Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione Pagina 1 di 1
 
«MARJA MOREVNA»
Autore Messaggio
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «MARJA MOREVNA» 
 
«MARJA MOREVNA» «МАРЬЯ МОРЕВНА»
La fiaba magica russa Русская волшебная сказка

Attenzione! La nostra variante del testo della fiaba russa «Marja Morèvna» («Марья Моревна») è particolare e unica nel suo genere perché è presentata simultaneamente in due lingue, in italiano e in russo. Questa forma della combinazione dei testi sarà molto utile per quei Russi che studiano l’italiano ed anche per quegli Italiani che studiano il russo. Vorrei far ricordare che la combinazione di due testi, in russo e in italiano, appartenesse solo al nostro forum «ARCA RUSSA». (Сопоставление двух текстов, русского и итальянского, принадлежит только форуму «ARCA RUSSA»). Buona lettura!

C'era una volta, in un luogo lontano, non si sa dove, Ivan Zarèvich. Aveva tre sorelle: la prima, Maria zarevna, la seconda, Olga zarevna, la terza, Anna zarevna. (В некотором царстве, в некотором государстве жил-был Иван-Царевич. У него было три сестры: одна Марья-царевна, другая Ольга-царевна, третья Анна-царевна). Il padre e la madre in punto di morte dissero al figlio: (Отец и мать у них померли; умирая, они сыну наказывали:) – «Chi per primo chiederà in sposa le tue sorelle, dagliele, non le tenere a lungo con te!» (- «Кто первый за твоих сестер станет свататься, за того и отдавай - при себе не держи долго!»). Seppellì Ivan zarevich i genitori e dal dolore andò a passeggiare con le sorelle nel giardino verde. (Царевич похоронил родителей и с горя пошёл с сёстрами во зелёный сад погулять). All'improvviso una nuvola nera coprì il cielo, ed ebbe inizio un terribile temporale. (Вдруг находит на небо туча чёрная, встаёт гроза страшная). Disse Ivan: - «Andiamo a casa, sorelline!» (- «Пойдёмте, сестрицы, домой!» - говорит Иван-царевич). Appena arrivati al palazzo, echeggiò un tuono, si aprì il soffitto ed entrò volando nella stanza un falco, che rimbalzò sul pavimento e si trasformò in un bel giovane. Poi disse: (Только пришли во дворец - как грянул гром, раздвоился потолок и влетел к ним в горницу ясен сокол, ударился сокол об пол, сделался добрым молодцем и говорит). «Salve, Ivan zarevich! Ti chiedo in sposa tua sorella Maria zarevna». (- «Здравствуй, Иван-царевич! Хочу у тебя сестрицу Марью-царевну посватать»).
- «Se ami la mia sorellina, io non la trattengo, che vada!» (- «Коли люб ты сестрице, я её не унимаю - пусть с богом идёт!»). Maria zarevna era d'accordo e così il falco la sposò e la portò nel suo regno. (Марья-царевна согласилась; сокол женился и унёс её в своё царство). Passarono i giorni, corsero le ore, passò un anno intero. (Дни идут за днями, часы бегут за часами - целого года как не бывало). Ivan zarevich andò con le due sorelle rimaste a passeggiare nel giardino verde. (Пошёл Иван-царевич с двумя сёстрами во зелёный сад погулять). Di nuovo la nuvola, la bufera, un fulmine. (Опять встаёт туча с вихрем, с молнией). - «Andiamo a casa sorelline! Disse Ivan». («Пойдёмте, сестрицы, домой!» - говорит царевич). Appena arrivati al palazzo, ecco un tuono, si arroventò il tetto, si aprì il soffitto ed entrò volando un'aquila, che rimbalzando sul pavimento si trasformò in un bel giovane e chiese Olga zarevna in sposa. (Только пришли во дворец - как ударил гром, распалася крыша, раздвоился потолок и влетел орёл, ударился об пол и сделался добрым молодцем и попросил в жены Ольгу-царевну). Ivan rispose: - «Se ami Olga, che venga con te! Io la lascio libera». (Иван-царевич: «Если ты люб Ольге-царевне, то пусть за тебя идёт. Я с неё воли не снимаю»). Olga zarevna fu d'accordo e si sposò con l'aquila, che la prese e la portò nel suo regno. (Ольга-царевна согласилась и вышла за орла замуж; орёл подхватил её и унёс в своё царство). Passò ancora un anno. (Прошёл еще один год). Disse Ivan alla sorella più piccola: - «Andiamo a passeggiare nel giardino verde!» (Говорит Иван-царевич своей младшей сестрице: - «Пойдём, во зелёном саду погуляем!»). Passeggiarono un po' ed ecco la nuvola e la bufera. (Погуляли немножко: опять встаёт туча с вихрем, с молнией). – «Torniamo a casa sorellina!» (- «Вернёмся, сестрица, домой!»).  