Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione Pagina 1 di 1
 
«LA BATTAGLIA DI BORODINO»
Autore Messaggio
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA BATTAGLIA DI BORODINO» 
 
Бородинское поле - место, получившее известность после генерального сражения в Отечественной войне 1812 года, где в смертельной схватке сошлись русская армия под командованием М.И. Кутузова и Великая армия французского императора Наполеона Бонапарта. Битва длилась 15 часов, с обеих сторон в ней участвовало около 300 тысяч человек при 1200 артиллерийских орудиях. Наполеону не удалось сломить сопротивление русских. Баталия 26 августа 1812 года явилась одной из самых кровопролитных в военной истории.
   В этом году отмечается 195-летие Бородинской битвы, и в связи с этим событием в Москве и в регионах проводятся различные мероприятия, связанные с этим периодом в военной истории России. 3 августа 2007 года в 16.00 в Московском Государственном Выставочном Зале «Новый Манеж» по адресу: Георгиевский переулок д.3/3, стр.3 состоялось открытие выставки «Здесь, на полях Бородина, с Россией билася Европа…». На выставке представлены произведения из московских, санкт-петербургских, а также многих региональных музеев, архивов и библиотек, которые Государственный Бородинский военно-исторический музей-заповедник, «хранитель истории» Бородинского сражения, пригласил к участию в выставке. Она знакомит специалистов, занимающихся изучением Отечественной войны 1812 года и европейской истории начала ХIХ века, а также просто людей, неравнодушных к реалиям прошлого, с новыми экспонатами и архивными материалами.
   Первая часть выставки - «Бородино – битва гигантов».  Здесь можно   ознакомиться с предметами обмундирования, вооружения и снаряжения противоборствующих сторон. Откровением для посетителей станут археологические находки, извлеченные из земли Бородинского поля, реальные участники и свидетели сражения. В разделе «Боевые действия» посетители смогут увидеть полотно В.В.Верещагина «Наполеон на Бородинских высотах», уникальные иконографии главнокомандующих: графические портреты М.И.Кутузова и Наполеона. А в разделе «Военная медицина» впервые единым комплексом представлены медицинские инструменты и документы о ранениях, мундир со следами крови, портреты и переписка главных медиков обеих армий. Следующая часть выставки – «Бородино в памяти современников», - это начало превращения поля битвы в военно-исторический мемориал: первая поэма о героях Бородина, первые воспоминания участников сражения, материалы об основании Спасо-Бородинского монастыря. «Столетие Отечественной войны», отмечаемое в 1912 году на высоком государственном уровне в Бородине – еще один увлекательный раздел выставки. Уникальные архивные материалы прибытия Николая II с семьей, фотографии, почтовые карточки и предметы декоративно-прикладного искусства. Завершается выставка демонстрацией гипермедийной программы «Бородино 1812-2012. Путешествие в пространстве и времени». Это компьютерная презентация состоит из четырех сюжетов, которые показывают одновременно на четырех экранах -  изображения памятных объектов Бородинского музея-заповедника в контексте их истории, развития или восстановления к 200-летнему юбилею Бородинского сражения. На выставке представлено более 1000 экспонатов.

Выставка открыта для посещения с 4 по 25 августа, ежедневно, кроме понедельника с 10.00 до 19.00
по адресу Георгиевский переулок д.3/3, стр.3, МГВЗ «Новый Манеж»

Участники выставки:

