Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione Pagina 1 di 1
 
«I CAVALLI SCHIZZINOSI»
Autore Messaggio
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «I CAVALLI SCHIZZINOSI» 
 
Una forte canzone di Vladimir Vysotskij «I CAVALLI SCHIZZINOSI» «КОНИ ПРИВЕРЕДЛИВЫЕ» scritta nel 1972 ed eseguita dall’autore stesso. Nel primo video Vladimir Vysotskij la canta nel 1979 all’Università di Mosca e l’altro video è una registrazione in studio con l’orchestra. Vorrei anche presentare ancora una registrazione di questa famosa canzone in esecuzione di Garik Sukacjòv (Гарик Сукачёв). Ho tradotto il testo della canzone in italiano, anche se non è facile trasmettere in un’altra lingua tutta l'espressione del testo di Vysotskij. Ho trovato anche due traduzioni in inglese. Ascoltate questa canzone seguendo il testo in russo, in italiano o in inglese.

Vladimir Vysòtskij Владимир Высоцкий
«I CAVALLI SCHIZZINOSI» «КОНИ ПРИВЕРЕДЛИВЫЕ»
La registrazione in studio con l’orchestra (Mosca)

Link


Vladimir Vysòtskij Владимир Высоцкий
«I CAVALLI SCHIZZINOSI» «КОНИ ПРИВЕРЕДЛИВЫЕ»
Canta Gàrik Sukacjòv (Гарик Сукачёв)

Link



«I CAVALLI SCHIZZINOSI» «КОНИ ПРИВЕРЕДЛИВЫЕ»

Вдоль обрыва, по-над пропастью, по самому краю
Dalla rupe, lungo il precipizio, dal lembo del suolo
Я коней своих нагайкою стегаю, - погоняю, -
Sto sferzando con la frusta i miei cavalli, - li incito, -
Что-то воздуху мне мало, ветер пью, туман глотаю,
Mi manca l’aria, il vento bevo, la nebbia inghiotto,
Чую, с гибельным восторгом - пропадаю, пропадаю!
Sento con estasi disastrosa – mi sto perdendo, mi sto perdendo!

Чуть помедленнее, кони, чуть помедленнее!
Un po’ adagio, cavalli, un po’ adagio!
Вы тугую не слушайте плеть!
Non ascoltate la frusta tesa!
Но что-то кони мне попались привередливые,
Ma chissà perché mi sono capitati i cavalli schizzinosi,
И дожить не успел, мне допеть не успеть!
Non ho fatto in tempo a vivere e non farò in tempo a cantare fino alla fine!

Я коней напою,
Darò da bere ai cavalli,
Я куплет допою,-
Canterò fino alla fine lo stornello, -
Хоть немного еще постою на краю!...
Almeno ancora starò per un po' sul lembo! …

Сгину я, меня пушинкой ураган сметёт с ладони,
Sparirò, l’uragano mi spazzerà via come un fiocco dal palmo della mano,
И в санях меня галопом повлекут по снегу утром.
E nella slitta al galoppo mi trascinano sulla neve di mattino.
Вы на шаг неторопливый перейдите, мои кони!
A passo non affrettato voi passate, miei cavalli!
Хоть немного, но продлите путь к последнему приюту!
Almeno per un po’, ma prolungate la via all’ultimo rifugio!

Чуть помедленнее, кони, чуть помедленнее!
Un po’ adagio, cavalli, un po’ adagio!
Не указчики вам кнут и плеть.
Non ha da insegnarvi niente né frusta né sferza.
Но что-то кони мне попались привередливые,
Ma chissà perché mi sono capitati i cavalli schizzinosi,
И дожить не успел, мне допеть не успеть!
Non ho fatto in tempo a vivere e non farò in tempo a cantare fino alla fine!

Я коней напою,
Darò da bere ai cavalli,
Я куплет допою,-
Canterò fino alla fine lo stornello, -
Хоть немного еще постою на краю!...
Almeno ancora starò per un po' sul lembo! …

Мы успели - в гости к богу не бывает опозданий.
Siamo arrivati in tempo, nella visita del dio non c’era ritardo.
Так что ж там ангелы поют такими злыми голосами?
Ma perché gli angeli cantano con voci così malevoli?
Или это колокольчик весь зашелся от рыданий,
Oppure è il campanello che ha prorotto in singhiozzi,
Или я кричу коням, чтоб не несли так быстро сани?
Oppure grido ai cavalli per non farli trasportare così in fretta la slitta?