Tornarono a casa, non fecero in tempo a sedersi, che arrivò un tuono e si aprì il soffitto. Entrò un corvo, rimbalzò sul pavimento e si trasformò in un bel giovane. (Вернулись домой, не успели сесть - как ударил гром, раздвоился потолок и влетел ворон; ударился ворон об пол и сделался добрым молодцем). - Ivan zarevich, dammi in sposa Anna zarevna! (- «Ну, Иван-царевич, отдай за меня Анну-царевну»). - «La lascio libera. Se la ami, che venga con te!» (- «Я с сестрицы воли не снимаю, коли ты полюбился ей, пусть идёт за тебя»). Anna così andò col corvo che la portò nel suo regno. (Вышла за ворона Анна-царевна, и унёс он её в своё государство). Ivan zarevich rimase solo. (Остался Иван-царевич один). Visse un anno intero senza sorelle e cominciò a venirgli a noia. (Целый год жил без сестёр, и сделалось ему скучно). Disse: - «Andrò a cercare le sorelline» (- «Пойду, - говорит, - искать сестриц»). Si ritrovò in una strada e vide un esercito sconfitto. (Собрался в дорогу, шёл, шёл и видит - лежит в поле рать-сила побитая). Disse Ivan: « - Se c'è un uomo vivo, che risponda! Chi ha vinto questo grande esercito?». (Спрашивает Иван-царевич: «Коли есть тут жив человек - отзовися! Кто побил это войско великое?»). Un uomo rispose: - « È stata la bellissima principessa Marja Morèvna a vincere!» (Отозвался ему жив человек: «Всё это войско великое побила Марья Моревна, прекрасная королевна»). Ivan passò oltre, si avvicinò a delle tende bianche ed ecco venirgli incontro Marja Morèvna, principessa bellissima: (Пустился Иван-царевич дальше, наезжал на шатры белые, выходила к нему навстречу Марья Моревна, прекрасная королевна).
– «Salve Ivan zarevich! Dove vai, volente o nolente?» (- «Здравствуй, царевич, куда тебя бог несёт - по воле аль по неволе?»). Rispose Ivan: I giovani per bene vanno sempre di propria volontà. (Отвечал ей Иван-царевич: «Добрые молодцы по-неволе не ездят!»). - «Ebbene, disse Marja Morèvna - se non hai fretta, rimani ospite nelle mie tende». (- «Ну, коли дело не к спеху, погости у меня в шатрах». Ivan rimase due notti, si innamorò di Marja Morèvna, bellissima principessa, la sposò. (Иван-царевич тому и рад, две ночи в шатрах ночевал, полюбился Марье Моревне и женился на ней). Marja Morevna portò Ivan zarevich nel suo regno. (Марья Моревна взяла его с собой в своё государство). Dopo un po' di tempo la regina stava per partire per la guerra. (Вздумалось королевне на войну собираться). Lasciò a Ivan tutte le faccende di casa e gli ordinò: - Vai dovunque, sorveglia tutto, ma non guardare mai in questo ripostiglio. (Покидает она на Ивана-царевича всё хозяйство и приказывает: «Везде ходи, за всем присматривай; только в этот чулан не моги заглядывать!»). Ivan non resistette e non appena Marja partì, andò in quel ripostiglio a guardare. (Он не вытерпел, как только Марья Моревна уехала, тотчас бросился в чулан). Ci trovò Koscej L'Immortale incatenato a dodici catene. (А там висит Кощей Бессмертный, на двенадцати цепях прикован). Koscej L'Immortale supplicò Ivan zarevich: (Просит Кощей у Ивана-царевича). « - Abbi pietà di me, dammi da bere! Da dieci anni non mangio e non bevo, la mia gola si è seccata del tutto!» (- «Сжалься надо мной, дай мне напиться! Десять лет я здесь мучаюсь, не ел, не пил - совсем в горле пересохло!»). Ivan zarevich gli dette un secchio d'acqua, Koscej L'Immortale bevve e chiese ancora: («Царевич подал ему целое ведро воды; он выпил и ещё запросил»). « - Un secchio non basta a placare la mia sete, dammene ancora!» («Мне одним ведром не залить жажды; дай еще!»). Ivan zarevich gli dette un secondo