Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione Pagina 1 di 1
 
ALEKSANDR HERZEN (1812-1870)
Autore Messaggio
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio ALEKSANDR HERZEN (1812-1870) 
 
Irena Zhelvakòva Ирена Желвакова
«HERZEN» «ГЕРЦЕН»
Serie: «Vita degli Uomini Eccellenti» (ЖЗЛ «Жизнь Замечательных Людей»)
Casa Editrice «Molodaja Gvardia» Mosca 2010 (Pagine 547)
Издательство «Молодая гвардия» Москва 2010

Aleksandr Herzen (Александр Герцен, 1812-1870), è stato uno scrittore e filosofo russo, tra i più grandi intellettuali russi dell'Ottocento.
Aleksandr Herzen nacque nel 1812 dalla relazione del grande proprietario terriero Ivan Jakovlev (1767-1846) con Luisa Haag (1795-1851), una governante tedesca conosciuta a Stoccarda e portata con sé a Mosca nel 1811. Da allora i suoi genitori vissero insieme ma non si sposarono mai. Suo padre non volle trasmettere il proprio cognome né a lui né al fratello Egor (1803-1882), avuto da una serva della sua tenuta di Pokrovskoe, dandogli quello di Herzen, derivato dal tedesco Herz, cuore.
Nel 1829 entrò alla facoltà di Fisica e Medicina dell'università di Mosca; insieme al poeta Nikolaj Ogarev (Николай Огарёв) partecipò a un circolo di studenti progressisti vicini alle idee di Saint-Simon. Arrestato ed esiliato, tornò a Mosca nel 1842, e si dedicò alla vita politica insieme al critico Vissarion Belinskij, ponendo le basi del cosiddetto occidentalismo, e all'attività letteraria, pubblicando sugli «Annali Patri» e su «Il Contemporaneo» una serie di articoli di critica letteraria e romanzi, tra cui ebbe grande risonanza «Di chi è la colpa?». Nel 1847 lasciò la Russia e visse esule in Francia, Italia, Svizzera e Inghilterra; qui fondò con Nikolaj Ogarev, nel 1847, la rivista «La Campana» («Колокол»), che fu diffusa clandestinamente in Russia ed ebbe grande influenza sui circoli rivoluzionari, contribuendo alla creazione di un'atmosfera favorevole alla liberazione dei servi della gleba nel 1861. In disaccordo con la politica dei gruppi intellettuali radicali di Pìssarev e Cernyshevskij, arrivò a una rottura con la sinistra russa; a poco a poco «La Campana» perse così la sua influenza. Negli ultimi anni si dedicò all'opera memorialistica «Passato e pensieri» («Былое и думы»).

  

GERZEN.jpg
Descrizione: Irena Zhelvakòva
«HERZEN»
Serie: «Vita degli Uomini Eccellenti»
Casa Editrice «Molodaja Gvardia» Mosca 2010 (Pagine 547) 
Dimensione: 33.13 KB
Visualizzato: 460 volta(e)

GERZEN.jpg






Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio Re: ALEKSANDR HERZEN (1812-1870) 
 
«MUSEO DI ALEKSANDR HERZEN»
«МУЗЕЙ АЛЕКСАНДРА ГЕРЦЕНА»
«MUSEUM OF ALEXANDR HERZEN»

