Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione Pagina 1 di 1
 
«LO STALKING DIVENTA REATO»
Autore Messaggio
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LO STALKING DIVENTA REATO» 
 
Recentemente il Parlamento italiano ha approvato quasi all'umanimità un decreto legge del governo che inserisce lo stalking come reato penale tra i delitti contro la libertà morale, con una pena che va dai sei mesi ai quattro anni di reclusione.
Per coloro che ignorano cosa si intende per stalking e chi è uno stalker, che tra l'altro è il titolo di un bellissimo film di Andrej Tarkovskij, ho pensato utile riportare qui un estratto di un articolo tratto dal sito citet.it che ben descrive questo fenomeno.
Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate.

Che cos’e’ lo stalking (o molestie assillanti)      

"Il termine “stalking” è un termine che nel gergo venatorio individua propriamente gli appostamenti e gli inseguimenti di soppiatto della preda. Più recentemente questa parola ha iniziato a denotare pattern comportamentali complessi, caratterizzati dalla persistente ricerca di contatto, controllo, sorveglianza relazionale e dall’invio di comunicazioni non gradite dirette da un soggetto (lo stalker, il molestatore) ad un destinatario (la vittima) in cui tali attenzioni suscitano preoccupazione e timore.

Quindi lo stalking per essere tale deve presentare i seguenti elementi costitutivi:

    * un attore (lo stalker) che individui una persona nei cui confronti sviluppare un intensa polarizzazione ideo-affettiva;
    * una serie ripetuta di comportamenti con caratteristica intrusiva di sorveglianza, contatto e/o di comunicazione;
    * la vittima dello stalking (detta stalking victim) che percepisca soggettivamente come intrusivi, intensi e sgraditi tali comportamenti, avvertendoli in associazione con senso di angoscia, paura e minaccia.

Telefonate, lettere anonime, pedinamenti ossessivi, intrusioni continue nella vita privata e lavorativa, sistematica violazione delle basilari libertà individuali. Tutto questo ed altro ancora appartiene al campionario comportamentale dei “persecutori”. Certe volte queste persone possono essere accecate dal desiderio di avvicinare uno sconosciuto e di accedere al suo mondo. Certe altre la loro ossessione può essere quella di recuperare il partner perduto, oppure di cominciare un nuovo rapporto d’amore o d’amicizia. In principio la “vittima” può avvertire soltanto un lieve fastidio. Talvolta può addirittura sentirsi lusingata dal torrente di attenzioni che le vengono rivolte. Ma, col passare del tempo, il fastidio o il compiacimento iniziali si trasformano in preoccupazione, forte senso di costrizione, paura."


  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato HomePage
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LO STALKING DIVENTA REATO» 
 
Secondo il mio parere questa nuova legge è inutile e un pò pericolosa.
Forse è stata fatta sull'onda emotiva di qualche fatto di cronaca, ma mi sembra che il nostro ordinamento giudiziario già prevedesse sanzioni nei confronti dei molestatori. In pratica adesso si passa al penale.
In Italia, si sà, i tempi della macchina processuale sono lunghissimi... prima che si possa svolgere un dibattimento di fronte al giudice passano anni e anni, e in un caso di "presunto stalker" (prima di aver fatto il processo e di aver ricevuto una condanna definitiva nessuno può esser considerato colpevole di alcunchè) che si fa? Dato che libero può forse recar danno alla "presunta" vittima allora si mette in galera il "presunto stalker" in attesa del processo? E se colui o colei che ha denunciato lo ha fatto per eccesso di zelo, o per eccessiva preoccupazione?
Mi immagino possibili assurdi scenari: un innamorato che manda troppi sguardi pieni di cupidigia alla bella di turno, la bella non gradisce ed è stressata così denuncia il focoso molestatore... che si fa alcuni anni di prigione in attesa che un giudice lo condanni per eccessivo e non gradito corteggiamento...
Qual'è il confine tra comportamenti leciti e non leciti è impossibile stabilirlo, anche se l'articolo proposto da Myshkin lo dice: si tratta di una serie ripetuta di comportamenti ritenuti dalla vittima motivo di preoccupazione.
Ma mi chiedo se nella grande complessità delle sfumature dei comportamenti umani si possa veramente stabilire una linea rossa ove andar oltre significhi commettere un reato penale.
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LO STALKING DIVENTA REATO» 
 
Forse hai ragione, Oneg, non è semplice stabilire la linea di demarcazione tra un comportamento scorretto ed uno criminoso in molti casi.
Anch'io sono alquanto perplesso, e aggiungo che secondo me, gli "stalker" sono delle persone che andrebbero aiutate e curate, perché sono loro stesse delle vittime di gravi problemi e turbe della personalità. E non è il carcere la cura più giusta in questi casi.
Del resto bisogna in qualche modo salvaguardare il diritto di ognuno alla propria vita senza essere perseguitati e ossessionati da chicchessia.
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato HomePage
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «LO STALKING DIVENTA REATO» 
 
«LO STALKING DIVENTA REATO»
E che cosa adesso, dopo nove anni?
  



Online Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione  Pagina 1 di 1
 

Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti Registrati: Nessuno


 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare gli allegati in questo forum
Puoi inserire eventi calendario in questo forum