secchio e poi un terzo. (Царевич подал другое ведро). Come Koscej bevve il terzo secchio, riprese tutta la sua forza di un tempo e riusci a liberarsi dalle catene. (Кощей выпил и запросил третье, а как выпил третье ведро - взял свою прежнюю силу, тряхнул цепями и сразу все двенадцать порвал). - «Grazie Ivan! - disse Koscej L'Immortale - ora non vedrai più Marja Morèvna, così come non vedi le tue orecchie!» (- «Спасибо, Иван-царевич! - сказал Кощей Бессмертный. - Теперь тебе никогда е видать Марьи Моревны, как ушей своих!»). E volò via dalla finestra in un terribile vortice, raggiunse sulla strada Marja Morevna, la catturò e la portò via. (И страшным вихрем вылетел в окно, нагнал на дороге Марью Моревну, прекрасную королевну, подхватил её и унёс к себе).
Ivan cominciò a piangere amaramente, si equipaggiò per il viaggio e si mise in cammino: «Sia quel che sia, ma ritroverò Marja Morèvna!» (А Иван-царевич горько-горько заплакал, снарядился и пошёл в путь-дорогу: «Что ни будет, а разыщу Марью Моревну!»). Passò un giorno, ne passarono due e all'alba del terzo Ivan vide un palazzo stupendo e davanti una quercia e sulla quercia un falco. (Идёт день, идёт другой, на рассвете третьего видит чудесный дворец, у дворца дуб стоит, на дубу ясен сокол сидит). Il falco scese dalla quercia, rimbalzò sulla terra, si trasformò in un bel giovane e gridò: « - O mio amato cognato, come ti va la vita?» (Слетел сокол с дуба, ударился оземь, обернулся добрым молодцем и закричал: «Ах, шурин мой любезный! Как тебя господь милует?»). Arrivò correndo Marja zarevna, andò felice incontro ad Ivan, poi cominciò a chiedere di lui e a raccontargli della propria vita. Ivan rimase loro ospite per tre giorni, poi disse: (Выбежала Марья-царевна, встретила Ивана-царевича радостно стала про его здоровье расспрашивать, про своё житьё-бытье рассказывать. Погостил у них царевич три дня и говорит). « - Non posso rimanere ancora da voi, devo andare alla ricerca di mia moglie, Marja Morevna, principessa bellissima». («Не могу у вас гостить долго; я иду искать жену мою, Марью Моревну, прекрасную королевну»). - «Ti sarà difficile trovarla! - disse il falco. Lascia qui il tuo cucchiaio d'argento, così guardandolo ti ricorderemo». (- «Трудно тебе сыскать её, - отвечает сокол. Оставь здесь на всякий случай свою серебряную ложку: будем на неё смотреть, про тебя вспоминать»). Ivan lasciò il cucchiaio e se ne andò.  Camminò un giorno, camminò due giorni, all'alba del terzo vide un palazzo ancora più bello del primo e davanti una quercia e sulla quercia un'aquila. (Иван-царевич оставил у сокола свою серебряную ложку и пошёл в дорогу. Шёл он день, шёл другой, на рассвете третьего видит дворец ещё лучше первого, возле дворца дуб стоит, на дубу орёл сидит). L'aquila scese dalla quercia, rimbalzò a terra, si trasformò in un bel giovane e gridò: (Слетел орел с дерева, ударился оземь, обернулся добрым молодцем). Arrivò correndo Olga zarevna, bacio e abbracciò Ivan, gli chiese di lui e poi gli raccontò della propria vita. Ivan rimase loro ospite tre giorni, poi disse: (Ольга-царевна тотчас прибежала навстречу, стала его целовать-обнимать, про здоровье расспрашивать, про своё житьё-бытье рассказывать. Иван-царевич погостил у них три денька и говорит). « - Devo proprio andare, devo cercare mia moglie Marja Morevna, principessa bellissima». («Долы гостить мне некогда; я иду иска жену мою, Марью Моревну, прекрасную королевну»). « - Difficile che tu possa trovarla, - risponde l'aquila - lascia qui la tua forchetta d'argento, così guardandola ti ricorderemo». (Отвечает орёл: «Трудно тебе сыскать её; оставь у нас серебряную вилку: будем на неё смотреть, тебя вспоминать»). Ivan la lasciò. Poi camminò per un giorno, per due giorni, all'alba del terzo vide un palazzo ancora più bello degli altri due. Davanti c'era una quercia e sulla quercia un corvo, che scese, rimbalzò a terra, si trasformò in