* Военно-исторический музей артиллерии, инженерных войск и войск связи * Военно-медицинский музей Министерства обороны РФ * Всероссийский музей А.С. Пушкина * Государственный архив Российской Федерации * Государственный архив Ярославский области
* Государственный Бородинский военно-исторический музей-заповедник * Государственный историко-архитектурный дворцово-парковый музей-заповедник «Царское Село» * Государственный историко-литературный музей-заповедник А.С. Пушкина (усадьба Вяземы) * Государственный историко-художественный дворцово-парковый музей-заповедник «Гатчина» * Государственный Исторический музей * Государственный Литературный музей * Государственный мемориальный музей А.В. Суворова * Государственный музей А.С. Пушкина * Калужский областной краеведческий музей * Литературно-художественный музей-усадьба «Приютино» * Литературный музей Института Русской литературы РАН («Пушкинский дом») * Музей-панорама «Бородинская битва» * Российская Государственная библиотека * Российский государственный военно-исторический архив * Рязанский государственный областной художественный музей им. И.П. Пожалостина * Рязанский историко-архитектурный музей-заповедник * Тверской государственный объединенный музей * Тверская областная картинная галерея * Тульский государственный музей оружия * Центральный исторический архив Москвы * Центральный музей Вооруженных Сил * Череповецкое музейное объединение * Ярославский государственный историко-архитектурный и художественный музей-заповедник *


http://www.borodino.ru/oper_inf.shtml




  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA BATTAGLIA DI BORODINO» 
 
Interessante!
Certo che tra cinque anni sarà un anniversario ancora più importante, manca poco ai 200 anni.
Della battaglia di Borodino ne è stata data una illustrazione cinematografica molto molto bella e suggestiva da Serghej Bondarciuk negli anni '60.
Strannitsa! Sarebbe bello fare una traduzione in italiano di questo articolo per i nostri lettori che non capiscono il russo. Non è che te la sentiresti? Oppure possiamo farlo insieme, magari anche con Zarevich.
Che ne dite?
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato HomePage
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA BATTAGLIA DI BORODINO» 
 
Да, было бы здорово, если бы материал на сайте выставлялся на двух языках; но у меня на это пока силёнок не хватает. Я бы рада к вам обратиться с такой просьбой, но не знаю, как вы это воспримите Rolling Eyes
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA BATTAGLIA DI BORODINO» 
 
Boris Jùlin Борис Юлин
«LA BATTAGLIA DI BORODINO»
«БОРОДИНСКАЯ БИТВА»
Casa Editrice «EXMO» Mosca 2008
Издательства «ЭКСМО» Москва 2008
 
La Battaglia di Borodinò, il più massivo e sanguinario combattimento della Guerra del 1812 di diritto è considerata una delle importanti battaglie della storia russa ed un simbolo della gloria russa.
Alla Battaglia di Borodinò sono dedicati numerosissimi libri e quadri, di essa scrivevano gli scrittori da Aleksandr Mikhajlòvskij-Danilèvskij a Mikhail Lermontov e Lev Tolstoj.
Però le dispute e le discussioni intorno a questa battaglia continuano ancora oggi. Quali erano i veri rapporti di forze a Borodinò? Quali perdite subirono le truppe nemiche nella Battaglia di Borodinò?
E la cosa più importante, chi riportò la vittoria in questa Battaglia?
Boris Jùlin, l’autore di questo libro, dà delle inattese risposte a tutte queste domande. Il suo nuovo libro è un fresco e su molte cose sensazionale sguardo alla storia della Battaglia di Borodinò.
Avendo analizzato i progetti di Napoleone e Kutuzov e le decisioni dei grandi condottieri di eserciti sul campo di battaglia, correlando tutto con le carte e mappe autentiche dei luoghi del campo di Borodinò, l’autore giunge ad una conclusione inattesa …



Ultima modifica di Zarevich il 13 Dic 2017 12:42, modificato 1 volta in totale 





____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA BATTAGLIA DI BORODINO» 
 
«1812. LA BATTAGLIA DI BORODINO»
«1812. БОРОДИНСКАЯ БИТВА»
Casa Editrice «Exmo» Mosca 2009 (Pagine 320)
Издательство «Эксмо» Москва 2009

По признанию Наполеона: «Из всех моих сражений самое ужасное то, которое я дал под Москвой. Французы в нем показали себя достойными одержать победу, а русские стяжали право быть непобедимыми...». Бородинская битва по праву считается переломным событием не только Отечественной войны 1812 года, но и всей Наполеоновской эпохи. Именно после Бородина, ставшего первым генеральным сражением, в котором Бонапарт не смог разгромить армию противника, начался закат его Империи. Именно здесь надломилась его Великая армия. Именно Бородинская битва предопределила исход кампании 1812 года, а в конечном счете и всех Наполеоновских войн. Данная книга позволяет взглянуть на это переломное сражение с обеих сторон фронта, восстанавливая полную картину решающего дня русской истории.



