Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione Pagina 1 di 1
 
«SENZA LAVORI BUONI, NON C'È FELICITÀ...»
Autore Messaggio
Condividi Rispondi Citando
Messaggio «SENZA LAVORI BUONI, NON C'È FELICITÀ...» 
 
Rimma Bajburova Римма Байбурова
«SENZA LAVORI BUONI, NON C'È FELICITÀ...»
«Attività educative dell'Accademia delle Arti nel XVIII secolo"»
«БЕЗ ДОБРЫХ ДЕЛ БЛАЖЕНСТВА НЕТ…»
«Просветительская деятельность Академии художеств в XVIII веке»
Casa Editrice «BuksMArt» Mosca 2021 (Pagine 208)
Издательство «БуксМАрт» Москва 2021

L'Accademia Imperiale Russa delle Arti è stata progettata non solo per insegnare, ma anche per educare. Come è successo esattamente questo, racconta il libro di Rimma Bajburova. Per la maggior parte di noi, ad eccezione degli specialisti, il panorama generale dell'arte russa del XVIII secolo si perde in una sorta di foschia. Conosciamo pietre miliari individuali, che, come pietre miliari, possono essere viste nella nebbia. Questi sono i nomi degli artisti: Ivan Nikitin, Alekseej Antropov, Fiodor Rokotov, Vladimir Borovikovskij... Tuttavia, cosa è successo esattamente nella vita artistica russa del secolo galante, quali correnti sotterranee lo controllavano e in cosa consisteva il «sottobosco», è disegnato vagamente nell'immaginazione, in contrasto con l'era degli Itineranti o dell'Età dell'Argento. La monografia di Rimma Bajburova «SENZA LAVORI BUONI, NON C'È FELICITÀ...» intitolata con un verso di un'ode di Gavriil Derzhàvin, contiene molti fatti interessanti che colmano questa lacuna. Il libro con il sottotitolo «Attività educative dell'Accademia delle arti nel XVIII secolo» non parla nemmeno specificamente dell'illuminazione, ma di tutte le attività pubbliche in cui l'Accademia delle arti imperiale russa, solitamente chiusa, si è aperta alla città. Cosa potrebbero ottenere da lei le persone, non gli alunni o gli studenti? Si scopre che un cittadino del XVIII secolo poteva visitare la biblioteca; c'erano anche conferenze pubbliche, libri stampati. Si tenevano regolarmente aste in cui l'Accademia vendeva «surplus» - opere d'arte create nel corso della formazione: disegni, stampe, dipinti e sculture. Era un modo economico per decorare la casa media dell'epoca. Opere di livello superiore, dipinti di pensionati e accademici, nonché opere di antichi maestri europei donati da mecenati (principalmente Ivan Shuvalov), hanno permesso di creare un museo - il secondo a San Pietroburgo dopo la Kunstkamera. Quasi la metà di questo piccolo e ben pubblicato libro riguarda due mostre pubbliche che hanno avuto luogo nel 1766 e nel 1770. L'Accademia organizzava annualmente mostre di relazione, ma sono sopravvissuti solo due cataloghi a stampa con un elenco di opere per l'intero XVIII secolo, e in copie singole. Un'analisi degli elenchi aiuta a capire cosa, in generale, ha formato la vita artistica in quell'epoca. E vedere che praticamente non esistevano maestri al di fuori dell'Accademia Imperiale Russa delle Arti, che dobbiamo quasi tutta la nostra arte del XVIII secolo a una politica statale programmatica, ostinatamente, meticolosamente impiantata.
Ahimè, è in questo capitolo che troviamo il principale svantaggio del libro: l'autore è uno specialista in architettura, e per niente in pittura - per qualche motivo, senza fonti scritte, cerca di immaginare come ha reagito il pubblico a dipinti con immagini di divinità antiche, e nega completamente ai visitatori della mostra qualsiasi istruzione. Anche se è ovvio che alle brevi mostre di reportage dell'Accademia Imperiale Russa delle Arti partecipavano principalmente la corte e l'élite intellettuale, e non i cocchieri con i cuochi. Allo stesso tempo, il libro è pieno di fatti curiosi raccolti da rari documenti d'archivio. In modo molto logico e coerente, anche se brevemente, dispiega per il lettore un quadro del dietro le quinte, ma allo stesso tempo molto importante attività dell'Accademia. E l'ampia appendice è costituita da una serie di documenti utili agli storici, pubblicati per la prima volta: statuti, regolamenti e decreti che regolavano il lavoro dell'Accademia Imperiale Russa delle Arti. E anche se non abbiamo un libro come «La vita quotidiana degli artisti russi a San Pietroburgo nel 18° secolo», il libro di Bajburova funge da ulteriore elemento costitutivo da cui può essere formata l'immagine di questa vita quotidiana nella mente del lettore.

  

Rimma Bajburova.jpg
Descrizione: Rimma Bajburova «SENZA LAVORI BUONI, NON C'È FELICITÀ...»
«Attività educative dell'Accademia delle Arti nel XVIII secolo"»
Casa Editrice «BuksMArt» Mosca 2021 (Pagine 208) 
Dimensione: 37.24 KB
Visualizzato: 554 volta(e)

Rimma Bajburova.jpg







____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione  Pagina 1 di 1
 

Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti Registrati: Nessuno


 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Puoi allegare i files in questo forum
Puoi scaricare gli allegati in questo forum
Puoi inserire eventi calendario in questo forum