Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione Pagina 1 di 3
Vai a 1, 2, 3  Successivo
«TUTTO STRAVINSKIJ»
Autore Messaggio
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «TUTTO STRAVINSKIJ» 
 
«IGOR STRAVINSKIJ: UN COMPOSITORE RUSSO»
«ИГОРЬ СТРАВИНСКИЙ: РУССКИЙ КОМПОЗИТОР»

Il 26 maggio 2007
Moscow International Performance Arts Center (Moscow International House of Music)
Igor Stravinskij (Игорь Стравинский)
“Perséphone” (1933)
melodrama in 3 parts, for reciter, vocal soloist, double chorus & orchestra
Testo di André Gide
Regia di Kirill Serèbrennikov (Кирилл Серебренников)
Scenografia di Nikolaj Sìmonov
Esecutori:
Sati Spivakòva (reciter) Сати Спивакова
Marat Gali (tenore del Teatro Bolshoj) (Марат Гали)
Nazionale Orchestra Filarmonica della Russia
Coro dell’Academia dell’Arte Corale diretta da V.Popòv
Direttore: Ion Marin (Ион Марин)

I.Il Ratto di Persefone (Похищение Персефоны)
II.Persefone in Ade (Персефона в преисподней)
III.La Rinascita di Persefone (Возрождение Персефоны)

Quest’anno tutto il mondo celebra il 125 anniversario della nascita di Igor Stravinskij. Stravinskij scrisse il suo oratorio “Persefone” nell'arco di mezzo anno su commissione di Ida Rubinstein sul testo di André Gide. Ida Rubinstein (Ида Рубинштейн) la famosa danzatrice russa per la quale Ravel ha scritto il suo “Bolero”. Il mito su Persefone, la regina del regno dei morti, la quale fu rapita da Ade e che doveva passare un terzo dell’anno sotto terra e i restanti due terzi doveva regalare l’abbondanza, ha ispirato Stravinskij a realizzare il melodramma neoclassico di tre parti per recitante, tenore, coro ed orchestra. Il melodramma “Parsefone” ebbe la prima rappresentazione con gran successo a Londra nel 1934 con Ida Rubinstein come recitante.
Del resto l’ultimo ruolo di Ida Rubinstein era Giovanna d’Arco nell’Oratorio “Jeanne d'Arc au būcher” di Arthur Honegger.
Un anno fa a Mosca al Festival “Vladimir Spivakov invita” noi abbiamo visto in questo ruolo Fanny Ardant. Anche il regista teatrale e televisivo Kirill Serèbrennikov (Кирилл Серебренников) è stato regista di  “Jeanne d'Arc au būcher” di Arthur Honegger
(Il suo ultimo film «Изображая жертву» ha vinto l’anno scorso al Festival del Cinema a Roma). Dopo “Jeanne d'Arc au būcher” di Arthur Honegger, Serèbrennikov ha realizzato al Teatro Mariinskij di San Pietroburgo l’opera di Verdi «Falstaff», che è stata nominata quest’anno al Premio teatrale “Maschera d’Oro”. Il melodramma “Perséphone” di Stravinskij è il terzo lavoro di Kirill Serèbrennikov al teatro musicale.
Che cosa ci aspetta in “Perséphone” non si sa. Nel ruolo principale di Persefone, in cui Ida Rubinstein 70 anni fa vedeva solo lei stessa, a Mosca si presenterà Sati Spivakòva. Sati è una famosa presentatrice televisiva e musicologa ed anche la moglie del violinista Vladimir Spivakov. Sono curioso di vedere Sati Spivakova in questo ruolo di Persefone.
Del resto anche Fanny Ardant ha recitato il ruolo di Persefone alla Scala di Milano.



