Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione Pagina 1 di 2
Vai a 1, 2  Successivo
«LA MENZOGNA SVELATA»
Autore Messaggio
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA MENZOGNA SVELATA» 
 
South Ossetia war, Valery Gergiev with concert in the destroyed town Tshinvalli: "About tragedy of South Ossetia should learn all world!"
Il maestro russo Valery Gergiev (Валерий Гергиев) il 21 agosto 2008 ha diretto un concerto all'aperto a Tskhinvali, dell'Ossezia del Sud. Lo hanno annunciato fonti municipali a San Pietroburgo, città dove Gergiev ricopre l'incarico di direttore generale del Teatro «Mariinskij». Il concerto di fronte al Palazzo del Parlamento, distrutto dai bombardamenti georgiani che segnarono l'inizio del conflitto.
[color=#4c0000]One of the the most popular conductor of the world - Valery Gergiev according to the Mariinsky Theatre.
Pyotr Tchaikovsky's fifth and sixth symphonies and Dmitry Shostakovich's famous "invasion" theme from his sixth symphony


Ultima modifica di Zarevich il 06 Ago 2018 15:10, modificato 1 volta in totale 

Concerto di Gergiev a Tskhinvali 1.jpg
Descrizione: South Ossetia war, Valery Gergiev with concert in the destroyed town Tshinvalli: "About tragedy of South Ossetia should learn all world!" 
Dimensione: 23.35 KB
Visualizzato: 5365 volta(e)

Concerto di Gergiev a Tskhinvali 1.jpg

Concerto di Gergiev a Tskhinvali 2.jpg
Descrizione: South Ossetia war, Valery Gergiev with concert in the destroyed town Tshinvalli: "About tragedy of South Ossetia should learn all world!" 
Dimensione: 523.3 KB
Visualizzato: 5366 volta(e)

Concerto di Gergiev a Tskhinvali 2.jpg

Gherghiev.jpg
Descrizione: South Ossetia war, Valery Gergiev with concert in the destroyed town Tshinvalli: "About tragedy of South Ossetia should learn all world!" 
Dimensione: 71.47 KB
Visualizzato: 5382 volta(e)

Gherghiev.jpg







____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA MENZOGNA SVELATA» 
 
Mi scuso per la traduzione. Prego gli amici - se del caso - di correggere grazie

D. Medvedev: Stimati cittadini della Russia!

Voi certamente conoscete la tragedia dell’Ossezia del Sud. Il bombardamento notturno da parte delle truppe georgiane hanno portato alla morte a Zchinvali di centinaia di nostri cittadini disarmati. Sono stati ammazzati i soldati russi della forza di interposizione pacifica prima con potessero rispettare il mandato di proteggere le donne, i bambini, gli anziani.

La leadership georgiana, in violazione della Carta delle Nazioni Unite, i suoi obblighi derivanti da accordi internazionali e contro il senso comune ha scatenato un conflitto armato, le vittime del quale sono rimaste persone pacifiche. La stessa sorte in Abkhazia. Evidentemente Tbilisi contava su un blitzkrieg che mettesse la comunità internazionale di fronte al fatto compiuto. E’ stato scelto il modo più disumano per raggiungere i loro obiettivi – incorporare l’Ossezia del Sud a costo di distruggere un intero popolo.

Questo non è stato il primo tentativo. Nel 1991 il Presidente georgiano Gamsachurdija invocando “la Georgia ai georgiani” – basandosi solamente su queste parole – ordinò l’attacco alle città di Suchumi e Zchinvali. Migliaia di morti, decine di migliaia di rifugiati, di villaggi in rovina - ecco cosa ha portato. E proprio la Russia in quel momento ha fermato lo sterminio dei popoli ossetino e abchaso. Il nostro paese è diventato un mediatore ed un pacificatore, cercando una soluzione politica. In tal modo abbiamo sempre proceduto iniziando dal riconoscimento dell'integrità territoriale della Georgia.

Leadership georgiana ha scelto un percorso diverso. Facendo fallire il negoziale, ignorando gli accordi raggiunti, politici e militari, attuando provocazioni, attacchi alle forze di pace - tutte queste innumerevoli flagranti violazioni del regime instaurato nelle zone di conflitto con il sostegno delle Nazioni Unite e dell'OSCE.