La vita di Aleksandr Herzen (Александр Герцен, 1812-1870), scrittore russo, democratico rivoluzionario, filosofo e appassionato pubblicista, è legata a Mosca più che a qualsiasi altra città. Qui lui nacque, qui si sono conservate alcune delle case dove Herzen visse in periodi diversi. Il Museo di Aleksandr Herzen è stato aperto in una vecchia villa in vico Sìvtsev Vràzhek (переулок Сивцев Вражек), dove lui abitò con la famiglia dal 1843 al 1846. Proprio qui, da Herzen, si riuniva la cerchia moscovita delle personalità della cultura progressiva del tempo: scienziati, letterati, artisti, pittori. Alle riunioni a volte parteciparono in qualità di ospiti gli scrittori Ivan Turghènev e Nikolaj Nekràssov che venivano da San Pietroburgo, il critico Vissarion Belìnskij e altri personaggi illustri. Si discuteva animatamente di questioni politiche, della scienza, della cultura, del futuro della Russia.
La sensazione di realtà della situazione è alimentata dell’atmosfera che regna nella casa-museo.
L’esposizione della prima teoria di stanze si apre con un ritratto di Aleksandr Herzen (1867) opera di sua figlia Natalia. In incisioni e documenti rivivono gli avvenimenti della Guerra Patriottica del 1812, anno in cui nacque Aleksandr Herzen, e i fatti del movimento rivoluzionario decabrista conclusosi con l’insurrezione del dicembre 1825. Sui cavalletti sono esposti i ritratti dei due amici inseparabili e compagni di idee Aleksandr Herzen (Александр Герцен) e Nikolaj Ogariov (Николай Огарёв).
La tappa seguente della vita di Aleksandr Herzen sono gli anni dell’esilio. Sotto vetro l’autografo del 1833 confiscato a Herzen quando, un anno dopo, venne arrestato come uno dei fondatori del circolo democratico studentesco dell’Università di Mosca.
Gli anni quaranta segnano il tempestoso fiorire di Herzen narratore. In questa casa lui scrisse le novelle «La Gazza ladra» («Сорока-воровка», 1848), «Il Dottor Krùpov» («Доктор Крупов», 1847), il romanzo «Di chi è la colpa?» («Кто виноват?», 1846), le filosofiche «Lettere sullo studio della natura» («Письма об изучении природы», 1844-1846). Sono esposti manoscritti, lettere, oggetti memoriali, documenti, materiali illustrativi, disegni e ritratti che aiutano i visitatori a capire le percezioni di Aleksandr Herzen e la fonti della sua crescita spirituale.  
Il 19 gennaio 1847, Aleksandr Herzen con la famiglia partì per l’estero. Nel 1853 Aleksandr Herzen organizzò a Londra una Tipografia libera russa e svolse lavoro di agitazione. Nel 1855 Herzen iniziò la pubblicazione della rivista «Stella Polare» («Полярная Звезда»), dove comparivono articoli politici programmatici, versi di Pushkin e Lermontov circolanti in manoscritti clandestini, e altri materiali.
Nel 1857 Aleksandr Herzen, in collaborazione con Nikolaj Ogariov, inizia la pubblicazione del giornale «La Campana» («Kòlokol» = «Колокол»).
La nostalgia della Patria e il ricordo del suo popolo accompagnarono Herzen sino all’ultimo. Non gli riuscì comunque di tornare in Russia. L’«eterno esule» così lo scrittore definiva se stesso, venne sepolto a Nizza nel 1870.  
Leonard Rist e Serge Herzen, pronipoti dello scrittore abitanti l’uno in Francia e l’altro in Svizzera, hanno donato al Museo del loro grande antenato reliquie di valore: oggetti personali di Herzen e dei membri della famiglia, quadri e libri rari. Essi sono esposti nelle vetrine intitolate «Nuove acquisizioni del museo» che chiudono l’esposizione letteraria, e in due stanze, lo Studio e il Soggiorno, con arredamento tipico della metà degli anni ’40 del XIX secolo per gente della cerchia di Herzen. Consiglio di fare attenzione a una grande tela del’accademico Aleksj Bogoliubov, nipote dello scrittore russo Aleksandr Radìscev, «Apoteosi di Stella Polare e la Campana». Il quadro fu donato a Herzen nel 1862 dalla colonia estera dei pittori russi.  
L'autobiografia di Aleksandr Herzen «Il passato e i Pensieri» («Былое и Думы») è  uno dei grandi monumenti della letteratura russa, un capolavoro letterario da mettere sullo stesso piano delle opere dei suoi contemporanei e connazionali.

INDIRIZZO: Mosca, vico Sìvtsev Vràzhek, 27/9


  

MUSEO DI ALEKSANDR HERZEN 1.jpg
Descrizione: «MUSEO DI ALEKSANDR HERZEN»
«MUSEUM OF ALEXANDR HERZEN» 
Dimensione: 45 KB
Visualizzato: 131 volta(e)

MUSEO DI ALEKSANDR HERZEN 1.jpg






Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione  Pagina 1 di 1
 

Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti Registrati: Nessuno


 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare gli allegati in questo forum
Puoi inserire eventi calendario in questo forum