Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione Pagina 2 di 2
Vai a Precedente  1, 2
«LE MIE REMINISCENZE DI DOSTOJEVSKIJ»
Autore Messaggio
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LE MIE REMINISCENZE DI DOSTOJEVSKIJ» 
 
Grazie mille! Very Happy
  



Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LE MIE REMINISCENZE DI DOSTOJEVSKIJ» 
 
Veramente il tema della colpa non è uno dei motivi che caratterizzano le opere né di Pushkin né di Gogol'.
Non mi viene in mente nessuna delle loro opere, almeno tra quelle che ho lette, in cui tale tema costituisca il motivo dominante o uno dei motivi principali.
Di Gogol' si deve però ricordare la profonda crisi religiosa che lo portò a bruciare il manoscritto dela seconda parte de "Le anime morte" e a rinnegare tutte le sue opere precedenti, considerate come una colpa.
Fu in quel periodo che scrisse e pubblicò i "Brani scelti della mia corrispondenza con gli amici", una raccolta di massime, pensieri e considerazioni moraleggianti, che provocò la reazione furiosa dei critici letterari, ed in particolare di Belinksij, fino ad allora il più convinto sostenitore di Gogol', che in una nota lettera prese le distanze da Gogol' denunciandone l'involuzione e le nuove concezioni filo ortodosse.
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato HomePage
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LE MIE REMINISCENZE DI DOSTOJEVSKIJ» 
 
Avevo pensato anch'io a questo episodio da te citato, solo che non so quanto possa essere considerato come riscontro testuale vero e proprio....solo che, come hai ben detto, in Puskin e Gogol' la colpa non è un tema affrontato, quindi la cosa si fa complicata..... Sad
  



Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LE MIE REMINISCENZE DI DOSTOJEVSKIJ» 
 
Caro Zarevich, Дорогой Царевич!

Ti ringrazio moltissimo per il post, perché mi ha fatto riflettere sul perché io ami tanto Dostoevskij. A volte, infatti, personalmente  corro il rischio di lodare tanto un autore solamente per frasi fatte, per vaghi ricordi, per il piacere di conoscere meglio di altri un autore di così grande fama. Mentre dovrei tornare più spesso al testo stesso, alla parola viva di questo grande, senza sdilinquirmi troppo in commenti generici. E il tuo post mi ha spinto proprio a fare questo. Sono andato a cercare un passo che mi ha colpito particolarmente, e trovatolo desidero condividerlo con voi!

Siamo nei Fratelli Karamazov, all'inizio del dialogo fra i fratelli Ivan e Alёša nella trattoria. Parla Ivan, con parole meravigliose, che sono una professione di amore incondizionato verso la vita.

(Ivan)
"<<Stavo seduto qui e mi dicevo che se non avessi più creduto nella vita, se avessi smesso di avere fede nella donna che amo e nell'ordine delle cose, e, anzi, se mi fossi convinto che tutto non è che un caos frenetico, maledetto, e forse diabolico, e se fossi poi colpito dalle più tremende disillusioni umane, allora vorrei vivere ugualmente, poiché, una volta che mi fossi accostato a questa coppa, non me ne staccherei più finche non l'avessi vuotata!
[...] so che la mia giovinezza trionferà di tutto, di ogni delusione, di ogni disgusto della vita. Molte volte mi sono chiesto se vi è al mondo una disperazione capace di soffocare questa irrefrenabile, e forse indecente, sete di vivere e sono giunto alla conclusione che, a quanto sembra non esiste
[...] Questa sete di vita certi moralisti tisici e inaciditi la definiscono spesso triviale, soprattutto i poeti. [...] Ma perché dovrebbe essere triviale? La forza centripeta sul nostro pianeta è ancora moltissima, Alёša. Si ha voglia di vivere, e io vivo, anche a dispetto della logica.
Posso magari non credere nell'ordine delle cose, ma le foglioline vischiose che spuntano a primavera mi sono care, mi è caro il cielo azzurro e mi sono care certe persone, che a volte - lo crederesti? - non si sa neppure perché si amino, e mi sono care certe conquiste umane, nelle quali, forse, ho smesso di credere da un pezzo, ma che si continuano a venerare col cuore, come vecchi ricordi.
[...] Le vischiose foglioline di primavera, il cielo azzurro: ecco ciò che amo! Qui non c'entrano né l'ingegno né la logica, qui si ama con le viscere, con i primi impulsi giovanili...
Comprendi qualcosa, Alёška, di tutto questo guazzabuglio, o no?>>

(Alёša)
<<Capisco anche troppo: si ha voglia di amare con le viscere e con il ventre e tu l'hai detto benissimo. Sono terribilmente lieto che tu abbia tanta voglia di vivere [...] Credo che tutti dovrebbero amare la vita prima di ogni altra cosa al mondo>>

(Ivan)
<<Amare la vita più del senso della vita?>>

(Alёša)
<<Proprio così: amarla prima della logica, come dici tu, assolutamente prima di ogni logica, e solo allora se ne afferrerà il senso.>>