La Russia ha dimostrato moderazione e pazienza. Siamo ritornati ripetutamente al tavolo dei negoziati e non ci siamo ritirati dalle nostre posizioni neanche dopo la dichiarazione unilaterale di indipendenza del Kosovo. Ma i nostri suggerimenti per convincere la parte georgiana a negoziare con Abchazia ed Ossezia del Sud per un accordo sul non uso della forza sono rimasi senza risposta. Purtroppo questi suggerimenti sono stati ignorati anche dalla NATO ed anche nelle Nazioni Unite.

Ora è chiaro: nei piani di Tbilisi una soluzione pacifica del conflitto non è compresa. La leadership georgiana si è preparata metodicamente alla guerra ed il sostegno sia politico che materiale dei protettori stranieri ha solo rafforzato il suo senso di impunità.

La notte dell’8 agosto 2008 a Tbilisi hanno fatto la loro scelta. Saakashvili ha scelto il genocidio per risolvere i loro problemi politici. Con questo hanno cancellato di loro pugno tutte le speranze di una pacifica esistenza di ossetini, georgiani e abchasi in un unico Stato. I popoli dell’Ossezia meridionale e dell’Abchazia hanno ripetutamente espressi in favore di un referendum sull’indipendenza delle loro Repubbliche. Comprendiamo che, dopo quanto accaduto in Zchinvali e quanto pianificato in Abchasia essi abbiano il diritto di decidere il loro stesso destino.

I Presidenti dell’Ossezia del Sud e dell’Abchasia, sulla base dei risultati dei referendum e delle decisioni dei Parlamenti repubblicani, si sono appellati alla Russia con la richiesta di riconoscimento della sovranità della Ossezia del Sud e dell’Abchasia. Il Consiglio della Federazione e la Duma di Stato hanno votato a favore di questi appelli.

Partendo da questa situazione è necessario prendere una decisione. Data la libera volontà dei popoli Abchaso ed Ossetino, guidati dalle disposizioni della Carta delle Nazioni Unite, della Dichiarazione del 1970 sui principi del diritto internazionale in materia di relazioni tra gli Stati, dell’Atto finale di Helsinki della CSCE del 1975, degli altri principali documenti internazionali - ho firmato l’Ukaze sul riconoscimento dell’Indipendenza dell’Ossezia del Sud e dell’Indipendenza dell’Abchasia.

La Russia invita le altre nazioni a seguire il suo esempio. Si tratta di una scelta difficile, ma è l'unica possibilità di salvare la vita delle persone.

  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato HomePage
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA MENZOGNA SVELATA» 
 