Ultima modifica di Zarevich il 30 Dic 2018 09:19, modificato 1 volta in totale 





____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA BATTAGLIA DI BORODINO» 
 
SONO PASSATI 200 ANNI DALLA GUERRA NAPOLEONICA
Proprio oggi, 24 giugno 2012, è il 200-esimo anniversario di inizio della guerra patriottica del 1812, durante la quale la Russia ha sconfitto le armate napoleoniche che l’avevano attaccata. All’epoca le truppe di Napoleone attraversarono il confine segnato dal fiume Nemunas, invadendo il territorio russo. Fra le ragioni che portarono al conflitto c’era il rifiuto della Russia di prendere parte e sostenere Napoleone nell’assedio continentale che aveva organizzato contro l’Inghilterra, il suo principale nemico. L’imperatore francese aveva pianificato di portare a termine la campagna di Russia entro tre anni, ma la guerra terminò già a dicembre del 1812 con la liberazione dei territori russi e la disfatta delle armate napoleoniche.
www.musey1812.ru



Ultima modifica di Zarevich il 13 Dic 2017 12:43, modificato 1 volta in totale 





____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA BATTAGLIA DI BORODINO» 
 
LA VITTORIA DELLA RUSSIA NELLA GUERRA CONTRO NAPOLEONE 1812-2012
ПОБЕДА РОССИИ В ВОЙНЕ С НАПОЛЕОНОМ 1812-2012

Il comitato statale per l'organizzazione e la realizzazione dei festeggiamenti in onore del due-centenario dalla vittoria della Russia nella guerra contro Napoleone si è riunito oggi per l'ultima volta e l'8 agosto a Mosca il Vice-ministro della cultura Andrej Busyghin ha reso note le principali caratteristiche di questo enorme programma.
Fin dall'inizio di quest'anno la vita culturale della Russia in grande misura si svolge all'insegna dell'anniversario dei duecento anni dalla vittoria nella guerra patriottica del 1812. Sono stati installati molti monumenti, organizzati spettacoli dedicati agli eventi di quella guerra e allestite mostre. Il comitato, riferisce il Vice-ministro della cultura Andrej Busygin, afferma che «questo evento è assolutamente importante e ha un carattere illuministico, è un'occasione per ricordare le gloriose pagine della nostra storia. Si tratta di una manifestazione che dovrebbe servire al prestigio della Russia.
In autunno si terranno le principali manifestazioni solenni. Uno degli apici sarà la rievocazione della principale disfatta dell'esercito russo e napoleonico a Borodino, poco lontano da Mosca. Questa dura e sanguinosa battaglia non determinò un vincitore, ma su decisione delle autorità dell'esercito russo la capitale della Russia venne consegnata a Napoleone. Il trionfo dell'imperatore francese era falso e da Mosca era cominciata la ritirata e la fuga dei francesi dalla Russia attraverso tutta l'Europa. La riproduzione teatrale della battaglia di Borodino è già diventata una tradizione, si svolge all'inizio di settembre annualmente. Ma questa volta alla «battaglia» prenderanno parte circa settecento «guerrieri» stranieri esperti in rievocazioni storiche. Duecento anni fa, a Borodino, contro l'esercito russo si scontrò quasi l'Europa intera. Il diritto onorario di eseguire sullo storico territorio la solenne ouverture di Chaykovsky «1812» è stato riservato ad un'orchestra militare francese. «Nell'anno dell'anniversario, particolare attenzione è stata giustamente prestata a Borodino», ha sottolineato Andrej Busygin.
Questo è uno dei primi musei a cielo aperto istituito per ordine dell'imperatore Nicola I. A proposito, quest'anno si sono anche conclusi i lavori di ristrutturazione del palazzo di Nicola I a Borodino, ed è stato inaugurato il busto dell'imperatore Alessandro II, portato qui due volte.
Altro principale evento dei festeggiamenti solenni sarà l'apertura del museo della guerra del 1812 nel centro di Mosca. «In uno spazio di 1500 metri quadrati sono state allestite una mostra permanente e sale con mostre temporanee» racconta Andrej Busygin.
Gli oggetti esposti a questo museo sono conservati già da circa un secolo nel Museo storico di Mosca — continua il Vice-ministro — Hanno cominciato a collezionarli subito dopo i festeggiamenti del centenario nel 1912. Proprio allora venne decisa la fondazione del museo, ma d'ostacolo furono la Prima guerra mondiale e la Rivoluzione del 1917. Ma ecco che ora l'idea finalmente sarà realizzata. È ovvio che all'apertura saranno presenti esperti francesi. È stato invitato il personale del Museo della legione d'ordine e del Louvre che, a proposito, venne creato proprio sotto la supervisione di Napoleone Bonaparte. Una serie di attività — aggiunge Andrej Busygin — si svolge nei paesi europei che vennero coinvolti negli eventi degli anni 1812-1814.
Andrej Busygin nomina uno dei maggiori: la marcia a cavallo Mosca-Parigi, che comincerà alla fine di agosto e continuerà nei luoghi più memorabili della guerra del 1812. I partecipanti sono cosacchi russi e gli «eredi storici» dei leggendari cavalieri dell'atamano Matvej Platov, che si distinse in tutte le guerre del suo tempo, compresa quella del 1812. I cosacchi contemporanei dedicano il proprio attraversamento al ricordo di tutti i guerrieri caduti nelle battaglie contro l'armata di Napoleone.
Andrej Busygin ha osservato che il Comitato conferisce un significato serio alla partecipazione all'anniversario di esperti stranieri, soprattutto di storici. Di recente, per esempio, si è svolta in Austria una conferenza di scienziati che si occupano della ricerca sul periodo delle guerre napoleoniche. In autunno, verranno a festeggiare in Russia esperti da Germania, Polonia e Francia. Sono invitati anche gli eredi della dinastia imperiale dei Romanov.

  




____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA BATTAGLIA DI BORODINO» 
 
MUSEO-PANORAMA «BATTAGLIA DI BORODINO»
МУЗЕЙ-ПАНОРАМА «БОРОДИНСКАЯ БИТВА»