Ultima modifica di Zarevich il 13 Ago 2019 16:12, modificato 2 volte in totale 





____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «TUTTO STRAVINSKIJ» 
 
In occasione dell'anniversario della nascita di Igor Stravinskij ho pensato fosse una buona idea ricordrlo con questo video; spero di aver fatto bene  Rolling Eyes
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «TUTTO STRAVINSKIJ» 
 
Cara Saetta!
Hai fatto molto bene a ricordare questo giorno con questo bel video in cui il maestro dirige "L'uccello di fuoco" a Londra.
In quel concerto aveva 83 anni, ma come si vede era tutt'altro che un vecchietto da bastone, panchina e giornale!
Avete sentito che applauso, che ovazione?
Buon compleanno, maestro! Il tuo ricordo e il tuo nome sopravviveranno per sempre!
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato HomePage
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «TUTTO STRAVINSKIJ» 
 
Anch'io ringrazio Saetta per questa bella testimonianza del grande Igor Fëdorovich!
Oggi (o il 5 giugno secondo il vecchio calendario allora vigente) avrebbe compiuto ben 127 anni!
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «TUTTO STRAVINSKIJ» 
 
Felice di aver fatto bene^^
Effettivamente l'applauso è stato grandioso
Non sapevo fosse a Londra, grazie dell'informazione
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «TUTTO STRAVINSKIJ» 
 
Beh... non voglio fare sempre il "Bastian contrario"!!!! Mr. Green
Adoro Stravinskij fino alla venerazione, ma solo come compositore! Come direttore d'orchestra lo trovo mediocre e ci sono molte persone che la pensano come me! Laughing
I più cattivi sostengono che Stravinskij, notoriamente molto attaccato ai soldi, avesse voluto dirigere solo per fare cassa con i diritti sui dischi registrati. Sosteneva che nessuno meglio di lui potesse dirigere le sue composizioni, ma non ha mai goduto di un particolare carisma fra gli orchestrali e nemmeno fra i critici musicali... Razz
  




____________
Miayyyy! Myrrr....rrr....
Offline Profilo Invia Messaggio Privato MSN Live ICQ
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «TUTTO STRAVINSKIJ» 
 
Non vuoi, però lo fai  Wink
Non è la prima volta che ti sento dire questa cosa di Stravinskij.
Comunque noi qui lo stiamo ricordando e celebrando come una delle importanti personalità del mondo della musica del XX secolo.
Ovviamente quando si parla di Igor' Stravinskij il pensiero corre alle sue composizioni, ed è superfluo specificarlo.
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato HomePage
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «TUTTO STRAVINSKIJ» 
 
Personalmente non mi intendo di musica, dunque non mi sento di giudicare
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «TUTTO STRAVINSKIJ» 
 
Saetta, ma chérie!
Non è mai troppo presto per cominciare ad apprezzare la Musica!  Very Happy
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato HomePage
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «TUTTO STRAVINSKIJ» 
 
Myshkin ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Non vuoi, però lo fai  Wink
Non è la prima volta che ti sento dire questa cosa di Stravinskij.

A sì???? Very Happy  Non me lo ricordavo.... ma è verosimile! Amo Stravinskij, sono andato anche sulla sua tomba a portargli un fiore... sono un suo ammiratore! Mi piace tutto di lui, dalle prime composizioni come "Fuochi d'artificio" ai balletti russi, dal periodo neoclassico (ascoltate il "Pulcinella"per favore!!!!!) a quello più moderno come l'enigmatico "Agon".
E' un compositore complesso, che piace a chi ascolta, che piace ai musicisti, che piace anche ai pianisti (alcuni miei amici si divertivano letteralmente in certi passaggi della versione pianistica di Petrushka! ) Piace anche a chi studia composizione: è una continua scoperta..... ricordo quanto tempo passato a leggere il politonalismo de "La sagra della primavera". Piace agli amanti del balletto.....piace per la sua inesauribile fantasia (chi avrebbe mai potuto scrivere Histoire du soldat???) Ma le persone di genio, spesso,   hanno un pessimo carattere......
  