Заявление Президента Российской Федерации Дмитрия Медведева
26 августа 2008 года

Уважаемые граждане России!
Вы, безусловно, знаете о трагедии Южной Осетии: ночной расстрел Цхинвала грузинскими войсками привел к гибели сотен наших мирных граждан, погибли российские миротворцы, до конца выполнившие свой долг по защите женщин, детей и стариков.
Грузинское руководство в нарушение Устава ООН, своих обязательств по международным соглашениям, вопреки здравому смыслу развязала вооружённый конфликт, жертвами которого стали мирные люди. Эта же участь ждала Абхазию. Очевидно, в Тбилиси рассчитывали на блицкриг, который поставил бы мировое сообщество перед свершившимся фактом. Был выбран самый бесчеловечный способ добиться своей цели – присоединить Южную Осетию ценой уничтожения целого народа.
Это была не первая попытка. В 1991 году президент Грузии Гамсахурдия с призывом «Грузия – для грузин» – только вдумайтесь в эти слова – приказал штурмовать Сухум и Цхинвал. Тысячи погибших, десятки тысяч беженцев, разорённые сёла – вот к чему тогда это привело. Именно Россия в тот момент остановила истребление абхазского и осетинского народов. Наша страна стала посредником и миротворцем, добиваясь политического урегулирования. При этом мы неизменно исходили из признания территориальной целостности Грузии.
Грузинское руководство выбрало другой путь: срыв переговорного процесса, игнорирование достигнутых договоренностей, политические и военные провокации, нападения на миротворцев – всё это грубо нарушало режим в зонах конфликта, установленный при поддержке ООН и ОБСЕ.
Россия проявляла выдержку и терпение. Мы неоднократно призывали вернуться за стол переговоров и не отошли от своей позиции даже после одностороннего провозглашения независимости Косово. Но наши настойчивые предложения к грузинской стороне заключить с Абхазией и Южной Осетией договоренности о неприменении силы остались без ответа. К сожалению, их проигнорировали и в НАТО, и даже в ООН.
Сейчас понятно: мирное разрешение конфликта в планы Тбилиси не входило – грузинское руководство методично готовилось к войне, а политическая и материальная поддержка внешних покровителей только укрепляла ощущение собственной безнаказанности.
В ночь на 8 августа 2008 года в Тбилиси сделали свой выбор: Саакашвили избрал геноцид для решения своих политических задач. Этим он собственноручно перечеркнул все надежды на мирное существование осетин, абхазов и грузин в одном государстве. Народы Южной Осетии и Абхазии неоднократно высказывались на референдумах в поддержку независимости своих республик. Мы понимаем, что после того, что произошло в Цхинвале и планировалось в Абхазии, они имеют право решить свою судьбу сами.
Президенты Южной Осетии и Абхазии, основываясь на результатах референдумов и решениях республиканских парламентов, обратились к России с просьбой о признании государственного суверенитета Южной Осетии и Абхазии. Совет Федерации и Государственная Дума проголосовали в поддержку этих обращений.
Исходя из сложившейся ситуации необходимо принять решение. Учитывая свободное волеизъявление осетинского и абхазского народов, руководствуясь положениями Устава ООН, декларацией 1970 года о принципах международного права, касающихся дружественных отношений между государствами, Хельсинкским Заключительным актом СБСЕ 1975 года, другими основополагающими международными документами – я подписал указы о признании Российской Федерацией независимости Южной Осетии и независимости Абхазии.
Россия призывает другие государства последовать её примеру. Это нелегкий выбор, но это единственная возможность сохранить жизни людей.




Statement by President of Russia Dmitry Medvedev
August 26, 2008

My dear fellow countrymen, citizens of Russia!
You are no doubt well aware of the tragedy of South Ossetia. The night-time execution-style bombardment of Tskhinval by the Georgian troops resulted in the deaths of hundreds of our civilians. Among the dead were the Russian peacekeepers, who gave their lives in fulfilling their duty to protect women, children and the elderly.
The Georgian leadership, in violation of the UN Charter and their obligations under international agreements and contrary to the voice of reason, unleashed an armed conflict victimizing innocent civilians. The same fate lay in store for Abkhazia. Obviously, they in Tbilisi hoped for a blitz-krieg that would have confronted the world community with an accomplished fact. The most inhuman way was chosen to achieve the objective – annexing South Ossetia trough the annihilation of a whole people.
That was not the first attempt to do this. In 1991, President Gamsahourdia of Georgia, having proclaimed the motto "Georgia for Georgians" – just think about it! – ordered attacks on the cities of Sukhum and Tskhinval. The result then was thousands of killed people, dozens of thousands of refugees and devastated villages. And it was Russia who at that time put an end to the eradication of the Abkhaz and Ossetian peoples. Our country came forward as a mediator and peacekeeper insisting on a political settlement. In doing so we were invariably guided by the recognition of Georgia's territorial integrity.
The Georgian leadership chose another way. Disrupting the negotiating process, ignoring the agreements achieved, committing political and military provocations, attacking the peacekeepers – all these actions grossly violated the regime established in conflict zones with the support of the United Nations and OSCE.
Russia continually displayed calm and patience. We repeatedly called for returning to the negotiating table and did not deviate from this position of ours even after the unilateral proclamation of Kosovo's independence. However our persistent proposals to the Georgian side to conclude agreements with Abkhazia and South Ossetia on the non-use of force remained unanswered. Regrettably, they were ignored also by NATO and even at the United Nations.
It stands quite clear now: a peaceful resolution of the conflict was not part of Tbilisi's plan. The Georgian leadership was methodically preparing for war, while the political and material support provided by their foreign guardians only served to reinforce the perception of their own impunity.
Tbilisi made its choice during the night of August 8, 2008. Saakashvili opted for genocide to accomplish his political objectives. By doing so he himself dashed all the hopes for the peaceful coexistence of Ossetians, Abkhazians and Georgians in a single state. The peoples of South Ossetia and Abkhazia have several times spoken out at referendums in favor of independence for their republics. It is our understanding that after what has happened in Tskhinval and what has been planned for Abkhazia they have the right to decide their destiny by themselves.
The Presidents of South Ossetia and Abkhazia, based on the results of the referendums conducted and on the decisions taken by the Parliaments of the two republics, appealed to Russia to recognize the state sovereignty of South Ossetia and Abkhazia. The Federation Council and the State Duma voted in support of those appeals.
A decision needs to be taken based on the situation on the ground. Considering the freely expressed will of the Ossetian and Abkhaz peoples and being guided by the provisions of the UN Charter, the 1970 Declaration on the Principles of International Law Governing Friendly Relations Between States, the CSCE Helsinki Final Act of 1975 and other fundamental international instruments, I signed Decrees on the recognition by the Russian Federation of South Ossetia's and Abkhazia's independence.
Russia calls on other states to follow its example. This is not an easy choice to make, but it represents the only possibility to save human lives.