Nella guerra contro la Russia Napoleone attribuiva un significato decisivo alla presa di Mosca. Essa divenne il centro della resistenza al nemico. Furono formate milizie popolari moscovite con a capo Michail Kutuzov, divenuto in seguito comandante in capo dell'esercito russo. Il 7 settembre 1812 ebbe luogo a Borodinò, non lontano da Mosca, uno scontro tra i due eserciti, prima avvisaglia del fallimento dei piani d'occupazione di Napoleone.
Il complesso del museo, nel quale rientra il panorama La battaglia di Borodinò, è situato in un luogo d'importanza storica. Nei pressi dell'entrata a Mosca si trovava il villaggio Fili dove, nel settembre 1812 nell'isbà di un contadino, Mikhail Kutuzov convocò il Consiglio di guerra. Il complesso del museo comprende anche l'«Isbà di Kutuzov». Davanti al museo si erge il monumento al glorioso condottiere russo (scultore Nikolaj Tomskij).
All'inizio del Corso Kutuzovskij giganteggia l'Arco Trionfale (1827-1834), architetto Osip Bove, scultori Ivan Vitali e Timofeev), eretto in onore della vittoria su Napoleone. Dopo l'Arco, sul lato sinistro del Corso Kutuzovskij, si trova la collina Poklonnaja, da dove si vedeva bene Mosca. Qui Napoleone attese invano che gli portassero le chiavi della città. L'edificio circolare del museo, costruito espressamente per l'esposizione del panorama «La battaglia di Borodinò», corona il complesso memoriale.
Il museo-panorama «La battaglia di Borodinò» fu inaugurato nel 1962, durante le celebrazioni del 150° anniversario della Guerra patria del 1812.
La prima delle quattro sale del museo è quella introduttiva. In essa è illustrato il periodo iniziale della guerra, dall'irruzione proditoria delle armate napoleoniche in Russia sino alla battaglia di Borodinò. Le armate francesi contavano 640 mila soldati, mentre quelle russe soltanto 220 mila effettivi. Sotto la pressione della preponderanza numerica del nemico, l'esercito russo fu costretto a ritirarsi verso oriente, all'interno del paese. Sin dai primi giorni la guerra assunse carattere popolare, in quanto la popolazione aiutava in tutti i modi l'esercito regolare russo. È esposta la scultura «Lo Scevola russo» (l'originale, opera dello scultore Vassilij Demut-Malinovskij, è conservato nel Museo Russo di Leningrado). Sull'esempio dell'antico eroe è riportato il contadino russo che si mozzò la mano con l'accetta sotto gli occhi dei francesi quando, preso prigioniero, si tentò di costringerlo a servire Napoleone.
Nella prima sala i visitatori possono ammirare la cosiddetta piccola galleria del ritratto. Sono qui esposti i ritratti dei 18 generali più noti tra quelli che parteciparono alla Guerra patriottica del 1812 (si tratta di copie degli originali conservati nella famosa Galleria militare dell'Ermitage di Leningrado che conta 332 ritratti).
La seconda sala, Circolare, è dedicata al creatore del panorama La battaglia di Borodinò, Franz Rubo (1856-1928). Sono qui esposte le sue opere. Franz Rubo, pittore di battaglie, nacque a Odessa nella famiglia di un non ricco commerciante francese trasferitosi in Russia. Dal 1910 Rubo fu membro effettivo dell'Accademia di Belle Arti di Pietroburgo. Nel 1904 egli portò a termine i lavori del panorama Difesa di Sebastopoli (a Sebastopoli in Crimea), mentre nel 1912, per il centenario della storica battaglia, Rubo creò il panorama La battaglia di Borodinò.
visitatori salendo per la scala a chiocciola arrivano alla piattaforma d'osservazione della sala panoramica e al loro sguardo si presenta il campo di Borodinò.
All'inizio del settembre 1812, il feldmaresciallo Mikhail Kutuzov, valutando i rapporti di forza, decise di dare battaglia ai francesi. Luogo dello scontro generale divenne un piano presso il villaggio di Borodinò, a 124 km a ovest di Mosca.
panorama di Rubo è grandioso per le dimensioni (la tela, alta 15 metri, si allunga circolarmente in lunghezza per 115 metri) ed è fedele alla realtà storica. Esso mostra la situazione creatasi sul campo di Borodinò alle ore 12.30 del 7 settembre, nel momento piu acceso dello scontro. Il panorama rende eccezionalmente la spazio-sità, è molto espressivo per composizione e dinamicità del disegno, incarna fedelmente ed emozionalmente la drammaticità delle scene di battaglia. Dalla piattaforma d'osservazione all'estremo inferiore della tela si diffonde un piano naturale: il rilievo del terreno, varie costruzioni, equipaggiamento militare, ecc. Il piano oggettivo si fonde con la tela e consente un passaggio impercettibile dallo spazio reale a quello illusorio.