____________
Miayyyy! Myrrr....rrr....
Offline Profilo Invia Messaggio Privato MSN Live ICQ
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «TUTTO STRAVINSKIJ» 
 
Apprezzo la musica, sto anche imparando a suonare, ma nonostante ciò sono ben lontana dal saper distinguere un bravo direttore da uno che non lo è
Concordo sul fatto che spesso i Geni hanno un carattere almeno strano, se non pessimo
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «TUTTO STRAVINSKIJ» 
 
«LA CRONACA» «LA POETICA» di Igor Stravinskij
  
Igor Stravinskij Игорь Стравинский
«LA CRONACA» «LA POETICA»
«ХРОНИКА» «ПОЭТИКА»
Casa Editrice «Rosspen» Mosca 2004 (Pagine 368)
Издательство «Росспэн» Москва 2004

Nel volume ci sono entrate le due opere letterarie di Igor Stravinskij:
«La Cronaca della mia vita» («Хроника моей жизни») e «La Poetica Musicale» («Музыкальная поэтика»). L’edizione contiene anche dei commenti e dei materiali accessori dal carattere documentario.
«La Cronaca della mia vita» è uscita in russo per la prima volta nel 1963 a Mosca e da tempo è diventata una rarità bibliografica e un libro introvabile.
«La Poetica Musicale» prima esisteva in russo solo frammentariamente. Le due opere letterarie di Stravinskij non furono mai pubblicate in nessun luogo, solo in Russia quindi questo libro è una prima pubblicazione delle opere letterarie del grande compositore russo Igor Stravinskij.



Ultima modifica di Zarevich il 13 Ago 2019 16:15, modificato 1 volta in totale 

Igor Stravinskij.jpg
Descrizione: Igor Stravinskij
«LA CRONACA» «LA POETICA»
Casa Editrice «Rosspen» Mosca 2004 (Pagine 368) 
Dimensione: 25.04 KB
Visualizzato: 12448 volta(e)

Igor Stravinskij.jpg







____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «TUTTO STRAVINSKIJ» 
 
Festival «STRAVINSKIJ RUSSO» alla Filarmonica di New York
Фестиваль «РУССКИЙ СТРАВИНСКИЙ» в Нью-Йоркской филармонии
Festival «THE RUSSIAN STRAVINSKY» at the New York Philharmonic
21 aprile – 8 maggio 2010 New York

Il 21 aprile 2010 alla Sala Filarmonica di New York si apre il Festival dedicato alla musica di Igor Stravinskij. Il direttore d’orchestra di tutte le composizioni del compositore sarà Valerij Ghèrghiev.
Il Festival, che durerà tre settimane fino all’8 maggio, è chiamato dagli organizzatori «Stravinskij russo» («Русский Стравинский») ed è concepito come un festival di ricerca. Gli organizzatori americani si sono interessati a seguire come le radici russe di Stravinskij influenzarono sulle sue composizioni. Il Festival contiene molti programmi concertistici, le conferenze, le radiotrasmissioni e le mostre legate con la musica del compositore. Nel Festival insieme all’Orchestra Filarmonica di New York diretta da Valerij Gherghiev, prendono parte il Coro e i cantanti del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo: il soprano Mlada Khudolej (Млада Худолей), il mezzosoprano Olga Sàvova (Ольга Савова), il tenore Aleksandr Tìmcenko (Александр Тимченко) ed il basso Ghennàdij Bezzubènkov (Геннадий Беззубенков). Nel corso del festival che durerà fino all’8 maggio 2010 agli uditori saranno presentati otto programmi di concerto. Al concerto d’apertura del festival l’Orchestra Filarmonica di New York diretta da Valerij Gherghiev eseguirà la musica del balletto di Stravinskij «L’Uccello di Fuoco» («Жар-Птица» 1910) e la Cantata coreografica «Le piccole nozze» («Свадебка» 1923), ispirata dagli antichi riti e tradizioni delle nozze rurali russe. Nei giorni del festival suoneranno anche la Sinfonia per gli strumenti a fiato (Симфония для духовых инструментов 1920), la musica per i balletti «Il Gioco a Carte» («Игра в Карты» 1937), «La Sagra di Primavera («Весна Священная» 1913) e «Petrushka» («Петрушка» 1911), l’Opera-Oratorio in due atti «Oedipus Rex» («Царь Эдип» 1914), la favola musicale «La Storia di un Soldato» («История Солдата» 1918) ed anche la «Sinfonia di Salmi» sui testi latini dal Vecchio Testamento («Симфония Псалмов» на латинские тексты Ветхого Завета 1930).
Nelle sale della Galleria di Bruno Walter che si trovano nell’edificio della Filarmonica di New York sarà presentata la mostra dedicata al compositore. Gli oggetti esposti, fra cui sono le lettere, le fotografie, le notazioni, i cartelloni e gli altri materiali memorabili, mostreranno come erano i rapporti del compositore e direttore d’orchesra russo Igor Stravinskij (Игорь Стравинский 1882-1971) con la Filarmonica di New York durante quasi quarant’anni. La storia della collaborazione di Igor Stravinskij con la Filarmonica di New York cominciò col concerto dell’8 gennaio 1925, in cui a 42 anni il compositore dirigeva il programma delle proprie composizioni musicali. [/color]