Ultima modifica di Zarevich il 06 Ago 2018 15:11, modificato 1 volta in totale 





____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA MENZOGNA SVELATA» 
 
«LA MENZOGNA SVELATA»

La Commissione d’Inchiesta della UE ha dichiarato che la responsabilità della guerra in Ossezia del Sud ricade sul Presidente della Georgia Saakashvili
Il prossimo 8 agosto si commemorerà il primo anniversario della folle guerra causata dalla Georgia contro il popolo osseto. La nostra Associazione presente dal 2004 in Ossezia del Nord – Alania è subito intervenuta a sostegno della popolazione sfollata attraverso il nostro partner di Mosca ed in seguito consegnando una piccola parte della produzione del DVD interattivo per i bambini di Beslan anche alla popolazione dell’Ossezia del Sud.
Gli interventi umanitari sono esulano dal contesto politico che ha provocato le sofferenze e i drammi che, nel nostro piccolo, cerchiamo di alleviare. Per questo pubblichiamo la notizia esclusa dal circuito mediatico italiano per il solo amore della Verità.
L’amore per la verità che dovrebbe spingere ogni Uomo – ed soprattutto ogni giornalista che non prenda ordini da qualche potenza politica, magari straniera – a spiegare il significato delle cose affinché non accadano più. Affinchè l’Umanità si affranchi dalla guerra, violenza inutile soprattutto sulla popolazione civile indifesa. Come a Zchinvali …
Questa la notizia (www.osetia.ru):

18.06.2009 “La principale responsabilità per il conflitto in Ossezia del Sud nel mese di agosto dello scorso anno ricade sul Presidente georgiano Michail Saakashvili. Questa conclusione è contenuta nella documentazione dei membri della speciale Commissione istituita dall’Unione europea subito dopo la cessazione delle ostilità.
La notizia, non apparsa sulla stampa “libera” italiana al contrario è stata riportata dalla stampa estera in particolare dal giornale tedesco “Der Spiegel”

Uno dei commissari, un analista politico di rilievo da parte di Bruxelles, Bruno Koppieter ritiene che «l'attacco georgiano a Zhkinvali, è potuto accadere grazie al potente sostegno militare dato alla Georgia dalle potenze occidentali». «In questo modo l'Occidente è indirettamente responsabile dello scatenamento del conflitto», - ha sottolineato.
Dello stesso parere l’esperto tedesco in diritto internazionale Otto Luchterhandt, membro della Commissione UE. Lo stesso ha sostenuto che in questo conflitto la Russia ha svolto il diritto di difesa in virtù della Carta delle Nazioni Unite dopo il bombardamento da parte delle forze georgiane delle forze di pace russe in Ossezia del Sud.
La Commissione ha constatato che la mattina del 7 agosto, alla vigilia del conflitto, al confine con l'Ossezia del Sud la Georgia aveva dispiegato, su ordine di Saakashvili una forza composta da 75 carri armati e 12 mila soldati”
Già nel novembre del 2008 il New York Times aveva pubblicato un reportage oggettivo che smontava la versione occidentale dei fatti. Ora, sotto una cortina di ferro di silenzio omertoso, la libera e democratica stampa italiana tace la verità.
Dov’è ora la RAI con in testa il TG1 ? Dov’è ora l’ex direttore del TG1 ed attuale Direttore del Sole 24 ore Gianni Riotta che aveva avviato una volgare campagna antirussa zeppa di falsità e menzogne ?
www.aiutateciasalvareibambini.org

  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato HomePage
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA MENZOGNA SVELATA» 
 
Già, chissà dove sono tutti questi nostri nobili personaggi, giornalisti, opinionisti, direttori, intellettuali, lustro dell'Italia...?