Чуть помедленнее кони, чуть помедленнее!
Un po’ adagio, cavalli, un po’ adagio!
Умоляю вас вскачь не лететь!
Vi supplico di non volare a galoppo!
Но что-то кони мне достались привередливые,
Ma chissà perché mi sono capitati i cavalli schizzinosi,
Коль дожить не успел, так хотя бы допеть!
Se non ho fatto in tempo a vivere e non farò a tempo di cantare fino alla fine!
Я коней напою,
Darò da bere ai cavalli,
Я куплет допою,-
Canterò fino alla fine lo stornello, -
Хоть немного еще постою на краю!...
Almeno ancora starò per un po' sul lembo! …

MOSCA 1972 [/color]



Ultima modifica di Zarevich il 15 Gen 2018 11:15, modificato 2 volte in totale 




Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «I CAVALLI SCHIZZINOSI» 
 
«THE FASTIDIOUS HORSES» «КОНИ ПРИВЕРЕДЛИВЫЕ»

By the cliff, along the precipice, right over deadly ground,
With the rod, I strike my horses, strike them more to urge them forward.
There is no air to breath - I gulp the haze - I drink the rough wind.
With a fatal rapture, sensing: I am ruined, I am ruined!

Slow down a bit my horses, slow down, please!
Don't you listen to that stinging thong!
But what the horses I run into, so fastidious!
Neither lived I so long, nor I'll finish the song...
I'll let horses to drink, I'll complete this refrain,
Just a little bit more I will stay on the brink...

I'll be gone - swept off a palm - like a fluff, by a heavy twister.
In a sledge - I will be dragged - galloping in a snowy morning.
Can't you switch from gallop race - to unhurried pace, my horses.
Do prolong - at least somewhat - to the last refuge - my final journey.

Slow down a bit my horses, slow down, please!
Don't take orders from my whip and thong!
But what the horses I run into, so fastidious!
Neither lived I so long, nor I'll finish the song...
I'll let horses to drink, I'll complete this refrain,
Just a little bit more I will stay on the brink...

We're on time - to visit God - there is no such thing as lateness.
So why the angels, over there sing with those malicious voices?
Or perhaps it's just a bell - which is choked with sob and wail as -
I beg to slow down the sledge - I shout at my crazy horses.

Slow down a bit my horses, slow down, please!
I am begging you, don't rush along!
But what the horses I run into, so fastidious!
Since I haven’t lived long, let me finish the song...
I'll let horses to drink, I'll complete this refrain,
Just a little bit more I will stay on the brink...


«THE FASTIDIOUS HORSES» «КОНИ ПРИВЕРЕДЛИВЫЕ»


By the edge, near the cliff, at the very, very limit
I am beating at my horses with my arm, a whiplash in it.
I'm not getting enough air - drinking wind, the fog imbibing,
And I scent with deadly rapture: I am dying, I am dying!

Just a little slower, horses, little slower now!
Do not listen to the sharp whip, it is wrong!
But the horses that I got are capricious ones
I can't live to the end, I can't finish my song.

I will let horses drink - the couplet I will sing
For a little bit more I will stand on the brink...

I will vanish - like a piece of dust by wind I will blown,
In the morning they will drag me in the sleigh through the snow,
O my horses, walk some slower, show a bit of moderation
Just a little bit, prolong my way to final destination!

Just a little slower, horses, little slower now!
Do not listen to the sharp whip, it is wrong!
But the horses that I got are capricious ones
I can't live to the end, I can't finish my song.

I will let horses drink - the couplet I will sing
For a little bit more I will stand on the brink...

We are here: nobody comes late here to greet the Lord of Heaven -
Then, why do the angels sing with voices so angry and heavy?
Or the bell does shake from weeping, weeping gently, weeping deeply,
Or I'm shouting to the horses that they do not run so quickly?

Just a little slower, horses, little slower now!
I pray to you don't hurry along!
But the horses that I got are capricious ones
I can't live to the end, I can't finish my song.

I will let horses drink - the couplet I will sing
For a little bit more I will stand on the brink...



Ultima modifica di Zarevich il 15 Gen 2018 11:16, modificato 1 volta in totale 




Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «I CAVALLI SCHIZZINOSI» 
 
Grigorij Leps canta la geniale canzone di Vladimir Vysotskij «I CAVALLI SCHIZZINOSI»


Link



Ultima modifica di Zarevich il 15 Gen 2018 11:17, modificato 1 volta in totale 




Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «I CAVALLI SCHIZZINOSI» 
 
Pochi giorni fa ho sentito questa canzone nell'interpretazione della cantante polacca Maryla Rodovicz (Марыля Родович) che mi ha semplicemente affascinata. Ve la propongo per ascolto:


Link

  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «I CAVALLI SCHIZZINOSI» 
 
Io propongo invece l'illustrazione ispirata alla canzone dell'artista pietrourghese, e amico di Vysockij, Michail Šemjakin. Molto cupa... Non mi ricordo se Arca Russa ne avesse parlato, ma a novembre al Museo Puškin di Mosca c'è stata la mostra delle illustrazioni di Šemjakin dedicate alle canzoni di Vysockij, lascio un link per chi non ne avesse sentito parlare, con alcune immagini e varie recensioni e servizi: mostra šemjakin-vysockij
Ah, personalmente preferisco la traduzione "Cavalli bizzosi".
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «I CAVALLI SCHIZZINOSI» 
 
Begemot ha scritto: [Visualizza Messaggio]

Ah, personalmente preferisco la traduzione "Cavalli bizzosi".