Festival «THE RUSSIAN STRAVINSKY» at the New York Philharmonic
A festival dedicated to the music of Igor Stravinsky (Игорь Стравинский) opens on 21 April 2010 at the New York Philharmonic. Valery Gergiev (Валерий Гергиев) will be conducting all of Stravinsky’s works. The three-week festival, which the organisers have entitled the Russian Stravinsky, was conceived with research in mind: the planners aim to see how Stravinsky’s Russian roots influenced his compositions. Festival events will combine concert programmes, lectures, radio broadcasts and exhibitions relating to the composer’s work and which will broaden traditional audience views of Stravinsky’s music and personality. Also taking part in the festival alongside the New York Philharmonic under the baton of Valery Gergiev will be the Mariinsky Theatre Chorus and Opera Company soloists – soprano Mlada Khudolei, mezzo-soprano Olga Sàvova, tenor Alexander Tìmchenko and bass Gennady Bezzubènkov. For the Russian musicians, this will be their debut at the New York Philharmonic. Over the course of the festival, which runs until 8 May 2010, audiences will have the chance to see eight concert programmes. At the festival’s opening concert the New York Philharmonic Orchestra under Valery Gergiev will be performing music from the ballet the «Firebird» («Жар Птица» 1910) and the choreographic cantata «Les Noces» («Свадебка» 1923), inspired by pagan rites and traditions from Russian village wedding celebrations. Over the festival there will also be performances of the Symphonies of Wind Instruments (1920), music from the ballets «Jeu de cartes» («Игра в Карты» 1937) and «Pétrouchka» («Петрушка» 1911), the opera-oratorio «Oedipus Rex» («Царь Эдип» 1914), music from the ballet «Le Sacre du printemps» («Весна Священная» 1913), the opus «L’Histoire du soldat» («История Солдата» 1918) and the «Symphony of Psalms» («Симфония Псалмов») to texts in Latin from the Old Testament (1930). The rooms of the Bruno Walter Gallery, located at the New York Philharmonic, will be hosting an exhibition of the Philharmonic’s archives. Rare exhibits including letters, photographs, sheet music, playbills and other historical materials will present an image of how relations between the Russian composer and conductor and the New York Philharmonic emerged over the course of almost four decades. The history of Igor Stravinsky’s collaboration with the New York Philharmonic began with a concert on 8 January 1925, when the forty-two-year-old composer conducted a programme of his own works there. Stravinsky stood at the conductor’s stand with this renowned orchestra a total of thirty-two times in the course of almost forty years. In 1966, already eighty-four years old, the composer conducted a performance of his «Symphony of Psalms» at the Stravinsky Festival. Stravinsky’s works have been performed by the New York Philharmonic Orchestra on more than one thousand one hundred occasions.



