Home    Forum    Cerca    FAQ    Iscriviti    Login
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione Pagina 1 di 1
 
«I DUE CALENDARI» (giuliano e gregoriano)
Autore Messaggio
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio «I DUE CALENDARI» (giuliano e gregoriano) 
 
«I DUE CALENDARI» (giuliano e gregoriano)
«ДВА КАЛЕНДАРЯ» (юлианский и григорьянский)

La Chiesa Russa Ortodossa si attiene al calendario giuliano da molti secoli. Nel 1917 i bolscevichi emanarono un decreto ufficializzando a tutti gli effetti l'adozione del calendario gregoriano, da tanti anni in vigore presso molte nazioni. La differenza di tempo tra calendario giuliano e quello gregoriano consisteva in tredici giorni. Per rimuovere tale discrepanza, presero la seguente decisione: il primo giorno che seguirà il 31 dicembre 1917 non si chiamerà 1° gennaio 1918 ma 14 gennaio e il secondo giorno sarà il 15 gennaio e così via. Ma la Chiesa Russa Ortodossa non si dichiarò  d'accordo con questa riforma.
Il calendario gregoriano venne varato a tutti gli effetti e si cominciò dunque a festeggiare il nuovo anno in data 1° gennaio.
Vuol dire che la Russia ha il calendario ufficiale (gregoriano come in tutta l’Europa), ma la Chiesa Ortodossa vive secondo il calendario giuliano. Quindi tutte le feste religiose sono spostate di tredici giorni.

Image

In Russia la gente credente festeggia tutte le feste religiose secondo il calendario giuliano, Lo Stato vive secondo il calendario gregoriano. Per i Cattolici oggi è la Vigilia di Natale, ma per gli Ortodossi la Vigilia sarà fra tredici giorni, il 6 gennaio 2010 (cioè 24 dicembre 2007). Quindi il Capodanno (ortodosso) cade il 13 gennaio 2010 (cioè 1 gennaio 2010). Perciò si chiama il «Vecchio» Anno Nuovo o il Capodanno «Vecchio» («??????» ????? ???). Molti amano festeggiare il Capodanno «Vecchio» in nome di una bella e simpatica tradizione. E' davvero curioso che in Russia si usa festeggiare il capodanno per ben due volte. La prima assieme a tutto il resto del mondo nella notte dal 31 dicembre al 1° gennaio e la seconda nella notte dal 13 al 14 gennaio. Il Capodanno «Vecchio» (13 gennaio) non è considerato giorno festivo ufficiale in Russia, ma, in omaggio ad una vecchia tradizione, la gente ama dare il benvenuto a suo modo all'anno nuovo.
Non so se mi sono riuscito a spiegarmi chiaramente.
In ogni modo in questo giorno della Vigilia di Natale del calendario gregoriano, faccio i miei carissimi saluti e auguri. Buon Natale! S Rozhdestvòm Christòvym!



Ultima modifica di Zarevich il 23 Dic 2016 11:52, modificato 6 volte in totale 




Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Ringraziano per l'utile discussione di Zarevich :
altamarea (30 Settembre),  
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio Re: I DUE CALENDARI (giuliano E Gregoriano) 
 
Ti sei spiegato bene....
Ho una domanda: allora non esistono persone nate in Russia  tra il 1 gennaio e il 13 gennaio 1918??? Shocked
  




____________
Miayyyy! Myrrr....rrr....
Offline Profilo Invia Messaggio Privato MSN Live ICQ
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio Re: I DUE CALENDARI (giuliano e gregoriano) 
 
Secondo la tradizione, la notte del 31 si addobba l'abete e si aspetta l'arrivo di Дед Мороз («Nonno Gelo») che insieme alla sua aiutante Снегурочка (Fanciulla di Neve porta i doni ai piccini ed anche ai più grandi. Sulla tavola imbandita non può mancare l'insalata «Olivier» - quella che in Italia non del tutto a ragione si chiama «russa» - ed alle 23:59:59 nessun brindisi preregistrato in tv, ma il rintocco del campanile del Cremlino che introduce la mezzanotte.
Fino al 1699 l'anno in Russia iniziava il 1° settembre. Nel 1700, come ricorda questo francobollo, con un decreto dello Zar Pietro il Grande Capodanno venne uniformato al resto dei paesi europei.
In Russia quella tra il 6 e il 7 gennaio è la notte del Natale ortodosso, celebrato secondo il calendario giuliano. Nel culto ortodosso il Natale fin dal nome mantiene il suo significato unicamente spirituale: «Рождество» significa «Natività». Il 6 gennaio si osserva il digiuno fino all'apparire in cielo della prima stella.