un bel giovane e disse: « - Anna zarevna, presto, vieni qui! C'è nostro fratello!» (Он оставил серебряную вилку и пошёл в дорогу. День шёл, другой шёл, на рассвете третьего видит дворец лучше первых двух, возле дворца дуб стоит, на дубу ворон сидит. Слетел ворон с дуба, ударился оземь, обернулся добрым молодцем и закричал: - «Анна-царевна! Поскорей выходи, наш братец идет»). Anna arrivò correndo, baciò e abbracciò Ivan. Gli chiese di lui e gli raccontò di sé. Ivan rimase tre giorni, poi disse: « - Addio! Vado a cercare mia moglie Marja Morevna, principessa bellissima». (Выбежала Анна-царевна, встретила его радостно, стала целовать-обнимать, про здоровье расспрашивать, про своё житьё-бытьё рассказывать. Иван-царевич погостил у них три денька и говорит: «Прощайте! Пойду жену искать - Марью Моревну, прекрасную королевну»). Disse il corvo: « - Difficile ti sarà trovarla. Lascia qui la tabacchiera d'argento, la guarderemo e ti ricorderemo». Ivan gliela dette, salutò e se ne andò. (Отвечает ворон: «Трудно тебе сыскать её; оставь-ка у нас серебряную табакерку: будем на неё смотреть, тебя вспоминать». Царевич отдал ему серебряную табакерку, попрощался и пошёл в дорогу). Camminò un giorno, due giorni, il terzo arrivò da Marja Morevna. Appena Marja vide il suo caro Ivan zarevich si gettò tra le sue braccia e lo supplicò: (День шёл, другой шёл, а на третий добрался до Марьи Моревны. Увидала она своего милого, бросилась к нему на шею, залилась слезами и промолвила). « - Ah! Ivan! Perché non mi hai obbedito? Hai guardato nel ripostiglio e ti sei lasciato scappare Koscej L'Immortale!» («Ах, Иван-царевич! Зачем ты меня не послушался - посмотрел в чулан и выпустил Кощея Бессмертного?»). - «Perdonami Marja Morevna, principessa bellissima! Vieni con me ora che Koscej non c'é!» (- «Прости, Марья Моревна! Не поминай старого, лучше поедем со мной, пока не видать Кощея Бессмертного; авось не догонит!»). Così andarono via. Koscej L'Immortale era a caccia. Di sera, mentre tornava a casa, sotto di lui il buon cavallo incespicava. (Собрались и уехали. А Кощей на охоте был; к вечеру он домой ворочается, под ним добрый конь спотыкается). « - Cos'hai che incespichi? Forse che stai fiutando qualche guaio?». ( «Что ты, несытая кляча, спотыкаешься? Али чуешь какую невзгоду?»). Risponde il cavallo: « - È venuto Ivan
zarevich e ha portato via Marja zarevna». (Отвечает конь: «Иван-царевич приходил, Марью Моревну увёз»). « - Possiamo forse raggiungerli?» (- «А можно ли их догнать?»). Risponde il cavallo: « - Si può seminare il grano, aspettare che sia cresciuto, mieterlo, trasformare i chicchi in farina, preparare cinque forni pieni di pane, mangiare il pane e solo allora inseguirli - faremo in tempo». Koscej al galoppo raggiunse Ivan. - La prima volta ti perdono per la tua bontà, che mi hai dato l'acqua da bere; perdonerò anche un'altra volta, ma la terza attento! Ti farò a pezzetti! Koscej L'Immortale prese Marja Morevna e la portò via. Ivan si sedette su una roccia e cominciò a piangere. Pianse, pianse, poi tornò indietro verso Maria Morevna. Koscej non era in casa.
- Andiamo Marja!
- No! Ci raggiungerà!
- E che ci raggiunga! Almeno si sta un'oretta insieme!
Così andarono Koscej tornava a casa e il cavallo incespicava.
- Cos'hai da incespicare tu? Forse che fiuti guai?
- È venuto Ivan ed ha portato via Maria!
- Si possono raggiungere?
- Si può seminare l'orzo, aspettare che cresca, mieterlo, farci la birra, ubriacarsi di birra, andare a dormire e solo allora inseguirli - faremo in tempo!
Koscej L'Immortale raggiunse al galoppo Ivan zarevich.  
- Eppure te l'ho già detto che non devi più vedere Marja Morevna, così come non vedi le tue orecchie!
La prese e la portò a casa sua. Ivan rimase solo, pianse e pianse, poi tornò da Marja. Koscej non era a casa.
- Andiamo Marja Morevna!
- No Ivan! Ti raggiungerà e poi ti farà a pezzetti!
- E che mi faccia a pezzetti! Io senza di te non vivo!