Ultima modifica di Zarevich il 13 Ago 2019 16:15, modificato 1 volta in totale 

Igor Stravinskij.jpg
Descrizione: IGOR STRAVINSKIJ 
Dimensione: 60.66 KB
Visualizzato: 12501 volta(e)

Igor Stravinskij.jpg

FESTIVAL STRAVINSKIJ RUSSO 1.jpg
Descrizione: Festival «STRAVINSKIJ RUSSO» alla Filarmonica di New York
Festival «THE RUSSIAN STRAVINSKY» at the New York Philharmonic
21 aprile – 8 maggio 2010 New York 
Dimensione: 63.85 KB
Visualizzato: 12565 volta(e)

FESTIVAL STRAVINSKIJ RUSSO 1.jpg

FESTIVAL STRAVINSKIJ RUSSO 2.jpg
Descrizione: Festival «STRAVINSKIJ RUSSO» alla Filarmonica di New York
Festival «THE RUSSIAN STRAVINSKY» at the New York Philharmonic
21 aprile – 8 maggio 2010 New York 
Dimensione: 27.49 KB
Visualizzato: 12565 volta(e)

FESTIVAL STRAVINSKIJ RUSSO 2.jpg







____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «TUTTO STRAVINSKIJ» 
 
IL DIVERTIMENTO PER VIOLINO E PIANOFORTE DI IGOR STRAVINSKIJ
ДИВЕРТИСМЕНТ ДЛЯ СКРИПКИ И ФОРТЕПИАНО ИГОРЯ СТРАВИНСКОГО

Il «DIVERTIMENTO» rappresenta l’arrangiamento dell'autore dei frammenti del suo balletto allegorico «IL BACIO DELLA FATA» («ПОЦЕЛУЙ ФЕИ»). Il balletto fu composto da Stravinskij nell'estate del 1928 su ordinazione della celebre ballerina russa Ida Rubinstein (Ида Рубинштейн). A proposito, proprio per Ida Rubinstein fu scritto da Ravel il famosissimo «Bolero».
Sulla base del libretto del balletto «IL BACIO DELLA FATA» è la fiaba di Hans Christian Andersen. La musica al massimo grado è basata sui temi dalle composizioni di Piotr Ciajkovskij. L’idea del balletto nello stile di Ciajkovskij appartiene al celebre pittore Aleksandr Benua, che insieme a Serghej Djaghilev era uno dei fondatori del gruppo artistico «Мир Искусства» («Il Mondo dell'Arte», 1898-1904) e della omonima rivista che si afferma come promotrice del rinnovamento dell'arte.
La prima rappresentazione del balletto «IL BACIO DELLA FATA» («ПОЦЕЛУЙ ФЕИ») si svolse il 27 novembre 1928 all’Opera di Parigi. Il direttore d’orchestra fu il compositore, Igor Stravinskij stesso.
Il 4 novembre 1934 Stravinskij stesso dirigeva a Parigi la prima esecuzione del «DIVERTIMENTO» per orchestra. In quel periodo Stravinskij si esibiva molto con i concerti e aveva bisogno del nuovo repertorio concertistico.
Nel «DIVERTIMENTO» ci sono entrate quattro parti: Sinfonia, Danze Svizzere, Scherzo e Passo da Due. Prima «DIVERTIMENTO» si esibiva come una composizione per orchestra, ma proprio nel 1934 Stravinskij fece il trattamento del «DIVERTIMENTO» per violino e pianoforte che è molto molto popolare fra i musicisti dei due strumenti. Si deve notare che il «DIVERTIMENTO» per orchestra, il «DIVERTIMENTO» per violino e pianoforte e il balletto stesso «IL BACIO DELLA FATA» («ПОЦЕЛУЙ ФЕИ») è una composizione musicale assai bella e consiglierei a tutti di ascoltarla!