  

Babbo Natale e La Fanciulla di Neve.jpg
Descrizione: Babbo Natale e La Fanciulla di Neve 
Dimensione: 31.22 KB
Visualizzato: 4310 volta(e)

Babbo Natale e La Fanciulla di Neve.jpg






Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio Re: I DUE CALENDARI (giuliano e gregoriano) 
 
In Russia le rappresentazioni di Babbo Natale sono strettamente legate al personaggio russo di Nonno Gelo (Дед Морòз), che porta i regali ai bambini ed è vestito con una giacca rossa o azzurra, stivali di pelliccia e porta una lunga barba bianca. Ded Moroz arriva con la sua nipotina Снегурочка (La Fanciulla di Neve o Nevina).
È qui il caso di notare che in Russia San Nicola non è identificato con Babbo Natale anche perché qui l’equivalente del Babbo Natale è Nonno Gelo.
Il Nonno Gelo è un personaggio pagano che nei tempi pagani non sempre era buono e gelava la gente. A volte lo chiamavano «Moròzko» («Морòзко») cioè «gelo». Il costume di Ded Moròz non sempre è rosso. Più che altro deve essere in colore «di gelo e neve», in azzurro e bianco argentato. Il suo passato pagano è già stato dimenticato del tutto ed ora Ded Moroz arriva come un buon Nonno Moroz che porta ai bambini i regali. Arriva sempre in slitta insieme con la sua nipotina Snegùrochka. E li accompagna spesso il Pupazzo di Neve («Снеговик»). La Snegùrochka è apparsa insieme a Ded Moroz solo dopo la Guerra, negli anni 40. Perché la Snegùrochka?
Il fatto è che esiste una vecchia fiaba russa della Snegùrochka, della Fanciulla di Neve che era figlia del Nonno Gelo e della Primavera. Qui cade a proposito l'annotazione della famosissima piece di Aleksandr Ostròvskij «La Fanciulla di Neve o La Favola primaverile» («Снегурочка или Весенняя Сказка») sulla quale Nikolaj Rìmskij-Kòrsakov compose la sua bella opera lirica «Snegurochka». La piece di Ostròvskij si base sulle antiche fiabe russe pagane. La piece di Ostròvskij è scritta in versi. La fiaba in breve è così:

«La fata Primavera non vuole porre fine all'inverno. Agli uccelli confessa di non voler abbandonare Snegùrocka, la figlia avuta dal vecchio GELO (MOROZ).
Iarìlo (Ярило), il Sole, condanna per gelosia la bimba a morire se mai si innamorerà di un uomo. GELO (MOROZ) teme che il Sole infonda sentimenti d'amore nel cuore della figlia, tali da fondere il suo cuore fatto di ghiaccio. Per evitarlo, la nasconde nella casa di un contadino che abita all'entrata del villaggio dello zar Berendèj (Царь Берендей). Lasciata dunque la foresta dove viveva sola, Snegùrocka si trasferisce nella nuova casa, ma non è felice e per distrarla Kupàva (Купава), la sua migliore amica, la invita alle proprie nozze e le presenta il mercante Mizghìr (Мизгирь), il fidanzato. Questi si invaghisce subito di Snegùrocka e abbandona Kupàva, che si rivolge allo zar Berendèj per averne protezione. Berendej interroga la figlia del GELO (MOROZ), che risponde di non amare nessuno, e, non sapendo come conciliare le due giovani donne, le invita alla festa di propiziazione della fine dell'inverno. Durante la festa la Fanciulla di Neve resta immobile immersa nella sua tristezza glaciale. Kupàva invece accetta l'amore di un pastòre Lel’ (Лель) che desidera sposarla. A sera Mizghìr confèssa il suo amore alla figlia di Primavera che ne resta colpita, tanto da tornare nei boschi a supplicare la madre di farle dono dei sentimenti d'amore. La fata Primavera appare portando una ghirlanda di fiori per la figlia. Snegùrochka sente mutare dentro di sé qualcosa e va incontro a Mizghìr. Un sentimento nuovo, un'emozione mai provata prima, spinge la fanciulla ad accettare la proposta di matrimonio. Sulle nozze che si stanno per celebrare Mizghìr invoca la benedizione dello zar, ma un raggio di Sole, simbolo dell'amore, colpisce la fanciulla che, sciogliendosi, scompare.
Mizghìr disperato e affranto dal dolore si getta nel lago.
Dissoltasi la figlia del gelido MOROZ, il sole ricomincia a splendere.»