E così andarono via. Koscej L'Immortale tornava a casa e il cavallo incespicava.
- Perché incespichi? Fiuti guai? – «Ivan è venuto e ha portato via Maria».
Koscej L'Immortale raggiunse Ivan al galoppo, lo fece a pezzetti e mise i pezzetti in una botte incatramata. Legò la botte con cerchi di ferro e la gettò nel mare blu. Portò via con sé Maria Morevna. Proprio in quello stesso momento gli oggetti in argento di Ivan che avevano le sue sorelle diventarono neri. Dissero le sorelle di Ivan e i mariti: «Ah! È successo qualcosa!». Il falco si gettò nel mare blu, prese la botte e la portò sulla riva. Il corvo prese l'acqua morta, l'aquila l'acqua viva. Poi ruppero la botte e tirarono fuori Ivan. Il corvo spruzzò su Ivan acqua morta e i pezzetti così si riunirono, l'aquila acqua viva e così Ivan tornò in vita e disse:
- Ah! Quanto ho dormito!
- Vieni ospite da noi! - dissero i cognati.
- No fratellini, devo cercare Marja Morevna.
Ivan andò da Marja e le chiese: «Cerca di sapere da Koscej L'Immortale dove ha trovato un così buon cavallo». E così Marja Morevna trovò il momento opportuno e cercò di interrogare Koscej L'Immortale, che rispose: - Dietro la trentanovesima terra, nel trentesimo regno, oltre il fiume di fuoco, vive Bàba Jagà. Lei ha una cavalla sulla quale ogni giorno vola intorno alla terra. Bàba-Jagà ne ha parecchie di queste cavalle gloriose. Sono stato da lei come pastore per tre giorni, non le ho perso neppure una cavalla e per questo lei mi ha regalato un puledrino.
- E come hai fatto ad attraversare il fiume di fuoco?
- Io ho un fazzoletto che come lo muovo tre volte dalla parte destra si forma un ponte altissimo che il fuoco non può raggiungere. Marja Morevna ascoltò e raccontò tutto a Ivan zarevich e gli dette anche il fazzoletto, che aveva preso a Koscej L'Immortale. Ivan si diresse verso il fiume di fuoco. Camminò a lungo senza né bere né mangiare. Gli andò incontro l'uccello dei mari con i suoi piccolini Disse Ivan:
- Mangerò un solo pulcino.
- Non mangiare, Ivan zarevich! - lo pregò l'uccello dei mari - Tra poco ti servirò.
Andò oltre. Vide nel bosco un alveare di api. «Prenderò un po' di miele»- disse. Rispose la madre regina delle api: «Non toccare il mio miele, Ivan zarevich! Tra poco ti servirò». Ivan non lo toccò e passò oltre. Gli andò incontro una leonessa con il leoncino.
- Mangerò almeno questo leoncino. Ho una tale fame!
- Non lo toccare, Ivan zarevich! - lo pregò la leonessa - Tra poco ti servirò.
- Va bene, che sia come vuoi tu!
Rimase affamato, camminò, camminò. Ecco la casa di Bàba-Jagà e intorno alla casa teste umane su undici aste e la dodicesima vuota.
- Salve nonna!
- Salve, Ivan zarevich! Sei venuto per tua buona volontà o per necessità?
- Sono venuto per meritarmi il tuo cavallo atletico.
- Permettimi, Ivan! Devi servirmi non un anno, ma in tutto tre giorni. Se pascolerai le mie cavalle, io ti darò il cavallo atletico, ma se non lo farai, non ti adirare, la tua testa sporgerà sull'ultima asta! Ivan acconsentì. Bàba-Jagà gli dette da mangiare e da bere e gli ordinò di darsi da fare.
Aveva appena portato le cavalle nel campo, che cominciarono a muovere la coda e ognuna per conto suo a correre nei prati. Ivan non fece in tempo nemmeno ad alzare gli occhi, che erano già sparite. Allora cominciò a piangere, si sedette su una roccia e si addormentò. Era già il tramonto, quando arrivò l'uccello dei mari e lo svegliò.
- Alzati Ivan zarevich! Le cavalle ora sono a casa! Zarevich si alzò e tornò a casa. Bàba-Jagà stava gridando alle sue cavalle: «Perché siete tornate a casa?».  
- Ecome potevamo non tornare! Degli uccelli sono arrivati da tutto il mondo e per poco non ci beccavano gli occhi!
