '80 del XVIII secolo era a Costantinopoli, dove prestava servizio nell'ufficio di un commerciante. Qui divenne in qualche modo noto all'inviato russo alla corte turca, Bulgakov (Булгаков), che, notando le capacità di Altesti, lo portò a lezione nel suo ufficio. Uomo intelligente e abile, che conosce bene molte lingue straniere, parla fluentemente a penna, Altesti si allontanò presto dalla folla di impiegati ordinari e divenne un confidente di Bulgakov, che lo presentò persino all'imperatrice Caterina II durante la sua permanenza a Kherson (Херсон) nel 1787. L'anno seguente, la Russia si staccò dalla Turchia, Bulgakov fu messo in un castello e Altesti partì per San Pietroburgo. C'è la notizia che era una delle persone che ha accelerato questo divario: è stato accusato di aver venduto alcuni dei documenti segreti di Bulgakov. In ogni caso, da allora in poi, tutti i rapporti di Altesti con Bulgakov cessarono. Dopo essersi arruolato a Costantinopoli dalla lettera di raccomandazione di Choiselle al conte Segur, l'inviato francese alla corte russa, Altesti arrivò a San Pietroburgo nel maggio 1788 e riuscì ad affascinare Segur con la sua apparente innocenza, rispetto e recensioni lusinghiere sul comportamento della diplomazia francese a Costantinopoli. Grazie al supporto di Segur e Markov, Altesti fu presentato e raccomandato al Principe Bezboròdko (Князь Безбородко), che, per esperienza, gli ordinò di scrivere qualche nota per mostrare le sue abilità all'Imperatrice. Ancor prima, Altesti scrisse una nota sui porti italiani in cui la flotta russa poteva stare, e ora, su consiglio di Segur, compose un resoconto dettagliato di tutto ciò che accadde durante il suo periodo a Costantinopoli e di tutti i mezzi che furono usati dai diplomatici stranieri per indurre Porti per rompere con la Russia. All'imperatrice piaceva il biglietto e Altesti sentiva un terreno solido sotto i suoi piedi. Notando la crescente influenza di Platone Zubov (Платон Зубов), Altesti si affrettò a unirsi al suo partito, divenne il suo segretario e attraverso di lui entrò nei segretari dell'imperatrice stessa. Attraverso le sue mani ha iniziato a passare le cose più importanti, ha imparato molti segreti seri. Allo stesso tempo, Altesti scrisse un opuscolo francese contro il re polacco e i rivoluzionari. Questo opuscolo caustico è piaciuto alla corte reale e ha ulteriormente rafforzato la posizione dell'autore. Durante la seconda spartizione della Polonia, tutti gli affari polacchi erano nelle mani di Altesti e gli fu affidato il compito di compilare elenchi di confederati condannati all'esilio («Mémoire sur la révolution de Pologne»). L'imperatrice Catherina II inondò Altesti di favori e concesse terra nella provincia di Bratslav con 535 anime (2 settembre 1793), 800 rubli di una pensione a vita, una magnifica tenuta nella provincia di Taurida (Crimea), il grado di consigliere universitario e l'Ordine di San Vladimir (Орден Святого Владимира) di 4° grado. Il valore di Altesti è cresciuto così tanto che le persone più importanti di quel tempo, incluso il comandante Aleksandr Suvòrov (Александр Суворов), stavano cercando la sua posizione. Ma allo stesso tempo cresceva anche la sua arroganza: Altesti iniziò a trattare con arroganza la nobiltà, apparve a grandi palle in un abito casual e quindi armò moltissimi contro se stesso. Il granduca Aleksander Pàvlovich (Александр Павлович) ne parlò con molta disapprovazione e il conte Rostopcìn (Граф Ростопчин) scrisse a Vorontsòv (Воронцов) che Altesti era «un uomo che merita senza dubbio la forca». Infine, alcuni importanti furti commessi da Altesti e l'insulto inflittogli dal conte Golovìn (Головин) costrinsero Caterina a espellerlo dalla capitale nelle sue tenute (nel novembre 1793). Ma Altesti sapeva troppo e avrebbe potuto fare molto male con la sua indiscrezione, così Platone Zubov si affrettò a procurarsi il perdono per lui, e pochi giorni prima della morte dell'Imperatrice, fu quasi nuovamente nominato alla carica. La morte di Caterina e la caduta di Zubov pose fine alla carriera di Altesti: uno dei primi decreti dell'imperatore Paolo I (Император Павел I) fu l'ordine di inviare Altesti alle 24 in punto da Pietroburgo (10 novembre 1796) e di imprigionarlo nella fortezza di Kiev Pecèrsk, da dove fu liberato 15 - Marzo 1801, dall'imperatore Alessandro I. Successivamente, Altesti andò all'estero e visse in Italia negli anni '40 del XIX secolo.
  

Imperatrice Caterina II.jpg
Descrizione: Imperatrice Caterina II la Grande 
Dimensione: 19.67 KB
Visualizzato: 189 volta(e)

Imperatrice Caterina II.jpg







____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio Re: «ANDREA ALTESTI» 
 
Grazie, molto gentile.
Cari saluti
Cristiano Caracci
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «ANDREA ALTESTI» 
 
In relazione al nome di Andrea Altesti, vorrei aggiungere alcune righe su uno scrittore russo Valentin Pìkul’ (Валентин Пикуль), nelle cui opere viene spesso menzionato Altesti, in particolare nel famoso romanzo storico «Favorit» («Фаворит»).
Valentin Pikul’ (Валентин Пикуль  1928-1990), scrittore russo, autore di numerose opere letterarie su temi storici e navali. «Favorite» è un romanzo storico di Valentin Pikul. Descrive la cronaca dei tempi di Caterina II. Il romanzo è composto da due volumi: il primo volume: «La Sua Imperatrice» («Его императрица»), il secondo volume: «La Sua Tauride» («Его Таврида»). Il romanzo riflette gli eventi più importanti della storia russa del 18° secolo, più precisamente: 1730-1791. Al centro della storia c'è l'immagine della preferita dell'imperatrice Caterina II, comandante Grigorij Potiomkin (Григорий Потёмкин). Molte pagine del romanzo sono anche dedicate ad altri importanti personaggi storici di quel tempo, tra cui Andrea Altesti. L'inizio dei lavori sul primo volume del romanzo risale all'agosto 1976, il primo volume fu completato nel novembre 1979. Il secondo volume fu scritto in un solo mese, nel gennaio 1982.
VALENTIN PIKUL SUL NOSTRO FORUM «ARCA RUSSA»:
http://www.arcarussa.it/forum/viewt...highlight=pikul


  

Valentin Pikul.jpg
Descrizione: Il famoso romanzo storico «Favorit» di Valentin Pikul 
Dimensione: 41.57 KB
Visualizzato: 84 volta(e)

Valentin Pikul.jpg







____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio Re: «ANDREA ALTESTI» 
 
Grazie, notizie preziose; approfondirò la prossima settimana.
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione  Pagina 1 di 1
 

Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti Registrati: Nessuno


 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare gli allegati in questo forum
Puoi inserire eventi calendario in questo forum