Anche io ritengo che l'aggettivo bizzoso sia più adatto di schizzinoso, per un cavallo.
Schizzinoso si usa quasi esclusivamente per le persone, ad indicare un carattere, un atteggiamento esigente, incontentabile, di gusti difficili. Bizzoso invece è un aggettivo molto tipico per un cavallo, e indica un carattere focoso, tutt'altro che mansueto, quanto piuttosto capriccioso, facile ad irritarsi o, per l'appunto, ad inbizzarrirsi, come si suol dire  Smile
  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato HomePage
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «I CAVALLI SCHIZZINOSI» 
 
Nel 1980 è morto Vladimir Vysòtskij (Владимир Высоцкий, 1938-1980), il noto attore teatrale, poeta e cantautore che in URSS aveva una popolarità senza precedenti e ancora oggi è amatissimo in tutta la Russia. Milva canta per memoria di Vladimir Vysòtskij una sua forte canzone «I Cavalli schizzinosi» («Кони привередливые») scritta nel 1972 ed eseguita dall’autore stesso. Sergio Secondiano Sacchi le ha tatto la traduzione della canzone, ma con uno strano titolo «Cavalli bradi». I cavalli di Vysotskij non sono «bradi», i suoi cavalli sono «schizzinosi»! È molto importante ed in questo è tutto il senso della poesia di Vysotskij. La canzone «Cavalli bradi» è stata registrate al festival dedicato alla canzone d'autore a San Remo, al teatro «Ariston», in autunno del 1993. La canzone è entrata nell’album collettivo «Il volo di Volòdja» («Володин полёт») che si compone di quindici canzoni di Vysotskij, tradotte dal russo e cantate da vari cantanti. Milva, (Мильва, 1939), è una cantante e attrice teatrale italiana. È una delle più importanti personalità italiane del panorama musicale.

Canta Milva: «Cavalli bradi» «Кони привередливые» di Vladimir Vysotskij
https://www.youtube.com/watch?v=3iObOQulfJ0

«Cavalli bradi»

Sul burrone proprio al baratro
al limite del buio
I cavalli sto frustando sempre più
e il cuoio sembra acciaio
E non so perché manca l’aria.
Con ansietà io nebbia ingoio
E una voce dentro me mi dice
che scompaio, io scompaio.

Non correte amici miei
Nel portarmi via con voi
Non correte se frusterò, mai!
Cavalli bradi ho avuto in sorte
Non potrò fermarli mai
Non potrò finire più
questo ultimo refrain.

Io vi abbevererò
per restare un po’ qui
A cantare ancora qui
solo un po’, solo un po’.

E sarà un uragano
a fermare la mia ora
Al galoppo su una slitta
Nella neve di una aurora
Sì ma voi cavalli miei
riducete l’andatura
E allungate la mia strada
per quell’ultima dimora.

Non correte amici miei
Nel portarmi via con voi
Non correte se frusterò, mai!
Cavalli bradi ho avuto in sorte
Non potrò fermarli mai
Non potrò finire più
questo ultimo refrain.

Io vi abbevererò
per restare un po’ qui
A cantare ancora qui
solo un po’, solo un po’.

Non si arriva mai in ritardo
Se c’è Dio che riceve
Ma perché gli angeli in coro
Hanno le voci così cattive.
Io non so se è il singhiozzo
che fa il suono così grave
O son io che non vorrei
e urla a voi di andare altrove.

Non correte amici miei
Nel portarmi via con voi
Non correte se frusterò, mai!
Cavalli bradi ho avuto in sorte
Non potrò fermarli mai
Non potrò finire più
questo ultimo refrain.

Io vi abbevererò
per restare un po’ qui
A cantare ancora qui
solo un po’, solo un po’.

  

Il volo di Volodja.jpg
Descrizione: L’album «Il volo di Volòdja» che si compone di quindici canzoni di Vysotskij, tradotte dal russo e cantate da vari cantanti. 
Dimensione: 37.3 KB
Visualizzato: 217 volta(e)

Il volo di Volodja.jpg






Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione  Pagina 1 di 1
 

Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti Registrati: Nessuno


 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare gli allegati in questo forum
Puoi inserire eventi calendario in questo forum