"Поцелуй феи", "Le baiser de la fee", "Il bacio della fata"
Berlino, 18 maggio 1953 - Berliner Philharmoniker, direttore Wilhelm Furtwängler
1 - Prologue
2 - Una fète au village
3 - Au moulin
4 - Pas de deux - Adagio
5 - Variation
6 - Coda



Ultima modifica di Zarevich il 13 Ago 2019 16:15, modificato 1 volta in totale 

IGOR STRAVINSKIJ.jpg
Descrizione: IGOR STRAVINSKIJ 
Dimensione: 16.6 KB
Visualizzato: 12722 volta(e)

IGOR STRAVINSKIJ.jpg

IL BACIO DELLA FATA 1.jpg
Descrizione: Il balletto «IL BACIO DELLA FATA» di Igor Stravinskij 
Dimensione: 28.16 KB
Visualizzato: 12722 volta(e)

IL BACIO DELLA FATA 1.jpg

IL BACIO DELLA FATA 2.jpg
Descrizione: Il balletto «IL BACIO DELLA FATA» di Igor Stravinskij 
Dimensione: 28.56 KB
Visualizzato: 12722 volta(e)

IL BACIO DELLA FATA 2.jpg







____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «TUTTO STRAVINSKIJ» 
 
IGOR STRAVINSKIJ A MOSCA
ИГОРЬ СТРАВИНСКИЙ В МОСКВЕ

Il 21 settembre 1962 Igor Stravinskij arrivò in Russia. Alcuni mesi prima lui aveva compiuto 80 anni. Dalla Patria lui fu assente per 48 anni. I concerti di Stravinskij divennero una vero festa per il pubblico russo di quegli anni lontani. E per il compositore stesso l’arrivo in Patria diventò una delle commoventi emozioni dei suoi ultimi anni.
Sei concerti, quattro a Mosca e due a Leningrado presentarono le composizioni di Stravinskij dei vari anni. Nei programmi dei concerti ci sono entrate le composizioni degli anni 1930–1940, del periodo cosiddetto «neoclassico». Il balletto «PETRUSHKA» («ПЕТРУШКА») rappresentato per la prima volta nel 1911, e che per sempre diventò la più famosa composizione di Stravinskij. La musica di «PETRUSHKA» il compositore stesso la includeva sempre nei suoi concerti.
Quattro quadri del balletto di un atto descrivono un dramma di una marionetta che si svolge nel teatrino dei saltimbanchi durante la festa di carnevale (in russo: масленица = màslenitsa).
Nel primo quadro il vecchio prestigiatore mostra le marionette risuscitate: Petrùshka, Ballerina e il Moro, i quali ballano la danza russa in mezzo alla folla meravigliata.
Il secondo quadro è un ritratto di Petrùshka che sogna dell’amore verso Ballerina.
Il terzo quadro rappresenta la vita del Moro, stupido, malevolo, ma agghindato. Il Moro piace a Ballerina la quale cerca in tutti i modi di affascinarlo. Ma irrompe furioso dalla gelosia Petrùshka e turba la dichiarazione d'amore. Il Moro si arrabbia e manda via Petrùshka.
Nel quarto quadro l’allegria del carnevale raggiunge il punto culminante. Nel momento della gozzoviglia le marionette corrono fuori. Il Moro colpisce con una sciabola Petrushka e il povero Petrushka muore sulla neve circondato dalla folla dei buontemponi. Il prestigiatore si affretta a calmare tutti. Sotto le sue mani Petrushka torna al suo aspetto originale di marionetta. La folla se ne va. Sopra il teatrino apparve lo spettro di Petrushka che minaccia il suo carnefice e prende in giro tutti quelli che avevano creduto nell’allucinazione.

