Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione Pagina 1 di 1
 
«L’ANELLO MAGICO» («The magic ring»)
Autore Messaggio
Condividi Rispondi Citando
Messaggio «L’ANELLO MAGICO» («The magic ring») 
 
«L’ANELLO MAGICO»
«ВОЛШЕБНОЕ КОЛЬЦО»
«THE MAGIC RING»

«L’Anello magico» («Волшебное кольцо»), il film d’animazione sovietico realizzato dal regista Leonid Nosyrev (Леонид Носырев) nel 1979. Durata 19 minuti. Più tardi questo film è entrato nella miscellanea d’animazione «Il Riso e il Dolore presso il Mar Bianco» («Смех и горе у Бела моря» «The Laughter and the Grief near the White Sea») insieme agli altri film d’animazione di Leonid Nosyrev. Tutti i film della miscellanea d’animazione sono realizzati sulle leggende e fiabe del Nord della Russia delle coste del Mar Bianco. È la Russia settentrionale dell'Aurora boreale. Si chiama in russo «Pomòrje» («Поморье») e i russi che ci vivono si chiamano «pomòri» («поморы») cioè gli aborigeni delle coste del Mar Bianco.
https://www.youtube.com/watch?v=-LqD-W9kzYw
Il cartone animato «L’Anello magico» («Волшебное кольцо») è realizzato sull’omonima fiaba popolare iscritta nel 1920 e pubblicata dopo 11 anni nella raccolta del folclore del Nord russo «Cinque fiumi» («Пятиречие») in riassunto dello scrittore Boris Scerghin (Борис Шергин) sotto il titolo «Van’ka dal cuor buono» («Ванька Добрый»). Questa fiaba è entrata nella raccolta di narrativa di Boris Scerghin «Le Novelle di Arkhanghelsk» («Архангельские новеллы») pubblicata nel 1936.  
Boris Scerghìn (o Boris Shergin) Борис Шергин, nacque nel 1896 al nord della Russia nella città di Arkhànghelsk (Архангельск) in una famiglia di marinai e di ingegneri navali da più generazioni. Negli anni 1913-1917 studiò alla Scuola d’Arte «Stroganov» a Mosca e poi per cinque anni diresse lo studio scenografico delle arti illiberali ad Arkhanghelsk. Nel 1915 cominciò a pubblicare i suoi appunti dei racconti, delle canzoni e fiabe popolari. La prima raccolta della poesia popolare in parafrasi di Scerghin uscì nel 1924 con il titolo «Presso la città di Arkhanghelsk, presso il porto navale» («У Архангельского города, у корабельного пристанища»). Nel 1930 pubblicò una sua raccolta di racconti «Il Gestaccio Moscovita» («Шиш Московский»). Tutti i racconti, saggi e fiabe di Boris Scerghin derivano dal Nord della Russia delle coste del Mar Bianco. È la Russia settentrionale dell'Aurora boreale. Si chiama in russo «Pomòrje» («Поморье») e i russi che ci vivono si chiamano «pomòri» («поморы») cioè gli aborigeni delle coste del Mar Bianco. La prosa di Boris Scerghin è piena di spettacolarità contenente tutta la ricchezza della lingua del Nord russo. Boris Scerghin scriveva la prosa di vari generi come saggi storici, novelle, leggende, fiabe e favole «birichine». La sua raccolta più popolare è «L’Allegria Cordiale» («Веселье Сердечное»). Boris Scerghin è morto a Mosca in 1973.

Ivan, un semplice ragazzo, un contadino, che non ha un soldo, vive con la sua madre anziana. Una volta Ivan è andato al mercato a vendere il suo ultimo cappello, la sua ultima camicia e la sua ultima giacca con le tasche, ma non è riuscito a venderli, ma riuscito a cambiare tutte i suoi vestiti alla gatta Màshka (Машка), al cane Zhùzhа (Жужа) e alla biscia Scarapèa (Скарапея). Ha cambiato agli animali perché ha avuto compassione di loro. Più tardi Ivan è venuto a sapere che la biscia non è semplice, ma è incantata, è la figlia dello zar di serpente. Ivan l’ha liberata e per questo gli ha regatato un anello magico con cui tutti i suoi desideri possono essere realizzati. Prima Ivan ha desiderato di avere dello zucchero, della farina, del burro e dei pesci, poi ha desiderato dei nuovi vestiti per sé e per sua madre e poi ha deciso di non essere tra il pignolo e il tirchio e ha mandato sua madre dallo zar di dargli in sposa sua figlia Uljanka. Ma perfida Uljanka nel giorno delle nozze ha usato l'astuzia e si è impadronita dell’anello magico ed è fuggita a Parigi dal suo spasimante. Ivan è stato gettato in prigione. Allora il cane Zhuzha e la gatta Mashka hanno deciso di recarsi a piedi alla città di Parigi dove si procurano l’anello e lo restituiscono al padrone Ivan. Ivan invia indietro allo zar la sua perfida figlia Uljanka e sposa una bella e buona ragazza.


  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione  Pagina 1 di 1
 

Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti Registrati: Nessuno


 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi scaricare gli allegati in questo forum
Puoi inserire eventi calendario in questo forum