Se avessero una dignità si sentirebbero male ogni volta che passano davanti allo specchio.
Ma la dignità non ce l'hanno, e così qualcuno dovrebbe capire quello che sono questi individui realmente: braccia sottratte all'agricoltura.
Altro che giornalisti... a raccogliere i pomodori, le angurie, il cotone dovrebbero andare, per fare qualcosa di utile alla comunità!
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato HomePage
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA MENZOGNA SVELATA» 
 
Fa molto piacere leggere che finalmente anche un organo dell'Unione Europea si sia liberato da tutte quelle ignobili bugie della stampa e finalmente abbia affermato la realtà dei fatti. Solo i fatti reali.
Adesso aspettiamo che il Tribunale Penale Internazionale dell'Aia per i crimini di guerra vada a prendersi il signor Saakashvili e lo processi per crimini contro l'umanità e genocidio. Anzi usare il titolo "signore" per un delinquente di tale livello è veramente troppo. Pultroppo dietro questo pericoloso pazzo ci sono nazioni troppo potenti, e temiamo che resterà impunito.
E anche sperare che la stampa racconti la realtà degli eventi è pura utopia, vedrete che questa notizia passerà in silenzio.
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA MENZOGNA SVELATA» 
 
Caro Oneg,
"purtroppo" Barroso ha messo il veto alla pubblicazione del documento. Non vi è appunto traccia in nessun giornale, sito, radio o telvisione. W LA LIBERTA' OCCIDENTALE ! (ma la colpa si sa è di Putin .... e dei russi che ancora si ostinano a non diventare occidentali ...)
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato HomePage
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA MENZOGNA SVELATA» 
 
Possiamo facilmente immaginare da quale governo sia stipendiato Barroso!
L'Europa non solo è asservita e colonizzata ma ha perso definitivamente ogni morale e dignità (se mai l'ha avuta).

Ma quello che fa veramente impressione è che nessun governante europeo abbia detto una sola parola per ricordare tutte le vittime della vile aggressione georgiana!
Pultroppo ancora oggi i soliti idioti patentati della stampa italica pubblicavano solo articoli in chiave anti-russa, in un caso addirittura tirando fuori oscure vicende di 70 anni fa, delle quali, com'è ovvio, nessun russo odierno può aver responsabilità.
E non passa giorno senza che ci risparmino questa propaganda subdola, ipocrita e disgustosa, fatta solo con notizie distorte e nella maggior parte dei casi totalmente false.
Questa non è solo ignoranza e cattiveria ignobile, c'è dietro una strategia precisa.
Tutta l'Europa si dovrebbe vergognare di essere caduta così in basso!!
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA MENZOGNA SVELATA» 
 
Oneg ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Questa non è solo ignoranza e cattiveria ignobile, c'è dietro una strategia precisa.
Tutta l'Europa si dovrebbe vergognare di essere caduta così in basso!!


Vedi Caro Amico, il Mondo moderno è senza cultura, senza studio e senza sapere. Ciò vuol dire senza critica alcune. Senza "campane diverse". Quando io sono arrivatoi per la prima volta in Russia era (1) il 1981. CV'era l'Urss ed allora - senza essere irrazioanlemnte pro Urss -  ma c'era un'altra campana. Una diversa interpretazione del mondo. Qualcuno che parlava diversamente e proponeva cose diverse. Ora c'è il deserto. In questo deserto infatti non sono nati nessu Pushkin, nessuna Achmatova, nessun Dostoevskij e nessun Tolstoj. Solo MERDA amerikana.
Scusate la parola.

kar
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato HomePage
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA MENZOGNA SVELATA» 
 