Il panorama è come diviso tra le due parti della linea del fronte che passa per un dirupo. Rubo immette lo spettatore nel mezzo degli avvenimenti, tra i difensori dèi villaggio Semenovskaja. Il villaggio, attaccato dai francesi, brucia. Difendendo le alture Semenovskije si schierarono i reggimenti di fanteria, contro cui si lanciano, chiusi nelle corazze, i cavalieri napoleonici. Da qualche parte si è già alla mischia corpo a corpo. Ecco la cavalleria arrivare in aiuto alla fanteria russa. Lungo la linea del fronte è schierata l'artiglieria. L'esercito francese pagò a caro prezzo la conquista della fortificazione, ovunque una quantità di soldati e cavalli uccisi.
Sulla ridotta Scevardinskij è situato il comando di Napoleone, da dove questi osserva l'andamento della battaglia. Da ambo le parti della ridotta è schierata la riserva personale dell’imperatore il quale, su un bianco corsiero arabo, è circondato da numeroso seguito. Da tutte le parti verso di lui galoppano gli aiutanti con messaggi.
Più a destra, in lontananza, sono visibili le isbe del villaggio Gorki, dov'era dislocato il comando russo. Kutuzov è in piedi attorniato da ufficiali dello stato maggiore. A oriente, sul limitare d'un bosco e nel bosco stesso, la riserva dell'esercito russo.
La battaglia continuò sino alle tenebre. Avendo perso, tra morti e feriti, circa 60 mila uomini, Napoleone ordinò di ripiegare sulla linea di partenza. Il campo di battaglia rimase in mano ai russi. L'obiettivo principale di Napoleone, sbaragliare l'esercito russo, non fu raggiunto.
Dalla panoramica i visitatori passano all'ultima sala, i cui materiali riflettono l'andamento della Guerra patriottica dopo la battaglia di Borodinò.
Non avendo ricevuto rinforzi, l’8 settembre l'esercito russo si ritirò. Cinque giorni dopo, presso la via d'accesso a Mosca nel villaggio Filì, in un'isbà contadina si tenne il Consiglio di guerra nel quale Kutuzov decise di non difendere Mosca, per conservare intatto l'esercito. Abbandonata Mosca, l'esercito russo si diresse a sud, e in quello stesso giorno le armate di Napoleone entrarono in Mosca. Sono qui esposti i quadri I francesi a Mosca e L'incendio di Mosca.
Non avendo la proposta di pace da parte russa, fu Napoleone stesso a intraprendere tentativi di armistizio, ma, ottenuto un deciso rifiuto, dopo circa un mese cominciò la ritirata.
L'esercito russo, nel frattempo rinforzatosi, ingaggiava combattimenti e spingeva i francesi verso occidente. Alla fine di dicembre, le armate di Kutuzov arrivarono alla frontiera di Stato dopo aver completamente liberato il paese. I quadri mostrano le operazioni d'attacco dell'esercito russo ed episodi della ritirata del nemico dalla Russia. Grande spazio è dedicato alla guerra partigiana, sono esposti ritratti di alcuni partigiani.
MUSEO-PANORAMA «BATTAGLIA DI BORODINO»
Indirizzo: Kutuzovskij prospekt, 38.
Stazione più vicina del metrò: «Kutuzovskaja».
Orario: dalle 10.30 alle 20; d'estate dalle 9.30 alle 20. Chiuso il venerdì e l'ultimo giovedì del mese.  

  




____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LA BATTAGLIA DI BORODINO» 
 
Il 14 settembre 1812, l'esercito di Napoleone entrò nella Mosca deserta. La città fu abbandonata per ordine del comandante in capo Mikhail Kutuzov, al fine di evitare un'altra sanguinosa battaglia dopo Borodino. Anche i soldati e quasi tutti i residenti hanno lasciato Mosca. Fiducioso nella resa del nemico, l'imperatore francese entrò al Cremlino. Invece di un trionfo, ha assistito al saccheggio e a un enorme incendio che ha distrutto centinaia di edifici storici. Alle soglie dell'inverno, in condizioni di rovina, saccheggi e mancanza di cibo, Napoleone dovette lasciare la città. L'occupazione segnò una svolta nel corso della guerra: l'esercito francese dovette affrontare una ritirata con numerose perdite.
  




____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione  Pagina 1 di 1
 

Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti Registrati: Nessuno


 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi scaricare gli allegati in questo forum
Puoi inserire eventi calendario in questo forum