- Ebbene, domani non correrete nei prati, ma vi disperderete nei boschi fitti. Ivan zarevich la notte dormì a lungo. La mattina Bàba-Jagà disse: «Guarda zarevich, se non pascolerai le cavalle e se ne perderai anche una sola, la tua testa matta sarà infilzata sul palo!». Ivan mandò le cavalle nel campo. Le cavalle mossero la coda e si dispersero nei boschi fitti. Ancora zarevich si sedette sulla pietra, pianse e pianse, alla fine si addormentò. Il sole era al tramonto, quando arrivò la leonessa. «Alzati, Ivan zarevich! Le cavalle sono tutte radunate!». Ivan si alzò e andò a casa. Bàba-Jagà più di prima gridava alle sue cavalle: «Perché siete tornate a casa?» - «E come potevamo non tornare? Sono arrivate bestie feroci da tutto il mondo e per poco non ci divoravano!» - «Ebbene, domani fuggirete nel mare blu!. E di nuovo la notte Ivan dormì a lungo. Al mattino Bàba-Jagà lo mandò a pascolare le cavalle. - Se non pascolerai, la tua testa matta sarà sul palo! Ivan mandò le cavalle nel campo. Le cavalle mossero la coda e scomparvero, fuggirono nel mare blu. Stavano nell'acqua fino al collo. Ivan si sedette sulla pietra, pianse e si addormentò. Il sole era già tramontato, che arrivò l'ape e disse:
- Alzati zarevich! Le cavalle sono riunite! Ma come tornerai a casa di Bàba-Jagà, non ti far vedere, vai nella stalla e nasconditi dietro la mangiatoia. Là c'è un puledro non buono, sta sul letame. Tu rubalo nel cuore della notte e vattene. Ivan si alzò, andò nella stalla e si stese dietro la mangiatoia. Bàba-Jagà gridò alle cavalle:
- Perché siete tornate indietro? – «E come potevamo non tornare? Sono arrivate api da tutto il mondo e hanno cominciato a pungerci che per poco non ci dissanguavano!». Bàba-Jagà si addormentò e a mezzanotte in punto Ivan rubò il puledro non buono, lo sellò, lo cavalcò e galoppò verso il fiume di fuoco. Arrivato al fiume di fuoco mosse tre volte il fazzoletto dalla parte destra e all'improvviso ecco apparire un ponte altissimo sul fiume. Zarevich attraversò il ponte, poi mosse il fazzoletto due volte a sinistra e il ponte divenne sottile-sottile. La mattina Bàba-Jagà si svegliò e vide che il puledrino non c'era. Si lanciò all'inseguimento. Saltò sul mortaio di ferro, agitò il pestello, con la scopa fece sparire le tracce. Arrivò al fiume di fuoco, dette un'occhiata e pensò: «è un buon ponte». Passò sul ponte, ma appena arrivata a metà il ponte crollò e Bàba-Jagà cadde nel fiume e bruciò. Ivan zarevich dette da mangiare al puledro nei prati veri. Poi andò da Marja Morevna, che corse verso di lui e si gettò tra le sue braccia.
- Come hai fatto a salvarti dalla morte?
- Poi ti racconterò. Dai, vieni con me!
- Ho paura, Ivan! Se ci raggiunge di nuovo Koscej L'Immortale, ti farà a pezzi un'altra volta!
- No, non ci raggiungerà! Adesso ho un cavallo glorioso e atletico, vola come un uccello. Salirono in sella al cavallo e partirono. Koscej tornava a casa e il cavallo incespicava.  
- Cos'hai da incespicare tu? Forse che fiuti guai?
- È arrivato Ivan zarevich e ha portato via Maria Morevna.  
- Possiamo raggiungerli?
- Lo sa Dio! Ora Ivan ha un cavallo atletico meglio di me!
- No, non lo sopporterò. Vado all'inseguimento.
Passò poco tempo, passò molto tempo Koscej raggiunse Ivan e cadde per terra mentre voleva fenderlo con la sua sciabola tagliente. Ma in quel momento il cavallo di Ivan zarevich colpì con tutta la sua forza con lo zoccolo Koscej L'Immortale e gli fracassò la testa e Ivan lo finì con una mazza. Poi zarevich ammucchiò della legna, fece un fuoco, ci bruciò Koscej L'Immortale e sparse la sua cenere al vento. Maria Morevna salì in groppa al cavallo di Koscej L'Immortale e Ivan sul proprio e andarono ospiti prima dal corvo, poi dall'aquila e infine dal falco. Da qualsiasi parte andavano, erano accolti con gioia. - Ah! Ivan zarevich! Eravamo tristi che non ti vedevamo! Però… non inutilmente ti sei dato da fare! Una tale bellezza come Marja Morèvna c'è da cercarla in tutto il mondo! Non ne trovi un'altra! Festeggiarono, banchettarono e infine tornarono nel proprio regno, dove vissero felici e contenti.