Nel mio piccolo ho contribuito a diffondere la notizia pubblicandola su Facebook, e molti conoscenti mi hanno seguito.
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato HomePage
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA MENZOGNA SVELATA» 
 
Grazie
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato HomePage
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA MENZOGNA SVELATA» 
 
Di nulla. L'ho riportata anche sul blog.
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato HomePage
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA MENZOGNA SVELATA» 
 
Ne abbiamo scritto un anno fa
http://www.arcarussa.it/forum/viewtopic.php?t=1799

Di solito noi qui non scriviamo di politica o cerchiamo di evitarla perché è una cosa brutta e falsa. E poi in internet ci sono moltissimi forum specializzati in questa cosa.
Ero meravigliato e stupito che i Paesi occidentali  compreso l’Italia un anno fa hanno cominciato la guerra informativa contro la Russia.
Scherzano col fuoco? No, semplicemente evadono un ordine del papà Bush, del loro Sovrano, le marionette di cui sono. L’Europa unita si è coperta d'infamia. Che vergogna! Di quale democrazia occidentale si può parlare? Dove è? E questa, scusate, cosiddetta democrazia americano-occidentale tenta di spiegare qualcosa ai russi? Insegnare a leggere e a scrivere? Chi ha bombondato Belgrado? Gli innocenti? I Paesi occidentali hanno fatto nei suoi mass media il ballo del sabba, denigrano e diffamano la Russia. E' una democrazia?  
I mass media italiani non sanno scrivere nessuno articolo dedicato a Ciajkovskij o Dostojevskij o a qualcos'altro, non usando le parole: Stalin, gulag, comunismo, mafia russa, puttane russe e un’altra serie di epiteti simili.
Di cosa si tratta? Forse gli autori hanno la coda di paglia? Temo che sia così. E la mancanza della cultura elementare. E' una democrazia occidentale, falsa e ipocrita. E'  un ordine politico. Paga quello chi ordina la musica. Chi lo ordina lo sappiamo bene.
Storicamente in Russia amano L'Italia, la sua cultura e il suo popolo. Ogni russo ammira l'Italia nonostante la sua politica, mafia ecc. ecc. Ma cosa è successo con l'altra parte? Sembra che i mass media italiani abbiano trovato un nemico. Leggete la stampa italiana e aprite RAI. Si può parlare della politica russa e criticarla, ma con tutto ciò non umiliare il popolo e la sua cultura e le tradizioni. I giornalisti danzano sotto il piffero americano. Vergogna!




Ultima modifica di Zarevich il 06 Ago 2018 15:04, modificato 1 volta in totale 





____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA MENZOGNA SVELATA» 
 
Anch'io l'ho pubblicato su facebook.
  




____________
ImageImageImage
Offline Profilo Invia Messaggio Privato HomePage MSN Live Skype ICQ
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA MENZOGNA SVELATA» 
 
Gli Europei e il loro padrone "a stelle e strisce" da una parte si auto-incensano: NOI siamo la vera democrazia, NOI soli siamo i giusti, NOI siamo gli unici che rispettano i diritti umani, solo la NOSTRA stampa è libera... ma dall'altra parte NOI siamo le uniche nazioni che vanno a bombardare gli altri popoli, che sempre interferiamo con i governi di altre nazioni, e se qualcuno non è dalla NOSTRA parte cominciamo a definire dittatura quel paese, che non esitiamo ad usare la tortura e i campi di concentramento, che distruggiamo e corrompiamo le culture non allineate con NOI. Insomma, chi non si abbassa le mutande e s'inchina di fronte a NOI, è il cattivo da eliminare e riportare sulla retta via...
La stampa e i mezzi di comunicazione sono le armi usate da questa macchina infernale per fare il lavaggio del cervello alla popolazione.
Un governo europeo che nasconde la verità al proprio popolo (nel caso specifico i risultati della commissione d'inchiesta sui fatti avvenuti in Georgia) che cos'è? Questa è manipolazione delle menti di una popolazione che ormai nemmeno pensa più con il proprio cervello...
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione  Pagina 1 di 2
Vai a 1, 2  Successivo

Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti Registrati: Nessuno


 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare gli allegati in questo forum
Puoi inserire eventi calendario in questo forum