Il nome Snegùrochka deriva dalla parola «sneg» che in russo significa «neve». Nella fiaba pagana Snegùrochka è la figlia del Nonno Gelo, ma ora Snegùrochka è la sua nipotina. Perché è così, non si sa.

Oltre all’opera lirica di Nikolaj Rìmskij-Kòrsakov «Snegurochka», si deve parlare delle musiche per il teatro drammatico, del ciclo musicale per orchestra «Snegùrochka» di Piotr Ciajkovskij che è molto molto bello. Anche la Sinfonia No.1 di Ciajkovskij è tutta intrisa di lirismo invernale. La Sinfonia No.1 si chiama «Sogni Invernali» o «Sogni d’Inverno» cioè in russo «Зимние Грёзы». Questa sinfonia è molto bella, invernale e ci sentirete Nonno Gelo, la neve, la trojka. È l’Inverno Russo. La sinfonia si divide in quattro parti:

I.Allegro tranquillo «Sogni di un viaggio invernale»
Il primo movimento trae ispirazione dai viaggi invernali che Ciajkovskij ricorda durante l’estate. I sentimenti del ricordo uniti all’affascinante paesaggio invernale russo.
II.Andante cantabile ma non troppo «Terra di desolazione, Terra di nebbie»
Il secondo movimento in una dolcissima e malinconica melodia. La bellissima melodia affidata all’oboe conferisce un sapore inequivocabilmente russo.
III.Scherzo: Allegro scherzando giocoso
Il terzo movimento è quasi una danza popolare, che si trasforma verso caratteri tormentati e malinconici.
IV.Finale


  

felice_anno_nuovo.jpg
Descrizione: FELICE ANNO NUOVO 
Dimensione: 28.21 KB
Visualizzato: 4295 volta(e)

felice_anno_nuovo.jpg






Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Condividi Rispondi Citando  
Messaggio Re: «I DUE CALENDARI» (giuliano e gregoriano) 
 
«I DUE CALENDARI» (giuliano e gregoriano)
«ДВА КАЛЕНДАРЯ» (юлианский и григорьянский)

Un piccolo vocabolarietto russo-italiano:  
Рождèственский Сочèльник (Rozhdèstvenskij Socèlnik) = La Vigilia di Natale
Рождествò Христòво (Rozhdestvò Christòvo) = Il Natale del Signore
С Рождеством Христовым! (S Rozhdestvòm Christòvym!) = Buon Natale!
Нòвый Год (Nòvyj God) = Il Capodanno
С Новым Годом! (S Nòvym Gòdom!) = Felice Anno Nuovo!
«Стàрый» Нòвый Год  («Stàryj» Nòvyj God) = Il «Vecchio» Capodanno

  



Offline Profilo Invia Messaggio Privato
Download Messaggio Torna in cima Vai a fondo pagina
Mostra prima i messaggi di:
Nuova Discussione  Rispondi alla Discussione  Ringrazia Per la Discussione  Pagina 1 di 1
 

Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti Registrati: Nessuno


 
Lista Permessi
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare gli allegati in questo forum
Puoi inserire eventi calendario in questo forum