Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione Pagina 1 di 1
 
«LEV BAKST: IL PITTORE E SCENOGRAFO RUSSO»
Autore Messaggio
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LEV BAKST: IL PITTORE E SCENOGRAFO RUSSO» 
 
«LEV BAKST: IL PITTORE E SCENOGRAFO RUSSO»
«ЛЕВ БАКСТ: РУССКИЙ ХУДОЖНИК И СЦЕНОГРАФ»

LEV BAKST (1866-1924) ЛЕВ БАКСТ

Il Museo dell’Arte teatrale e musicale di San Pietroburgo presenta la nuova Mostra «Tutto Bakst» («Весь Бакст»). Più di 50 disegni del pittore insieme ai costumi teatrali, agli schizzi, alle fotografie rare, alle cartoline e alla porcellana. Tutto sarà presentato all’esposizione «Tutto Bakst» («Весь Бакст») dal 29 aprile al 20 agosto 2017. Il Museo dell’Arte teatrale e musicale di San Pietroburgo possiede decine degli schizzi teatrali di Lev Bakst, dai primi schizzi per lo spettacolo Il Cuore della Marchesa («Сердце маркизы», 1902) all’ultimo spettacolo «La Principessa dormiente» («Спящая принцесса», 1921). Il Museo custodisce anche i costumi teatrali cuciti secondo gli schizzi di Lev Bakst ed anche i modelli delle scenografie per molti spettacoli. Alla Mostra si può guardare una leggendaria serie delle cartoline stampata in occasione del trionfo del balletto «La Fata delle bambole» («Фея кукол»).  
Lev Bakst (Лев Бакст, 1866-1924) è stato un pittore, scenografo e illustratore russo. Studiò all'Accademia delle Belle Arti di Pietroburgo e all'Académie Julian di Parigi dove approfondì la conoscenza dell'arte francese e si accostò al simbolismo. Nel 1898 fondò con l'impresario teatrale Serghej Djaghilev (Сергей Дяилев) il gruppo d'avanguardia «Il Mondo dell'Arte» («Мир Искусства»). Lev Bakst disegnò scene per tragedie greche e nel 1908 si guadagnò una fama come creatore delle scene e dei costumi per Serghej Djaghilev e i suoi «Balletti Russi» («Русские Балеты») riuscendo a coniugare la raffinatezza del simbolismo francese con la tradizione popolare russa. In questo contesto collaborò con alcuni dei maggiori compositori dell'epoca come Igor Stravinskij, Maurice Ravel, Reynaldo Hahn e Claude Debussy.

Saint-Petersburg State Museum of Theatre and Music
http://theatremuseum.ru/




Ultima modifica di Zarevich il 29 Gen 2022 10:57, modificato 1 volta in totale 

TUTTO BAKST.jpg
Descrizione: Museo dell’Arte teatrale e musicale di San Pietroburgo presenta la nuova Mostra «Tutto Bakst»
Dal 29 aprile al 20 agosto 2017 
Dimensione: 21.14 KB
Visualizzato: 1010 volta(e)

TUTTO BAKST.jpg

BAKST.jpg
Descrizione: Museo dell’Arte teatrale e musicale di San Pietroburgo presenta la nuova Mostra «Tutto Bakst»
Dal 29 aprile al 20 agosto 2017 
Dimensione: 53.83 KB
Visualizzato: 1010 volta(e)

BAKST.jpg







____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LEV BAKST: IL PITTORE E SCENOGRAFO RUSSO» 
 
«In ogni colore ci sono sfumature che a volte esprimono sincerità e castità, a volte sensualità, a volte orgoglio... Un artista che sa beneficiare di queste proprietà è come un direttore d'orchestra che estrae mille suoni». Lev Bakst, a cui appartengono queste parole, ha indubbiamente testato la formula su se stesso. Entrò nel mondo del balletto nel 1903, quando i fratelli Legat, coreografi della Compagnia Imperiale di San Pietroburgo, lo invitarono come decoratore nella produzione del balletto «La Fate delle bambole» («Фея кукол»). Ma ha guadagnato fama generale grazie alle "stagioni russe" con i loro costumi Art Nouveau. Già nel primo dei progetti parigini, nel 1909-10, l'accento è posto su uno squisito esotismo con una nota di accentuata sensualità. L'impresa di Diaghilev ha tenuto conto delle esigenze del pubblico occidentale, abituato ai motivi orientali. Creando, ad esempio, i costumi di Cleopatra e Zobeida per la ballerina Ida Rubinstein, Lev Bakst ricorre volentieri alla sua teoria del simbolismo e del potere emotivo del colore. «Questo è esattamente quello che ho fatto a Sceherazade», ha scritto. «– Sul verde malinconico sovrappongo un blu scuro carico di disperazione, anche se questo può sembrare paradossale. C'è un colore rosso del trionfo e un colore dell'omicidio». Non sorprende che questa teoria abbia funzionato. Nel maggio del 1911, il raffinato Marcel Proust scrisse al compositore Reinaldo Ahn: «Di' mille volte a Bakst che lo ammiro, non sapendo niente di più bello di Sceherazade».
E c'era L'uccello di fuoco di Tamara Karsavina (una fiaba russa combinata con motivi indiani), «Il pomeriggio di Fauno» e «Dafni e Chloe» di Ravel con accenti di bella antichità. «L'artista può aspettarsi dallo spettatore che sentirà esattamente gli impulsi che intende evocare», ricorda Bakst a tutti senza parole. Nel 1964, durante la decorazione del soffitto della Grand Opera House, Marc Chagall vi collocò l'uccello di fuoco. Si ritiene che questo sia un omaggio a Igor Stravinskij. Ma vale la pena ricordare che Chagall ha studiato per qualche tempo pittura con Lev Bakst. Quindi in questo memoriale, di sicuro, c'è anche un ricordo del decoratore.

  




____________
Zarevich
Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione  Pagina 1 di 1
 

Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti Registrati: Nessuno


 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Puoi allegare i files in questo forum
Puoi scaricare gli allegati in questo forum
Puoi inserire eventi calendario in questo forum