L’altra partitura di balletto che suonarò nei concerti di Stravinskij, scritta in una maniera completamente diversa da «Petrùshka», è il balletto «ORFEO» («ОРФЕЙ» 1947) che fu composto su proposta del grande coreografo del XX secolo George Balanchine, il quale era sempre un ineguagliabile interprete della musica di Stravinskij sul palcoscenico di balletto.Il mito classico del mondo ellenico su Orfeo fu preso nel suo aspetto originale, cioè con il finale tragico a differenza dell’Opera di Glück dove tutto finisce con esito favorevole. Il libretto del balletto di Stravinskij si compone di tre parti o di tre scene, e fu scritto dal compositore stesso. Orfeo che rimpiange Euridice, è accompagnato dall’Angelo della Morte, scende nell'Ade e le furie comosse dal suo canto gli restituiscono la sua amata Euridice. Orfeo ed Euridice escono dall''Ade, Orfeo si volta ed Euridice cade morta. Le baccanti fanno a pezzi Orfeo. Alla fine del balletto il Dio Apollo rende glorioso Orfeo alzando la sua lira nei cieli.
La musica del balletto ha la nobile riservatezza, è senza esagerazione. Al massimo il carattere del balletto si ritrova nella scena della morte di Euridice dove il punto culminante è espresso come una lunga pausa. «Alcuni momenti si trovano fuori dall'espressione umana» («Некоторые вещи находятся за пределами человеческого выражения»), - diceva Stravinskij stesso.
L’altra composizione di quei tempi ha il carattere commemorativo: «ODE» («ОДА»). È il canto elegiaco in tre movimenti che Stravinskij scrisse nel 1943 su richiesta del celebre direttore d’orchestra, contrabbassista russo e americano Serghej Kussevìtskij (Сергей Кусевицкий 1874-1951). «ODE» è scritta in felice memoria della moglie di Serghej Kussevitskij, Natalia, morta nel 1942. Per il sottotitolo «il Canto Elegiaco» («Элегическая Песнь») di più risponde la prima parte «Il Panegirico» («Панегирик»). La seconda parte si chiama «Egloga» («Эклога») ha il carattere di genere. Questa musica è suonata nella scena di caccia nel film del 1944 «Jane Eyre». I corni raffigurano i suono dei corni nel bosco.
La terza parte finale di «ODE» porta il carattere del rito regoroso.

La breve, ma molto teatrale pièce «I Fuochi Artificiali» («Фейерверк») Stravinskij la scrisse nel 1908 come regalo di nozze ai suoi amici: Maksimilian Steinberg e Nadezhda Rimskij-Korsakov, la figlia del compositore, il cui allievo era Igor Stravinskij. La pièce «I Fuochi Artificiali» del giovane compositore è un brillante campione del suo talento.
L’altra miniatura è il trattamento della canzone russa popolare «Эй, ухнем!» (Ej, ùkhnem!) cioè il secondo titolo «Il canto dei bardotti del Volga» («Песня волжских бурлаков»). Questa composizione della canzone popolare Stravinskij amava sempre suonarla nei bis. La fece in una notte nell'aprile del 1917.
Negli anni ’60 la Casa Discografica MELODIA pubblicò un album di due dischi (LP) «Igor Stravinskij a Mosca» «Игорь Стравинский в Москве». Per gli appassionati dichiarò il numero dei dischi della «MELODIA»: 33 CM 02467-70 (due LP)
La registrazione fatta alla Sala Grande del Conservatorio di Mosca in ottobre 1962 con due orchestre: Orchestra Sinfonica della Filarmonica di Mosca e l'Orchestra Statale Sinfonica dell’URSS. Direttore è il maestro IGOR STRAVINSKIJ. Oggi presento qui sul nostro forum il CD «IGOR STRAVINSKIJ A MOSCA» rifatto da «MELODIA» dai vecchi LP. Ma vorrei però precisare una cosa. Sui due vecchi LP, oltre alle composizioni descritte da me sopra, «Petrushka», «Orfeo», «Ode», «I Fuochi Artificiali» e «Il canto dei bardotti di Volga», c’è anche una composizione di Stravinskij, «La sagra della primavera» cioè in russo «Весна Священная». Il fatto è che questa composizione in quella sera del 1962 fu diretta non da Stravinskij, ma dal direttore Robert Craft. (A dir il vero una persona di dubbia fama nella vita di Stravinskij).
Robert Craft dirige «La sagra della primavera» con la Statale Orchestra Sinfonica dell’URSS. Nell’edizione di CD «La sagra della primavera» di Robert Craft non è stata unclusa. Sul CD «IGOR STRAVINSKIJ A MOSCA» è solo Igor Stravinskij stesso che dirige le sue composizioni.
 