Attenzione! La nostra variante del testo della fiaba russa «Marja Morèvna» («Марья Моревна») è particolare e unica nel suo genere perché è presentata simultaneamente in due lingue, in italiano e in russo. Questa forma della combinazione dei testi sarà molto utile per quei Russi che studiano l’italiano ed anche per quegli Italiani che studiano il russo. Vorrei far ricordare che la combinazione di due testi, in russo e in italiano, appartenesse solo al nostro forum «ARCA RUSSA». (Сопоставление двух текстов, русского и итальянского, принадлежит только форуму «ARCA RUSSA»

  

MARIA MOREVNA 1.jpg
Descrizione: Fiaba russa
«MARIA MOREVNA» 
Dimensione: 29.67 KB
Visualizzato: 2016 volta(e)

MARIA MOREVNA 1.jpg

MARIA MOREVNA 2.jpg
Descrizione: Fiaba russa
«MARIA MOREVNA» 
Dimensione: 104.22 KB
Visualizzato: 2016 volta(e)

MARIA MOREVNA 2.jpg






Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «MARJA MOREVNA» 
 
«MARJA MOREVNA» «МАРЬЯ МОРЕВНА»
La fiaba magica russa  Русская волшебная сказка

Màrja Morèvna (Марья Моревна), è una «donna-eroina» («женщина-богатырша»), la protagonista di molte fiabe popolari russe. La donna che possiede una grandissima forza magica. L’interpretazione della parola «Morèvna» («Моревна») è differente. Alcuni dicono che deriva dalla parola russa «мòре» cioè «il mare» e dicono che Màrja Morèvna è una delle figlie del Re dei Mari (Морской Царь), ma gli altri scienziati considerano che il patronimico (nome del padre) di Marja «Morèvna» («Моревна») deriva dalla parola russa «мор» («mor») cioè la morte o il gelo. In ogni modo il suo patronimico «Morèvna» («Моревна») non è chiarito, ma tutti i Russi conoscono Màrja Morèvna (Марья Моревна) dalle fiabe magiche e fantastiche. Il soggetto della fiaba «Màrja Morèvna» («Марья Моревна») è tipico per tutte le fiabe magiche russe. L’inizio della fiaba consiste nel fatto che il Principe Ivan (Иван-Царевич) viola il divieto di sua moglie Marja Morevna di aprire una porta segreta: «Dopo un po' di tempo Maria Morevna stava per partire per la guerra. Lasciò a Ivan tutte le faccende di casa e gli ordinò: - Vai dovunque, sorveglia tutto, ma non guardare mai in questo ripostiglio!. Ivan non resistette e non appena Marja partì, andò in quel ripostiglio a guardare. Ci trovò Koscej L'Immortale (Кощей Бессмертный) incatenato a dodici catene». Dopo, di solito, in tutte le fiabe magiche arriva una disgrazia: la rapina ecc. L’epilogo della fiaba, come sempre, è un’acquisizione della perdita. Nella fiaba «Màrja Morèvna» («Марья Моревна») come in tutte le fiabe magiche e fantastiche esistono degli «oggetti magici» («волшебные предметы»). È sempre necessaria una certa «triplicità» («троичность») delle azioni, dei comportamenti e dei personaggi. Deve essere, senz’altro, un «ritardo» («ретардация») cioè delle azioni rallentate ed anche le altre caratteristiche delle fiabe popolari magiche.