"Amare la vita più del senso della vita", sono parole bellissime, piene di speranza, che infondono una forza e fiducia immense, tanto più che a pronunciarle è proprio Ivan, lo scettico, colui che nega il Mondo e che eppure non può soffocare il grande amore che prova per esso. E' un discorso da Karamazov, da gente che ama "con le viscere, con i primi impulsi giovanili", che vuole restare fedele alla propria natura di uomo.
Da diciannovenne quale sono non posso che sentire vibrare dentro di me le parole di Ivan Karamazov.
Leggendo il suo discorso mi sono sentito per un attimo in quella stessa trattoria "La capitale", in mezzo alle grida di richiamo, agli schiocchi delle bottiglie di birra stappate, al cozzo delle palle da biliardo, seduto al suo stesso tavolo, ad ascoltare avidamente le sue parole come un ragazzino russo, a sperare nella vita, a sperare di potere bere questa coppa e non staccarmene più finché non l'abbia svuotata.   WOW
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LE MIE REMINISCENZE DI DOSTOJEVSKIJ» 
 
— Жизнь полюбить больше, чем смысл её?


Ultima modifica di Zarevich il 12 Gen 2018 15:56, modificato 1 volta in totale 




Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LE MIE REMINISCENZE DI DOSTOJEVSKIJ» 
 
"Besy" era il romanzo peferito del Velikijn Kniaz' scelto da Zarevich come avatar. Ha ragione Zarevich nella sua esegesi del termine russo: i besy sono gli angeli caduti, divenuti meschini, privi di qualsiasi grandeur. Il personaggio di Stavrogin è un banalissimo bes, e la sua morte è la miglior conferma... rileggo il romanzo per stupirmi di nuovo al vero grandeur, di Marja Timofeevna Lebiadkina
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LE MIE REMINISCENZE DI DOSTOJEVSKIJ» 
 
«LE MIE REMINISCENZE DI DOSTOJEVSKIJ»
Dall’anno 2008 sono passati parecchi anni… Allora ho scritto questo mio post «Le mie reminiscenze di Dostojevskij» ed oggi l’ho riletto e mi sono reso conto di condividere la mia propria opinione. Persino degli anni non hanno cambiato il mio sguardo su quest’argomento. Grazie a tutti quelli che hanno preso parte alla discussione su quest’argomento. Peccato che adesso quasi tutti siano lontani… Ma credo che qui verranno presto o tardi quelli che potranno esprimersi e potranno formulare una propria idea su Fiodor Dostojevskij. Ci credo molto.
Zarevich



Ultima modifica di Zarevich il 12 Gen 2018 15:56, modificato 1 volta in totale 




Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LE MIE REMINISCENZE DI DOSTOJEVSKIJ» 
 
«I Demoni» «Бесы» (1872), certamente che è un romanzo-ammonimento e un romanzo-profezia in cui Fiodor Dostojevskij indica le catastrofi sociali nel futuro. La storia confermò più volte la ragione dello scrittore russo. All’anima dell’uomo minaccia la putrefazione e la morte. L’anima dovrà guarire! Qualunque teoria del riordinamento e della ristrutturazione del mondo potrà condurre alla cecità spirituale e alla pazzia, se l’uomo perderà la capacità del differenziamento del bene e del male.  

Nel romanzo «I Demoni» («Бесы») in cui Fiodor Dostojevskij documentalmente in modo preciso descrisse la natura e i meccanismi della rivoluzione russa e in cui del tutto si rivelò il dono profetico dello scrittore. Qui vorrei fermarmi sul titolo di questo romanzo e sulla sua traduzione nelle lingue straniere. Il fatto è che la parola russa «БЕС» = «БЕСЫ» («bes» in plurale «bèsy») non è affatto il demone. C’è la parola «ДЕМОНЫ» («I Demoni»), la quale corrisponde alla parola italiana «I Demoni». Ricordiamoci almeno il famoso poema in versi di Mikhail Lermontov «ДЕМОН» («IL DEMONE») dove il protagonista è l’angelo caduto, il demone, maestoso e grandioso e nello stesso tempo spaventoso. Ma la parola «БЕСЫ» con cui Dostojevskij chiamò il suo romanzo non è la stessa cosa che «I Demoni». «Bes» o in plurale «bèsy» sono i «minuti spiriti maligni» e così in Russia chiamavano delle personalità insignificanti, della nullità, degli uomini infami, perfidi e abominevoli. E così Dostojevskij chiamò quegli uomini «bèsy» i quali portarono la Russia alla catastrofe dell’anno 1917. Per quegli uomini il titolo «I Demoni» è troppo alto, non sono i «demoni», sono i «besy». Sono quei besy che generarono e allevarono successivamente nel XX secolo tali i mostri e i tiranni come Lenin, Hitler, Stalin, Mussolini… Di questo pericolo lui lanciava l'allarme e profetizzava nel suo romanzo «БЕСЫ» Fiodor Dostojevskij.  Per questa traduzione sbagliata avvengono all’estero dei malintesi e delle incomprensioni di questo romanzo.
Zarevich

  

Nikolaj Stavroghin.jpg
Descrizione: Nikolaj Stavròghin 
Dimensione: 11.78 KB
Visualizzato: 381 volta(e)

Nikolaj Stavroghin.jpg






Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione  Pagina 2 di 2
Vai a Precedente  1, 2

Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti Registrati: Nessuno


 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare gli allegati in questo forum
Puoi inserire eventi calendario in questo forum