«IGOR STRAVINSKIJ A MOSCA»
«ИГОРЬ СТРАВИНСКИЙ В МОСКВЕ»

1. «I FUOCHI ARTIFICIALI» «ФЕЙЕРВЕРК», fantasia, Op.Anno 1908

«PETRUSHKA» «ПЕТРУШКА», suite dal balletto, redazione dell’anno 1946.
2. «Un Prestigio» («Фокус»)
3. «La Danza Russa» («Русская»)
4. «Da Petrushka» («У Петрушки»)
5. «La festa di Carnevale» («Народные гулянья на Масленой»)
6. «La Danza delle Nutrici» («Танец кормилиц»)
7. «La Danza dei Cocchiere e degli Stallieri» («Танец кучеров и конюхов»)
8. «Le Maschere» («Ряженые»)

9. «IL CANTO DEI BARDOTTI DEL VOLGA» («Песня волжских бурлаков») per strumenti a fiato e a percussione («Ej, ukhnem!» = «Эй, ухнем!»), la canzone popolare russa nel trattamento di Igor Stravinskij del 1917.

«ODE» «ОДА» (Il Canto Elegiaco in tre parti), Op.Anno 1943
10. Parte I: «IL Panegirico» («Панегирик»)
11. Parte II: «Egloga» («Эклога»)
12. Parteь III: «Epitaffio» («Эпитафия»)

«ORFEO» «ОРФЕЙ», balletto, Op. Anno 1947
13. Scena Prima
14. Air de danse
15. La Danza dell’Angelo della Morte
16. Intermezzo
17. Scena Seconda: Danza delle Furie
18. Air de danse (Orfeo)
19. Intermezzo. Air de danse (Finale)
20. Pas d’action
21. Pas de deux
22. Интерлюдия
23. Pas d’action
24. Scena Terza: Apoteosi di Orfeo

TOTALE: 68.23

Orchestra Sinfonica della Filarmonica di Mosca (1-9)
Statale Orchestra Sinfonica dell’URSS (10-24)
Direttore: IGOR STRAVINSKIJ (ИГОРЬ СТРАВИНСКИЙ)

Numero del CD: «MELODIA» CD 10 01604



Ultima modifica di Zarevich il 13 Ago 2019 16:16, modificato 1 volta in totale 

STRAVINSKIJ A MOSCA 2.jpg
Descrizione: «IGOR STRAVINSKIJ A MOSCA» 1962 
Dimensione: 19.35 KB
Visualizzato: 12878 volta(e)

STRAVINSKIJ A MOSCA 2.jpg

STRAVINSKIJ A MOSCA.jpg
Descrizione: «IGOR STRAVINSKIJ A MOSCA» 1962
«MELODIA» CD 10 01604 
Dimensione: 21.06 KB
Visualizzato: 12880 volta(e)

STRAVINSKIJ A MOSCA.jpg

Stravinskij a Mosca.jpg
Descrizione: «IGOR STRAVINSKIJ A MOSCA» 1962 
Dimensione: 32.62 KB
Visualizzato: 12880 volta(e)

Stravinskij a Mosca.jpg







____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione  Pagina 1 di 3
Vai a 1, 2, 3  Successivo

Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti Registrati: Nessuno


 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare gli allegati in questo forum
Puoi inserire eventi calendario in questo forum