  

MARJA MOREVNA.jpg
Descrizione: «MARJA MOREVNA» La fiaba magica russa 
Dimensione: 41.51 KB
Visualizzato: 52 volta(e)

MARJA MOREVNA.jpg






Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «MARJA MOREVNA» 
 
«MARJA MOREVNA E KOSCEJ L’IMMORTALE» di Viktor Vasnetsov
«МАРЬЯ МОРЕВНА И КОЩЕЙ БЕССМЕРТНЫЙ» Виктора Васнецова
«MARYA MOREVNA AND KASHCHEI THE IMMORTAL» of Victor Vasnetsov
Il Museo di Viktor Vasnetsòv a Mosca

Viktor Vasnetsov dipingeva questo quadro per molti anni. Iniziò nel 1917 e lo finì solo nel 1926. Questo quadro è l’ultimo lavoro del pittore. Ora si trova nella collezione del Museo di Viktor Vasnetsov a Mosca.
Ognuno di noi conosce una serie delle fiabe russe con il malvagio personaggio Koscej l’Immortale (Кощей Бессмертный), il quale incarna l’odio e il male nel folclore russo. Sulla tela «Marja Morèvna e Koscej l’Immortale» («Марья Моревна и Кощей Бессмертный») dominano i tre colori: dorato, rosso e marrone scuro. L’accento principale del senso si trova nel Palazzo di Koscej l’Immortale con degli adornamenti lussuosi. Koscej l’Immortale mangia con gli occhi la bella Marja Morevna. Il suo sguardo è avido e furioso. Davanti a noi c’è un vecchio avaro e tirchio che sgobba sulla sua ricchezza per giornate intere. Nell'angolo sinistro ci sono le tre grandissime casse e un mucchio d’oro. Si vede che in un corpo ossuto di Koscej l’Immortale non restò niente dell’anima. Soltanto l’avidità. La corona sulla testa e la spada in mano parlano del sua onnipotenza.          
Molti dicono che durante nove anni, dal 1917 al 1926, Viktor Vasnetsov assorbì tutti gli avvenimenti storici avvenuti in Russia. Dicono che nel suo quadro c’è un certo «simbolismo». Guardiamo il bel quadro di Viktor Vasnetsov: «Marja Morèvna e Koscej l’Immortale» («Марья Моревна и Кощей Бессмертный»).    

VICTOR VASNETSOV (1848-1925) ВИКТОР ВАСНЕЦОВ
Was a leader in the Russian revivalist movement. A brilliant artist, his compositions proclaim the folkloric richness of his culture and stir the ardor of Russians for their narrative heritage. Vasnetsov’s powerful oil paintings of heroes and heroines are rendered with all the attention to detail and artistry another artist might have endowed on a royal portrait or a biblical scene. While he did not illustrate books of fairy tales, his magnificent full-scale works bring those tales to life in many world museums and exemplify the affection the Russian people feel for their «skàzki» («сказки» = fairy tales) and «bylìny» («былины» = legends).


  

Marja Morevna e Koscej l'Immortale .jpg
Descrizione: «MARJA MOREVNA E KOSCEJ L’IMMORTALE» di Viktor Vasnetsov
«MARYA MOREVNA AND KASHCHEI THE IMMORTAL» of Victor Vasnetsov
Il Museo di Viktor Vasnetsòv a Mosca 
Dimensione: 35.71 KB
Visualizzato: 43 volta(e)

Marja Morevna e Koscej l'Immortale .jpg

Marja Morevna e Koscej l'Immortale 2 .jpg
Descrizione: «MARJA MOREVNA E KOSCEJ L’IMMORTALE» di Viktor Vasnetsov
«MARYA MOREVNA AND KASHCHEI THE IMMORTAL» of Victor Vasnetsov
Il Museo di Viktor Vasnetsòv a Mosca 
Dimensione: 29.19 KB
Visualizzato: 43 volta(e)

Marja Morevna e Koscej l'Immortale 2 .jpg






Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione  Pagina 1 di 1
 

Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti Registrati: Nessuno


 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare gli allegati in questo forum
Puoi inserire eventi calendario in questo forum